mercoledì 14 aprile 2021

Il gruppo di Hudson Bay ha dichiarato di prendere in considerazione l’offerta di acquisizione di scaffalature

Di Scott Deveau e Sandrine Rastello

Il presidente della Hudson’s Bay Co., Richard Baker, potrebbe ritirare un’offerta per portare il rivenditore in difficoltà dopo i regolatori hanno ritardato il voto sull’accordo a seguito di lamentele da parte di un azionista di minoranza.

Il gruppo di investitori che controlla il proprietario di Saks Fifth Avenue sta “valutando i passi successivi, inclusa la conclusione della transazione”, in base a un promemoria inviato ai consulenti. Il gruppo prevede di prendere una decisione finale entro una settimana circa, secondo la nota. Fino ad allora, è “sospeso” fino a nuovo avviso, il che significa che non è necessario lavorare sull’affare.

Il gruppo Baker ha citato i risultati del terzo trimestre e ordinato un ritardo nel voto degli azionisti da parte dell’Ontario Securities Commission a fine venerdì Il regolatore canadese ha approvato una denuncia dell’azionista di minoranza Catalyst Capital Group Inc., che aveva cercato un ritardo e aumentato la divulgazione dell’offerta Baker. Il voto era stato programmato per dicembre 17 sul $ 10. 30 un’offerta azionaria che ha valutato la società con sede a Toronto a $ 1,9 miliardi.

La decisione prendere in considerazione la possibilità di ritirare l’offerta arriva dopo che i colloqui preliminari hanno dimostrato che il gruppo Baker non aveva ricevuto il supporto necessario dagli investitori per procedere con la transazione, secondo le persone che hanno familiarità con la questione. L’offerta richiedeva il sostegno della maggioranza degli azionisti di minoranza.

L’accordo ritirato avrebbe riportato l’attenzione sui tentativi del rivenditore di ribaltare la propria attività e trova un mix redditizio tra lo shopping online e lo shopping tradizionale

Un rappresentante di Hudson’s Bay non è stato immediatamente disponibile per un commento.

L’accordo concluso avrebbe restituito l’attenzione ai tentativi del rivenditore di invertire la propria attività e trovare un mix redditizio tra lo shopping online e quello tradizionale. Mentre ha ridotto il debito dopo aver venduto attività in Europa, la Baia di Hudson sta ancora lottando per aumentare le vendite nella sua omonima catena in Canada, la più antica azienda del Nord America, mentre Saks ha recentemente mostrato segni di indebolimento. Il rivenditore di lusso di questo mese ha registrato il suo primo calo delle vendite nello stesso negozio in almeno otto trimestri.

Le azioni di Hudson’s Bay, che sono state negoziate ben al di sotto dell’offerta Baker nelle ultime settimane, sono balzate in avanti rispetto al chiuso il venerdì a $ 8. 81. Gli investitori scommettono che un rifiuto da parte degli azionisti dell’offerta potrebbe richiedere un’offerta addolcita dal gruppo Baker, che controlla 57 la percentuale dell’azienda.

Catalyst, la società di private equity con sede a Toronto gestita da Newton Glassman, aveva fatto la propria proposta a $ 11 una quota che fu respinto da un comitato speciale del consiglio perché il gruppo di Baker era fermamente convinto che non avrebbe offerto le sue quote. Il gruppo Baker ha respinto l’offerta di Catalyst come “illusoria”, affermando che il suo piano di finanziamento “sconsiderato” si sarebbe aggiunto al debito della società.

Il voto era destinato a essere una dura battaglia per Hudson’s Bay, poiché solo Catalyst deteneva quasi un terzo dei 100 milioni di azioni da conteggiare nel voto. Un ulteriore ostacolo è stato il rafforzamento degli azionisti, poiché raramente tutti partecipano a tali voti.

Complicando la questione, le società di consulenza erano emerse da diverse parti, poiché Institutional Shareholder Services Inc. ha invitato gli investitori votare contro l’offerta mentre Glass Lewis & Co. la sostenevano.

Bloomberg.com

Come riportato da Financial Post