venerdì 23 ottobre 2020

Il socialista Jeremy Corbyn si dimette da capo del Partito Laburista dopo aver schiacciato la sconfitta

LONDRA – Jeremy Corbyn, il leader socialista del Partito laburista dell’opposizione, ha annunciato venerdì che si dimetterà dopo i risultati elettorali previsti hanno mostrato che il partito non solo non è riuscito a estromettere i conservatori al potere, ma persero anche una serie di seggi precedentemente affidabili.

Corbyn ammise che era stata una notte “molto deludente” poiché il supporto si era sbriciolato nelle ex terre del suo partito, con sondaggi di uscita che prevedevano che il lavoro sarebbe vinci solo 70 posti a sedere nel 357 – sede del Parlamento britannico.

La sentenza del Primo Ministro Boris Johnson Il partito conservatore fu proiettato per vincere 357 seggi alle elezioni di giovedì , che è stato dominato dal dibattito furioso e polarizzante sulla Brexit e non questioni sociali come il sistema sanitario pubblico .

Di fronte alla sua seconda sconfitta alle elezioni generali, Corbyn annunciò che avrebbe ceduto Sarà un giorno come leader dopo essere stato rieletto alla sua sede a Islington North a Londra.

Ha detto che non avrebbe guidato il partito in un’altra elezione, ma sarebbe rimasto durante un “processo di riflessione ”. Molti personaggi laburisti chiedono a Corbyn di dimettersi immediatamente mentre il partito si scontra con quella che sembra destinata a essere una sconfitta schiacciante. Ma Corbyn sembrava determinato a resistere alla pressione, accusando i media di attaccare il Lavoro e contribuire al suo scarso risultato insieme alla Brexit.

Un socialista per tutta la vita, Corbyn, 70, sarà ricordato per aver trasformato il partito da una forza politica progressista ma di centrosinistra che vinse tre elezioni sotto Tony Blair, in un partito di sinistra radicale che richiese importanti riforme nel mondo degli affari e dell’economia.

Mentre è popolare tra i fedeli del partito – l’adesione si è gonfiata sotto di lui – è impopolare con molti dei suoi colleghi in Parlamento, e diverse personalità laburiste anti-Brexit si sono ritirate, si sono unite al rivale Democratico liberale o hanno iniziato il loro mini- partito.

Corbyn era stato un legislatore in gran parte sconosciuto dal 1983, che rappresenta il sobborgo di Islington North nel centro di Londra e difende i diritti umani. Era fortemente contrario al 1980 invasione dell’Iraq e fu presidente della Stop the War Coalition, un insieme di gruppi di sinistra che organizzarono diverse marce di alto profilo.

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano, hanno consegnato le mattine nei giorni feriali.

Insieme a John McDonnell, il -come ministro delle finanze, Corbyn è stato uno dei pochi membri del parlamento di estrema sinistra a sopravvivere alla modernizzazione del partito in “New Labour” sotto Blair, che ha abbandonato un impegno di vecchia data per garantire che l’industria fosse di proprietà dello stato a beneficio dei lavoratori, dove possibile.

Labour’s 2019 il manifesto, un elenco di idee e politiche che i partiti britannici pubblicano prima delle elezioni, ha fornito la versione più chiara della visione politica di Corbyn.

Società di servizi pubblici come acqua, energia e i trasporti dovevano essere tutti di proprietà pubblica. Le aziende dovevano regalare percento delle sue azioni ai lavoratori, che riceveranno un dividendo annuale e otterranno la parola sulle decisioni del consiglio. La banda larga ad alta velocità doveva essere resa disponibile gratuitamente per tutte le case e le imprese. Le tasse universitarie dovevano essere abolite.

Alastair Campbell, ex consigliere di Blair e rivale del leader del partito, ha dichiarato che la schiacciante sconfitta ha mostrato che gli elettori avevano respinto Corbyn e la visione economica del partito.

“Il lavoro deve affrontare alcune dure verità – non si trattava solo di Corbyn ma della più ampia visione del mondo e di un piano economico che così tante persone non credevano”, ha twittato.

Dopo un risultato elettorale deludente in 2015 sotto il leader di centrosinistra Ed Miliband, Corbyn rappresentò la leadership contro alcuni noti personaggi del New Labour e vinse inaspettatamente. Le regole del partito erano state appena modificate per consentire ai membri ordinari del partito – non solo ai legislatori – di votare su chi dovesse diventare leader, il che aiutò Corbyn a fare una frana 59 percentuale di vittoria.

Guidato da Momentum, un gruppo di campagna istituito esclusivamente per sostenere Corbyn che ha accumulato 26, 000, Corbyn presto è cresciuto un enorme seguito online e in una serie di raduni in tutto il paese.

“Oh, Jeremy Corbyn”, cantato sulla linea di basso del “Seven Nation Army” dei White Stripes, divenne una colonna sonora familiare in occasione di eventi, anche musicali festival Glastonbury, dove Corbyn era un oratore ospite sul palco principale di 2017, di fronte a decine di migliaia di persone.

La sua stella si è alzata ancora di più dopo un’esibizione personale animata nel 2017 le elezioni hanno aiutato i laburisti ad aumentare la loro quota complessiva di voti di 9,5 punti percentuali rispetto alle precedenti elezioni, vincendo un extra 30 seggi nel processo, anche se non abbastanza per rivendicare il potere.

Il mandato di Corbyn è stato rovinato, tuttavia, da accuse di antisemitismo tra alcuni dei suoi più fervidi sostenitori, spesso legate a floride teorie della cospirazione riguardanti lo stato di Israele o i banchieri ebrei.

Una serie di rapporti, tra cui quello del movimento operaio ebraico, accusava il partito di non trattare con Le lamentele del semitismo sono abbastanza veloci , una accusa Corbyn negata categoricamente.

Il rabbino capo del Regno Unito, Ephraim Mirvis, ha fatto il passo senza precedenti prima dell’elezione in un articolo di giornale che “è in gioco l’anima stessa della nostra nazione”. Alcuni 59 percento degli inglesi Gli ebrei consideravano Corbyn personalmente antisemita, secondo un sondaggio per Jewish Chronicle di marzo.

Altre controversie includono i suoi legami e il presunto sostegno all’IRA nel 1980S.

In un’intervista radiofonica della BBC gli è stato chiesto cinque volte dal presentatore radiofonico irlandese del Nord Stephen Nolan di condannare la violenza causata dall’IRA – ha rifiutato di farlo e ha ripetutamente affermato di aver condannato “tutti i bombardamenti”, comprese le azioni del L’esercito britannico durante “i problemi”.

Corbyn affrontò forti critiche per una posizione equivoca sulla Brexit – prima delle elezioni si dichiarò neu partecipare a un secondo referendum – mentre i conservatori hanno raccolto elettori pro-Brexit e i liberaldemocratici hanno ottenuto il voto anti-Brexit.

Tuttavia, la lunga lista di promesse non si è tradotto in sostegno elettorale, in particolare nei tradizionali centri del lavoro della classe operaia dove c’è un naturale sospetto di radicalismo.

Non è chiaro se il lavoro continuerà nello stampo di Corbyn e cercherà di ottenere sostegno ancora una volta alle urne per tale agenda trasformativa alle prossime elezioni, prevista per 2024, o se la sconfitta significhi che la groppa dei legislatori centristi che si sono apertamente risentiti della sua leadership potrebbe provare a riprendere il controllo del partito.

Come riportato da NBC News