sabato 28 novembre 2020

Infine, alcune buone notizie per gli stock di marijuana

                                                                 

Nuovi dati suggeriscono che il pessimismo del brodo di cannabis potrebbe finalmente diminuire.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

In un solo anno, le scorte di marijuana sono passate dall’essere un bancomat per gli investitori al vuoto cercando di risucchiare il loro capitale di investimento asciutto.

A seguito di un incredibile primo trimestre, che ha visto guadagnare più di una dozzina di stock di pentole 70% nel valore, gli investitori azionari di cannabis subirebbero una ripida tendenza al ribasso di nove mesi per il resto dell’anno. Problemi di approvvigionamento in Canada, aliquote fiscali esorbitanti sull’erba nei principali mercati statunitensi e una gigantesca presenza sul mercato nero hanno lavorato insieme per impedire alle scorte di marijuana di realizzare il loro potenziale. Di conseguenza, le scorte di cannabis hanno sofferto, mentre i venditori allo scoperto si sono rallegrati.

Tuttavia, un recente controllo di scarso interesse per un certo numero di stock di marijuana elencati nel Nasdaq o la Borsa di New York (NYSE) hanno rivelato alcune buone notizie: le azioni detenute da venditori allo scoperto sono diminuite per alcuni dei titoli azionari più popolari tra fine novembre e la fine di dicembre. In un altro contesto, il pessimismo è scemato per la prima volta da molto tempo.

Ecco cinque titoli di cannabis che hanno visto un notevole declino delle azioni a corto di titoli.

Fonte immagine: Getty Images.

Aurora Cannabis

Nel 2019, il lo stock di marijuana più popolare nel mondo , Aurora Cannabis ( NYSE: ACB ) , finito per perdere più della metà del suo valore e approssimativamente 80% del prezzo delle sue azioni dal suo massimo annuale fissato a marzo. I venditori allo scoperto hanno completamente ripulito dopo che Aurora non è riuscita a produrre un EBITDA corretto , come inizialmente la società aveva suggerito di fare. Inoltre, ha interrotto i progetti di costruzione in alcuni dei suoi più grandi impianti di coltivazione, oltre a dimezzare il suo massimo potenziale di produzione.

Nonostante ciò, il numero di azioni detenute a breve è diminuito da 172 .9 milioni alla fine di novembre a 156 milioni entro la fine dell’anno. Questa era probabilmente una combinazione di vendite allo scoperto che bloccavano i profitti, nonché la consapevolezza che Aurora è ancora un grande produttore potenziale con una grande presenza internazionale. Se e quando il mercato canadese della cannabis risolverà i suoi problemi di approvvigionamento, il profilo di rischio contro premio potrebbe benissimo favorire Aurora.

Naturalmente, con Aurora Cannabis che si contende gravi problemi di liquidità e ciò che credo sia un massiccia svalutazione in attesa di accadere , il 156 milioni di azioni che rimanere a corto potrebbe ancora essere ricompensato profumatamente.

Fonte immagine: Getty Images.

HEXO

Un altro stock di cannabis che ha permesso agli investitori di fare banca in 2019 ha sede in Quebec HEXO ( NYSE: HEXO )

. L’anno scorso, il capannone HEXO 37% del suo prezzo delle azioni, e ha chiuso in calo di oltre il 80% dal suo massimo di fine aprile. Fiscale una tantum 2018 le proiezioni di vendita sono state completamente eliminate dal management, con HEXO che ha anche annunciato tagli significativi della produzione di picco .

Tuttavia, gli ultimi dati di breve interesse hanno anche mostrato che i pessimisti hanno ridotto le loro partecipazioni in HEXO da 35 milioni di azioni a fine novembre a 27. 3 milioni di azioni entro la fine di 2019. Un sostanziale calo del prezzo delle azioni di HEXO, aggravato da movimenti di riduzione dei costi come il licenziamento di 200 i dipendenti e i suddetti tagli alla produzione, avrebbero potuto convincere i pessimisti che il rovescio della medaglia della società era limitato.

Ciò che resta da vedere è se HEXO può mantenere la sua quotazione sul NYSE, che richiede un prezzo minimo di $ 1. Le azioni di HEXO sono state così gravemente ostruite da errori regolamentari e basati sulla società che si sta avvicinando a questo prezzo minimo. Se HEXO finisce ottenendo l’heave-ho dal NYSE , i venditori allo scoperto probabilmente si accumulerebbero di nuovo.

Fonte immagine: Getty Images.

OrganiGram Holdings

New Brunswick-based OrganiGram Holdings ( NASDAQ: OGI ) non ha avuto un brutto anno come Aurora o HEXO. Tuttavia, non ha impedito ai venditori allo scoperto di godere di un 31% calo del prezzo delle azioni di OrganiGram, principalmente stimolato per problemi di approvvigionamento in Ontario e una perdita fiscale del quarto trimestre superiore alle attese.

Tuttavia, i dati più recenti mostrano che l’interesse breve per OrganiGram è diminuito da 10. 2 milioni di azioni a fine novembre a soli 9,3 milioni di azioni entro la fine di dicembre. Essendo l’unica società ad aver generato finora un utile operativo trimestrale senza fronzoli, non è sorprendente vedere i pessimisti avvicinarsi a OrganiGram con cautela.

Inoltre, i rimanenti venditori allo scoperto sono stati probabilmente bruciati fino a diventare frizzanti mercoledì scorso, gennaio 15, dopo che OrganiGram si sollevò 45% dopo i risultati fiscali del primo trimestre. Sebbene la società abbia finito per perdere una piccola quantità di denaro, le entrate hanno superato le aspettative e la società ha calmato i nervi degli investitori suggerendolo ha abbastanza capitale per finanziare le sue operazioni esistenti e l’attività di espansione. Questo non è un pentola i venditori allo scoperto dovrebbero attaccare.

Fonte immagine: Getty Images.

Aphria

Anche se non ha avuto un anno terribile, Aphria ( NYSE: APHA ) è rimasto un popolare candidato alla vendita allo scoperto in 2019. Le azioni della società hanno perso solo l’8% l’anno scorso, sebbene ciò abbia sottoperformato l’S & P a larga base 500 di 35 punti percentuali, rendendolo così una vittoria per i pessimisti.

Ma tra la fine di novembre e la fine di dicembre, le azioni detenute a corto di Afria sono diminuite da 35 .5 milioni a 25 9 milioni. Questo riflusso del pessimismo potrebbe avere a che fare con la compagnia riportando due utili trimestrali consecutivi (aiutati da rettifiche di valore equo) nel Q4 fiscale 700 e Q1 2020. La filiale di distribuzione farmaceutica dell’azienda, CC Pharma, ha acquisito a gennaio 2019, è stato un vantaggio per i risultati di punta di Aphria, mentre le entrate della cannabis per uso adulto sono costantemente aumentate.

Quindi, i rimanenti venditori allo scoperto potrebbero puntare su Incapacità di Afria di riconquistare la fiducia degli investitori . Nonostante una serie di accuse da venditori allo scoperto che circondano Aphria all’inizio 2019 che si è rivelato falso, un comitato indipendente ha trovato conflitti di interesse con un piccolo numero di dirigenti riguardanti le attività dell’America Latina Acquista. Ciò ha portato il CEO di lunga data Vic Neufeld a dimettersi, e da allora ha gettato una nuvola su questo stock. La fiducia è una cosa molto difficile da recuperare.

Fonte immagine: Getty Images.

CannTrust Holdings

Infine, c’è forse il candidato più logico per la vendita allo scoperto di tutti, CannTrust Holdings ( NYSE: CTST ) . Quando 2019 giunse al termine, CannTrust aveva perso 81% del suo valore, gran parte del quale è stato il risultato di un’ammissione di luglio che coltivava illegalmente marijuana in cinque stanze senza licenza per un periodo di sei mesi (ottobre 2018 marciare 2019). La società alla fine vedrebbe il suo licenze di coltivazione e vendita sospese a settembre da Health Canada.

Anche con questa notizia, le azioni di CannTrust sono state brevemente ridotte da 13. 1 milione a 10. 1 milioni nell’ultimo mese dell’anno. Ciò probabilmente ha avuto a che fare con il calo del prezzo delle azioni della società al di sotto di $ 1, minimizzando così i potenziali rendimenti futuri per i pessimisti. Ricorda, i guadagni per i venditori allo scoperto sono limitati a 80% se un titolo arriva a $ 0, ma le loro potenziali perdite non vengono mai coperte.

Il mio sospetto è che i venditori allo scoperto possano ottenere un’ultima spinta da CannTrust se la società è alla fine cancellato dal NYSE . Sebbene CannTrust abbia riguadagnato il livello azionario di $ 1, non ha ancora riportato i suoi risultati operativi in ​​otto mesi, il che è un requisito per la quotazione continua. Ma, come Aphria, CannTrust ha ancora molta strada da fare prima di riguadagnare la fiducia degli investitori.

                                                                                                                                                                                                                 Sean Williams possiede azioni di CannTrust Holdings Inc. Il Motley Fool raccomanda CannTrust Holdings Inc, HEXO, Nasdaq e OrganiGram Holdings. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com