sabato 31 ottobre 2020

Kelly Evans: Cosa non ha fatto schiantare i mercati

Ci sono molte notizie orribili là fuori, quindi lasciatemi menzionare qualcosa di un po ‘più fiducioso: che ci sono volute tutte queste terribili notizie per far crollare il mercato.

Ecco cosa intendo. Per anni abbiamo sentito da alcuni critici che questo mercato è costruito sulla sabbia, che è tutto artificiale, che non ci si può fidare, che l’economia è sull’orlo di una recessione, ecc. Questo incidente non ha dimostrato loro giusti – li ha provati male.

Ci è voluta, in effetti, una pandemia globale che ha portato l’economia americana a fermarsi virtuale per far crollare il mercato 40%. Ci sono voluti milioni di americani a cui è stato ordinato di rimanere a casa per porre fine alla più lunga espansione della storia recente. Ci è voluta la peggior pandemia di salute in almeno cinquant’anni per (si spera temporaneamente) fermare la piena occupazione.

Dopo la Grande Recessione si pensava che la Fed avesse bisogno di riportare il PIL al suo tasso di esecuzione precedente, essenzialmente per ripristinare il percorso che avevamo intrapreso in precedenza. Ero scettico di questo. Il percorso precedente era stato alimentato da una bolla immobiliare insostenibile e da un’enorme leva finanziaria. Se di conseguenza dovessimo seguire un percorso di crescita “nuovo normale” più lento e più lento, così sia.

Questa flessione è diversa. Il rischio ora è in realtà che lasciamo che uno shock di crescita temporanea riduca permanentemente il PIL, o in altre parole, il nostro standard di vita collettivo. Penso che dovremmo tentare di tornare al nostro precedente percorso di crescita, che è esattamente ciò che Michael Darda di MKM Partners ha richiesto.

La sua tabella sotto mostra la differenza: la linea nera è il percorso di crescita che stavamo attraversando nella crisi del coronavirus. Se non proviamo a tornare lassù (che è la linea tratteggiata grigia), rischiamo di rimanere sulla linea rossa inferiore. (“PIL” significa semplicemente PIL “nominale”, e lo usa per sottolineare che tornare al percorso di crescita precedente sarà un mix di crescita reale e inflazione dei prezzi.) In pratica, ciò significa provare per migliore del 4% di crescita nominale per un po ‘fino a quando non torniamo in pista.

In conclusione – e ho chiesto all’economista della BofA Michelle Meyer di questo nello show di ieri – la Fed potrebbe, e probabilmente dovrebbe, “puntare” su un ritorno al percorso di crescita della linea nera in luogo del suo solito obiettivo di inflazione del 2% per un po ‘. Sebbene sia vero che all’inizio potrebbe essere un po ‘complicato comunicare, penso che le persone possano guardare l’immagine e capire qual è l’obiettivo. Probabilmente sarebbe più comprensibile del controverso obiettivo di inflazione del 2% che il pubblico non capisce e Wall Street non crede.

Ci vediamo alle 13!

Kelly

P.S.– Lo scambio è ora un podcast! Fare clic su per iscriversi.

Twitter: @KellyCNBC

Instagram: @realkellyevans

Articolo originale di CNBC