lunedì 18 gennaio 2021

La Cina annuncia nuove esenzioni tariffarie per alcune importazioni statunitensi

Il vice premier cinese Liu Si stringe la mano al presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante una cerimonia di firma per un accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina in Oriente Stanza della Casa Bianca a Washington, DC, gennaio 15, 2020.

Saul Loeb | AFP | Getty Images

La Cina ha annunciato martedì un nuovo elenco di 79 prodotti statunitensi che possono beneficiare di esenzioni dalle tariffe di ritorsione imposte al culmine della guerra commerciale bilaterale, tra le continue pressioni su Pechino per aumentare le importazioni dagli Stati Uniti States.

Il ministero delle finanze cinese ha dichiarato in una dichiarazione che le nuove esenzioni entreranno in vigore a maggio 19 e scadono a maggio 18, 2021. L’ultimo elenco rinuncia alle tariffe sui prodotti inclusi minerali di terre rare, minerali di oro, minerali di argento e concentrati.

Il ministero non ha rivelato il valore delle importazioni dei prodotti. Pechino a febbraio ha dichiarato che concederà esenzioni per 696 le merci statunitensi, compresi i prodotti chiave come la soia e la carne di maiale, basate sulle domande delle aziende.

I principali negoziatori commerciali di Pechino e Washington hanno tenuto un appello la scorsa settimana e hanno discusso dell’attuazione dell’accordo di Fase 1 firmato a gennaio. In base all’accordo, la Cina ha accettato di aumentare i suoi acquisti di beni statunitensi da una 2017 di $ 200 miliardi in due anni, con circa $ 77 miliardi di acquisti aumentati nel primo anno e $ 123 miliardi nel secondo anno.

Rinnovate tensioni tra i due paesi, innescate dal COVID – 19 la pandemia che è iniziata in Cina alla fine dell’anno scorso, solleva anche domande sulla tregua commerciale.

USA Il presidente Donald Trump ha minacciato di concludere l’accordo se la Cina non riuscisse a rispettare i suoi impegni di acquisto.

Il China Global Times, pubblicato dal giornale ufficiale del Partito comunista al potere, ha riferito lunedì che alcuni consiglieri del governo stavano esortando Pechino a invalidare l’accordo commerciale e a negoziarne uno più favorevole alla Cina.

Articolo originale di CNBC