mercoledì 20 gennaio 2021

La Cina sta producendo beni di maggior valore, anche se le fabbriche si stanno allontanando dalla terraferma

Le società cinesi stanno sviluppando e producendo beni di maggior valore, anche se le aziende stanno spostando la produzione fuori dal paese a causa della sua guerra commerciale con gli Stati Uniti e la pandemia di coronavirus, ha detto un esperto giovedì .

“In realtà stiamo assistendo a questo movimento dalla produzione in Cina ad altre località, ma anche alla Cina, quindi investendo in tecnologia”, ha affermato Patrick Winter, socio amministratore dell’area Asia-Pacifico di Ernst and Young.

“Stiamo assistendo a molti processi produttivi che ora si spostano in altre località: giocattoli e macchine fotografiche stanno andando in Messico; personal computer, stiamo vedendo quelli andare in mare aperto dalla terraferma a Taiwan. Altre industrie manifatturiere ( come) la produzione automobilistica in Tailandia, Vietnam e India e così, stiamo assistendo al trasferimento della produzione dalla Cina “, ha detto.

Anche se alcune di queste attività in fabbrica si stanno muovendo fuori dalla terraferma, la Cina sta salendo la catena del valore attraverso i suoi enormi investimenti in tecnologia, intelligenza artificiale, ro botanica e blockchain – a sua volta sviluppando e producendo beni di maggior valore, Winter ha detto a “Squawk Box” della CNBC.

Ci sono “molti investimenti in tecnologia che potrebbero effettivamente spostare la Cina in un punto diverso all’interno della catena di approvvigionamento”, ha aggiunto.

Anche prima che gli Stati Uniti e la Cina lottassero sul commercio per oltre un anno, i costi generali di funzionamento in Cina stavano aumentando a causa dell’aumento del costo dei salari. Le ulteriori tariffe americane imposte ai prodotti cinesi hanno reso solo più costoso il suo funzionamento.

La situazione si è aggravata in quanto i blocchi su larga scala e le restrizioni ai movimenti a causa dell’epidemia di coronavirus interrompono le normali linee di fornitura e complicano ulteriormente la logistica .

Un recente sondaggio condotto da EY ha mostrato che oltre il 67% dei dirigenti senior in Asia Pacific stava già pensando di diversificare la propria catena di approvvigionamento e il ruolo che la Cina avrebbe avuto in questa nuova diversificazione, ha dichiarato Winter.

Diversificare la catena di approvvigionamento significherebbe aumentare la gamma di fornitori che una fabbrica potrebbe scegliere ordinare da. Le considerazioni includono i costi aggiuntivi coinvolti, la rapidità con cui dovrebbero agire e quanto sarebbero sostenibili le forniture da lì.

“Quello che abbiamo visto nel corso di un paio di decenni è una centralizzazione della catena di approvvigionamento e la Cina ha giocato in modo molto pesante – basso costo di produzione, basso costo del lavoro”, ha dichiarato Winter.

La nuova catena di approvvigionamento globale decentralizzata significherà maggiore connettività tra i vari centri tramite la tecnologia, ha aggiunto.

Le considerazioni per la gestione della catena di approvvigionamento saranno ancora incentrate su costi, qualità e consegna, ma ulteriori fattori che le aziende stanno prendendo in considerazione ora includono la resilienza, la reattività e la flessibilità, ha affermato Winter.

Articolo originale di CNBC