giovedì 03 dicembre 2020

Perché è ancora importante prendersi dei giorni liberi dal lavoro, se possibile, mentre si è in blocco

Getty Images | Tim Robberts

Prendere un giorno libero potrebbe non sembrare una priorità nel bel mezzo di una pandemia globale, in particolare quando le misure di blocco diffuse hanno limitato i tempi di inattività ai confini della nostra casa, ma gli esperti dicono che non perdere tempo potrebbe effettivamente essere dannoso per la produttività.

“Mentre Sir Isaac Newton ha escogitato la teoria della gravità lavorando da remoto durante la Grande Peste di Londra (nessuna pressione lì), non aveva anche persone che vi accedessero 24 / 7 su Zoom, WhatsApp ed e-mail “, ha dichiarato Anna Whitehouse, fondatrice di Flex Appeal, una campagna che spinge per un lavoro flessibile per tutti.

Nessuno può lavorare senza sosta ed essere produttivo, in particolare nel contesto di una pandemia globale, ha detto.

“Devi fare una pausa prima di interrompere”, ha aggiunto, dicendo che mentre potrebbe non essere la vacanza all’estero che speravi, i tempi di inattività a prescindere non sono solo un ” bello avere “, è essenziale.

La paura della sicurezza del lavoro potrebbe anche impedire ad alcuni di prendersi del tempo libero. Il coronavirus, che secondo gli ultimi dati ha infettato quasi 2,5 milioni di persone in tutto il mondo, ha costretto molte aziende a chiudere temporaneamente in linea con le misure di blocco.

La tensione finanziaria delle chiusure ha provocato tagli salariali e perdite di posti di lavoro per un certo numero di lavoratori.

Chiedere un giorno di riposo potrebbe quindi sembrare un’enorme domanda, quando la posta in gioco sembra più alta per esibirsi in modo professionale e fare una pausa non sembra una priorità.

Le persone hanno trovato il compito di prenotare le vacanze stressanti anche prima del pandemia, con Totaljobs che ha scoperto che quasi un quarto dei lavoratori ha faticato a prenotare il tempo libero, credendo che il lavoro venga prima.

Questo era secondo il suo sondaggio di 7, 135 lavoratori del Regno Unito in 2017, che ha anche riscontrato che poco più della metà delle persone ha dichiarato di dover prendere tempo libero in orari specifici per soddisfare il proprio datore di lavoro.

Ellie Green, esperta di posti di lavoro presso Totaljobs, ha affermato che affrontare nuovi stress in questi tempi eccezionali significa prendersi più cura che mai delle questioni relative al proprio benessere mentale.

“Se ciò significa consumare parte dell’indennità di ferie e fare ciò che puoi per rilassarti o fare qualcosa che ti piace a casa, puoi”, ha detto.

Burnout e recupero

Vacanze e tempo per staccarsi dal lavoro durante il fine settimana è importante per consentirci di sostenere prestazioni, produttività, creatività e prevenire il burnout, ha affermato Simmy Grover, che tiene lezioni di psicologia organizzativa presso l’University College di Londra.

“Non puoi avere periodi di stress prolungati senza esaurimento se non ti stai riprendendo”, ha detto Grover, aggiungendo che sebbene i modi in cui le persone guariscono da una giornata di lavoro sono stati limitati dal blocco è importante trovare ancora un metodo da staccare.

Ha anche sottolineato l’importanza di distaccarsi mentalmente dal lavoro nei giorni di riposo, incluso il fine settimana, al fine di garantire che siamo effettivamente riposati quando torniamo al lavoro.

Grover ha citato uno studio di maestri di scuola che ha scoperto che coloro che stavano bruciando provavano sentimenti di stress la sera e nei fine settimana.

La magnate dei media Arianna Huffington ha fatto un punto simile in un recente post sul blog sulla leadership durante la pandemia di Thrive Global, la sua società tecnologica che mira a supportare le persone che lottano con lo stress e l’esaurimento.

Ha detto che mentre “gli atleti sono stati i primi a riconoscere che il recupero è essenziale parte delle massime prestazioni “, lo stesso principio suona vero per tutti.

“Quando ci prendiamo cura di noi stessi, vediamo benefici per la nostra salute fisica e mentale, prestazioni e produttività”, ha detto Huffington. “Quando non lo facciamo, paghiamo un prezzo: innovazione, creatività, resilienza, empatia, processo decisionale e team building sono i primi a scomparire quando siamo esauriti e esauriti”.

Si riferiva ai commenti fatti da Ellyn Shook, direttore delle risorse umane presso la società di consulenza Accenture, che inizialmente si preoccupava che fare una passeggiata giornaliera in blocco l’avrebbe allontanata dalle sue responsabilità.

Huffington ha detto che Shook l’ha poi riformulato – “invece di vedere la sua camminata come autoindulgente, è venuta a vederla come un modo per ricaricarsi – e di conseguenza prendere decisioni migliori ed essere un leader migliore. “

Articolo originale di CNBC