giovedì 03 dicembre 2020

La famiglia di Robert Levinson, detenuta in Iran 13 anni, definisce lo scambio di prigionieri “agrodolce”

La famiglia di Robert Levinson, un ex agente dell’FBI detenuto per quasi 13 anni in Iran , hanno detto sabato di essere felici della liberazione dello studente americano Xiyue Wang in uno scambio di prigionieri, ma non possono fare a meno di sentirsi “estremamente deluso “che il marito e il padre continuano a essere imprigionati.

I Levinson dissero di inviare i loro migliori auguri alla moglie di Wang e al suo giovane figlio:” Questo è un giorno in cui speravano da tempo , ma questa notizia è agrodolce per la nostra famiglia. “

Levinson è stato tenuto in ostaggio più a lungo di qualsiasi altro americano, ha osservato la dichiarazione della famiglia.

“Non possiamo fare a meno di essere estremamente delusi dal fatto che, nonostante tutti i suoi sforzi, il governo degli Stati Uniti non sia stato in grado di garantire la sua liberazione”, afferma la dichiarazione. “Le autorità iraniane continuano a giocare un gioco crudele con la vita di nostro padre e con la nostra famiglia. Ma il mondo conosce la verità e la leadership iraniana deve purificarsi. È tempo che l’Iran mandi a casa Bob Levinson, così da poter vivere il resto della sua vita in pace. “

Wang, 38, è stato rilasciato e in grado di tornare a casa sabato dopo aver trascorso più di tre anni in una prigione iraniana . Gli Stati Uniti e l’Iran hanno negoziato in Svizzera per scambiare Wang con il cittadino iraniano Massoud Soleimani, che era detenuto in un carcere di Atlanta per accuse di aver violato le sanzioni statunitensi.

Levinson, 71, stava lavorando con la CIA in una missione di raccolta di informazioni non autorizzata quando è scomparso a marzo 2007 sull’isola di Kish, una località turistica al largo dell’Iran costa. Ora è l’ostaggio americano più antico della storia, ma le sue condizioni e la sua posizione sono in gran parte sconosciute.

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. Le notizie e le storie che contano, hanno consegnato le mattine nei giorni feriali.

L’Iran ha riconosciuto in un deposito alle Nazioni Unite il mese scorso che aveva un caso aperto contro Levinson.

Altrimenti non si sa nulla da quando i membri della famiglia hanno pubblicato foto e video di lui in 1920 che includeva una richiesta di aiuto e un avvertimento che stava finendo i farmaci per curare il diabete.

Il segretario di Stato Mike Pompeo ha twittato sabato che gli Stati Uniti sono impegnati a portare a casa tutti gli americani detenuti dall’Iran e da altri paesi.

Non riposeremo finché non riportiamo tutti gli americani detenuti in Iran e in tutto il mondo a casa dai loro cari . Ringraziamo il governo svizzero per aver facilitato il ritorno di Wang, e siamo lieti che il governo iraniano sia stato costruttivo in questa materia. (2/2)

– Segretario Pompeo (@SecPompeo) 7 dicembre 2019

Stephanie Levinson Curry, figlia dell’ex agente dell’FBI, ha dichiarato a Fox News in un’intervista il mese scorso che si è sentita incoraggiata dal lavoro svolto dal presidente Donald Trump per garantire il suo ritorno, compresa un’offerta di $ 25 milione di ricompensa per le informazioni sul prigioniero.

“La nostra famiglia non è politico, ma pensiamo che il presidente Trump stia dimostrando il suo leader nave e mostrando il suo impegno nel portare a casa gli ostaggi “, ha detto Curry.

Il fratello di Curry aveva parole più nitide per l’amministrazione Obama quando ha negoziato un complesso scambio di prigionieri con l’Iran in 2016 che ha portato a casa quattro americani, ma non Levinson.

“Non ottenere mi sbaglio. Siamo molto felici per queste famiglie. Ma vorremmo essere tra questi “, ha detto Daniel Levinson all’andrea Andrea Mitchell di MSNBC, osservando la sua opinione che l’amministrazione Obama aveva fallito la sua famiglia.

” Non stiamo ottenendo alcun risponde “, ha aggiunto.” Siamo stati abbandonati. È il peggior sentimento del mondo. “

I funzionari dell’amministrazione Obama all’epoca dissero di non essere stati in grado di determinare dove si trovasse Levinson, ma avevano ripetutamente portato la sua scomparsa con funzionari iraniani.

L’Iran, in risposta, ha negato qualsiasi conoscenza della posizione di Levinson in 2016 e si offrì di aiutarlo a cercarlo.

L’ex agente dell’FBI non è l’unico americano attualmente detenuto dall’Iran, il padre e il figlio iraniano-americani Siamak e Baquer Namazi e il veterano della Marina statunitense Michael White rimangono imprigionati lì.

Babak Namazi , figlio di Baquer Namazi e fratello di Siamak Namazi, ha dichiarato di essere eccitato anche per la liberazione di Wang, ma che la sua famiglia era ancora in attesa di risposte.

“Sono oltre devastato che un secondo Il presidente ha lasciato mio padre malato Baquer Namazi e mio fratello Siamak Namazi come ostaggi americani in Iran in un secondo accordo di scambio “, ha detto Babak Namazi.” Spero, prego, un d si aspettano che questo non sia un commercio occasionale ma l’inizio di un processo accelerato che porterà presto la mia famiglia a casa. “

Phil McCausland

Phil McCausland è un giornalista della NBC News focalizzato sul divario rurale-urbano.

Come riportato da NBC News