martedì 24 novembre 2020

La maggior parte dei canadesi ritiene che i prezzi dei generi alimentari stiano aumentando più rapidamente del loro reddito

Una stragrande maggioranza dei canadesi ritiene che i prezzi dei generi alimentari stiano aumentando più rapidamente del loro reddito e più della metà del piano per cambiare le loro abitudini di acquisto in 2020 per far fronte all’aumento dei prezzi delle verdure e della carne, secondo un sondaggio della Dalhousie University di Halifax.

Il sondaggio condotto questo mese con l’Angus Reid Institute ha trovato 53 per cento pianifica qualche forma di cambiamento come mangiare fuori di meno, usare volantini e coupon di più, comprare alla rinfusa e mangiare meno carne. L’88% dell’1 500 intervistato ha affermato di ritenere che i prezzi dei generi alimentari stiano aumentando più rapidamente del loro reddito familiare

“Chiaramente le persone si sentono come in ritardo con le entrate, questo è certo”, ha detto al telefono Sylvain Charlebois, direttore del laboratorio di analisi agroalimentare di Dalhousie. “Non ci aspettavamo una percentuale così alta di canadesi che sentono che i prezzi dei generi alimentari si stanno muovendo molto più velocemente del loro reddito. È stata una grande sorpresa. Abbiamo pensato che sarebbe stato probabilmente 40, 50 per cento, non 87. “

Dalhousie e la Guelph University in Ontario hanno previsto all’inizio di questo mese che i prezzi dei prodotti alimentari canadesi aumenterebbero in media del 4% l’anno prossimo, raddoppiando il tasso di inflazione, aggiungendo quasi $ 500 al conto annuale della spesa della famiglia canadese media. Il loro studio ha citato cause in aumento dei costi come i cambiamenti climatici, gli imballaggi in plastica, le politiche commerciali protezionistiche, le malattie e la personalizzazione delle opzioni alimentari. scala dei prezzi accessibili, dice Carlo Magno, mentre anche i cambiamenti della società che vedono i canadesi mangiare fuori o ordinare di più stanno contribuendo.

Il sentimento di non potersi permettere il cibo sembra essere molto diffuso in diversi settori demografici

“Le spese alimentari stanno assumendo una quota molto maggiore del budget di qualsiasi famiglia al giorno d’oggi”, ha detto Charlebois. “Questo non è solo perché sono esposti a variabili incontrollabili come fluttuazioni valutarie, cambiamenti climatici e modelli meteorologici sfavorevoli, ma hanno anche a che fare con le nostre aspettative e il nostro stile di vita.”

69 il percento dei canadesi intervistati era più preoccupato per i prezzi delle verdure che aumentavano 15 per cento quest’anno. Oltre la metà era anche preoccupata per l’aumento dei costi di carne e frutta.

I canadesi sono preoccupati per l’aumento delle bollette della spesa e cercano modi per ridurre le spese. Tyrel Featherstone / Postmedia

“Il sentimento di non potersi permettere il cibo sembra essere diffuso in tutto diversi dati demografici “, ha osservato il rapporto.

I canadesi sono sulla buona strada per spendere metà del loro budget alimentare in alimenti consumati o prodotti fuori casa da 2032, una pietra miliare superata dagli americani 2016, disse Carlo Magno.

“Sempre più persone escono e spendono di più a persona quando escono nei ristoranti”, ha detto.

Ciò non è stato perso per le persone nel sondaggio, che ha dimostrato che 60 per cento delle persone che hanno intenzione di apportare modifiche ai loro acquisti di prodotti alimentari hanno detto che cercheranno di mangiare meno spesso. Circa la metà intende utilizzare volantini, coupon e sconti di più, 41 per cento ha detto che acquistare in blocco, 31 per cento ha detto che avrebbero mangiato meno carne e circa un un quarto ha dichiarato di voler acquistare più articoli congelati per risparmiare denaro.

Il sondaggio ha anche individuato approcci regionali e culturali per lo shopping in sella ad alcune persone con prezzi più alti. I residenti in Ontario sono i cacciatori di occasioni più attivi perché ritengono che il prezzo sia la considerazione più importante quando fanno acquisti, ha detto Charlebois. Il no. 1 catena di alimentari in Ontario è No Frills, che è “ossa spoglie”, mentre in Quebec la catena principale è Metro, che ha un “labirinto di odori e colori”, ha detto il professore. Gli acquirenti della Columbia Britannica sono anche attratti dall’esperienza sul prezzo, ha detto.

Carlo Magno ha notato che alcuni appartamenti ora non dispongono di spazi per le stufe e che mentre i libri di cucina sembrano volare dagli scaffali dei negozi, sembra di più le persone stanno solo guardando le immagini invece di cucinarsi.

“Il nostro modo di vivere sta cambiando, il modo in cui consumiamo il cibo sta cambiando, le nostre aspettative stanno cambiando in modo che la nostra ricerca della convenienza stia effettivamente andando per costarci “, ha detto il professore. “Se le persone vogliono risparmiare denaro, dovranno scendere a compromessi lungo il cammino.”

Come riportato da Financial Post