lunedì 23 novembre 2020

La ricchezza dei canadesi è divisa secondo le linee razziali, afferma un rapporto sulla disparità di reddito

OTTAWA – I canadesi che si identificano come minoranze visibili non hanno lo stesso accesso agli investimenti e ad altre fonti di ricchezza delle persone non razzializzate, suggerisce un nuovo rapporto sulla disuguaglianza di reddito che esamina l’impatto finanziario del razzismo al di là di posti di lavoro e salari .

“I redditi da lavoro sono la sola o principale fonte di reddito per la maggior parte dei canadesi e le politiche del mercato del lavoro svolgono un ruolo importante nel miglioramento o nel peggioramento delle disparità di reddito”, afferma un rapporto recentemente pubblicato dal Canadian Centre per Politiche alternative, che guarda alla disparità di reddito secondo le linee razziali.

“Ma i mercati del lavoro fanno parte di un contesto politico-economico più ampio, dove le politiche passate e attuali hanno favorito alcuni gruppi di popolazione rispetto ad altri”. dice il rapporto. “Questa storia di accumulo di ricchezza per alcuni, ma non per altri, è un contributo cruciale alla disuguaglianza economica razzializzata oggi.”

Ci sono pochi dati canadesi quando si tratta di esaminare la ricchezza in base alla razza, ma Statistics Canada ha fatto includere alcuni dettagli sui redditi legati alla ricchezza netta – in particolare, le plusvalenze e i redditi da investimenti – suddivisi per visibile stato di minoranza nel censimento 2016.

L’analisi nel rapporto suggerisce una discrepanza tra i canadesi razzializzati, che è il modo in cui i coautori si riferiscono a coloro che si sono identificati nel censimento 2016 come minoranze visibili e canadesi non razzializzati o bianchi. I dati sulle minoranze visibili non includono i Popoli indigeni.

L’8% dei canadesi razziali di età superiore a 15 ha riportato alcune plusvalenze in 2015, rispetto a circa 12 per cento di persone non razzializzate. C’è stato anche un divario negli importi, con i canadesi razzializzati che hanno ricevuto, in media, $ 10, 828 – 29 per cento inferiore alla media dei canadesi bianchi.

C’era anche divario quando si trattava di denaro ricevuto attraverso investimenti, come reddito da locazione da partecipazioni immobiliari o dividendi da azioni.

L’analisi mostra circa 25 per cento delle persone razzializzate ha guadagnato entrate dagli investimenti in 2015, mentre quasi 31 il percento dei canadesi non razzializzati ha ricevuto denaro attraverso investimenti quell’anno. L’importo medio guadagnato è stato di $ 7, 774 per le persone razzializzate e $ 11, 428 per i bianchi.

Sheila Block, economista senior presso il Canadian Centre for Policy Alternatives che ha scritto il rapporto, ha affermato guardare alle disparità di ricchezza, oltre agli aspetti del mercato del lavoro, getta una luce nuova e sfaccettata sulla questione della disparità di reddito in Canada.

“Quando allarghiamo l’obiettivo per guardare alla ricchezza, piuttosto che guardare solo al reddito, può darci un quadro più ampio di quale sia l’impatto cumulativo del razzismo, sia sulla durata della vita di un individuo, ma anche potenzialmente da una generazione all’altra “, ha detto Block.

Ha scritto il rapporto con Grace-Edward Galabuzi, professore associato di politica e pubblica amministrazione presso la Ryerson University, e Ricardo Tranjan, economista politico presso il Canadian Centre for Policy Alternatives.

Block ha detto i dati disponibili negli Stati Uniti mostrano la razza il divario in termini di ricchezza è persino maggiore di quanto non lo sia per il reddito.

Spera che Statistics Canada prenderà in considerazione una domanda sullo status di minoranza visibile nel suo regolare sondaggio sulla sicurezza finanziaria, che raccoglie informazioni I canadesi sul valore dei loro beni e il denaro che devono su tutto, dai mutui alle carte di credito.

Ha detto che dati migliori potrebbero portare a politiche antirazziste più eque ed efficaci.

Una scoperta interessante è stata che gli uomini razzializzati hanno un tasso di occupazione più elevato rispetto agli uomini non razzializzati.

Uno sguardo più attento a questi numeri suggerisce che ciò è legato all’età, poiché il tasso di occupazione per razzializzati gli uomini di età compresa tra 55 e 64 erano 5,9 punti percentuali più alti rispetto ai non uomini razzializzati a quell’età. Al di sotto dell’età di 55, gli uomini non razzializzati avevano tassi di occupazione più elevati.

“Questo tasso di occupazione più elevato per gli anziani razzializzati gli uomini possono riflettere un minore accesso al reddito pensionistico e una riduzione dei guadagni della vita, vale a dire che molti in questo gruppo potrebbero non essere in grado di andare in pensione “, afferma il rapporto.

Il rapporto esamina anche il divario di genere, concludendo che la razza gioca un ruolo importante anche nella disparità di reddito tra uomini e donne.

Secondo il rapporto, che utilizzava dati del censimento 2016, le donne razzializzate guadagnano 59 centesimi per ogni dollaro guadagnato da uomini non razzializzati. Gli uomini razzializzati, nel frattempo, guadagnano 78 centesimi per ogni dollaro guadagnato dalle loro controparti maschili bianche. Il divario era più stretto, ma non chiuso, tra le donne, con donne razzializzate che guadagnavano 87 centesimi per ogni dollaro guadagnato dalle donne bianche.

“ Penso che sia importante guardare alle differenze salariali di genere, piuttosto che al divario salariale di genere “, ha detto Block.

Come riportato da Financial Post