giovedì 03 dicembre 2020

Le accuse di antisemitismo affonderanno Corbyn e il Partito Laburista?

LONDRA – Disuguaglianza sociale, risoluzione della Brexit, investimenti nel servizio sanitario nazionale in difficoltà – questi sono alcuni dei problemi che il partito laburista dell’opposizione britannica aveva sperato di raggiungere in cima all’agenda durante la campagna elettorale.

Invece, il partito è impantanato in una continua crisi antisemitica tra accuse di aver maltrattato il bigottismo tra i suoi membri prima del dicembre 12 votazione. Molti, tra cui attivisti, legislatori e la principale comunità ebraica, affermano che la colpa dello scandalo spetta al leader del partito, Jeremy Corbyn, un socialista senza vergogna e antirazzista autodescritto .

L’ansia è così alta nella comunità ebraica che la scorsa settimana il rabbino capo del Regno Unito ha fatto un intervento senza precedenti, definendo la risposta del partito alle accuse antisemitismo “assolutamente inadeguata” in un lettera al giornale The Times.

Il rabbino capo della Gran Bretagna, Ephraim Mirvis, ha dichiarato che “è in gioco l’anima stessa della nostra nazione” in queste elezioni in un commento sul quotidiano The Times di novembre 25. Simon File Dawson / Reuters

Alcune delle critiche più pungenti sono emerse dal cuore del movimento.

“Sembra non esserci alcuna volontà di impegnarsi con spirito h il fatto che molti ebrei abbiano lasciato la festa, che ritengano che non sia uno spazio sicuro “, ha dichiarato Mike Katz, presidente nazionale del 99 – ebreo di un anno Movimento operaio. Ad aprile, il gruppo ha ritenuto Corbyn inadatto a essere il primo ministro.

A maggio, la Commissione per l’uguaglianza e i diritti umani , il cane da guardia dell’uguaglianza del paese, ha avviato un’indagine formale sulle accuse di antisemitismo nel partito e per determinare se sono stati commessi atti illeciti.

The Jewish Labour Movement o JLM , dice che conosce 87 in sospeso denunce antisemitismo contro il lavoro. Durante un dibattito a novembre 12 con il Primo Ministro Boris Johnson del Partito conservatore al potere, Corbyn ha affermato che il Labour aveva “indagato su ogni singolo caso” di antisemitismo. Il JLM ha fornito un elenco di punti d’azione per sradicare l’antisemitismo, compresi aggiornamenti regolari sul numero di denunce e formazione antisemitismo per il panel delle controversie, ma afferma che non sono stati affrontati.

“La gente vuole scusarlo dicendo che si tratta di piccoli numeri, ma cosa è successo al principio secondo cui un razzista è uno di troppo?”, Ha detto Katz.

I laburisti non hanno risposto alle richieste di commenti di NBC News via e-mail e telefono nel corso di diverse settimane, incluso il reclamo di denunce antisemitismo in sospeso . Martedì, Corbyn ha risposto alle domande su come scusarsi con la comunità ebraica in un’intervista alla BBC, dicendo che il suo governo avrebbe “protetto ogni comunità dagli abusi che ricevono”.

In un video pubblicato ad agosto 2018, Corbyn si scusò “per la ferita che è stata causata a molti ebrei”, e disse che il partito è stato troppo lento nell’elaborare i casi disciplinari.

‘Disperazione e trepidazione’

La comunità ebraica britannica – solo lo 0,5 percento di la popolazione – avere alle elezioni prima di 2015 è stata largamente divisa politicamente, ma la crisi antisemitica ha lasciato molti ebrei nel timore che il risultato elettorale potesse influenzare direttamente il benessere e il benessere della loro comunità nel Regno Unito

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta. ews e storie che contano, consegnate mattine nei giorni feriali.

Nel mese di ottobre, uno il sondaggio per il quotidiano Jewish Chronicle ha rilevato che solo il 7% degli intervistati ebrei prenderebbe in considerazione la possibilità di votare per il lavoro.

Un attivista detiene un cartello che denuncia il leader laburista Jeremy Corbyn al di fuori del lancio del Manifesto della razza e della fede del partito a novembre 26. Isabel Infantes / AFP – Getty Images

Ephraim Mirvis, il rabbino capo del Regno Unito, ha dato voce a molte di queste paure nella sua lettera aperta sul quotidiano The Times di novembre 13.

“When December 12 arriva, chiedo a ogni persona di votare con la propria coscienza. Non c’è dubbio, è in gioco l’anima stessa della nostra nazione “, ha scritto il leader spirituale degli ebrei ortodossi britannici, dicendo che parlava con” il cuore più pesante “.

La lettera di Mirvis seguito quasi quattro anni di lamentele da parte di ebrei membri del partito che affermano che esiste una cultura di antisemitismo tra i membri del Partito laburista.

Corbyn, che da tempo abitava ai margini del Partito laburista, divenne il suo leader in una vittoria a sorpresa nel 2015 dopo la sconfitta del partito in una elezione nazionale, ed è popolare con il grado e il fascicolo del partito. Ma è profondamente impopolare con molti dei suoi colleghi parlamentari, che hanno tentato senza successo di estrometterlo 2016. Ha affrontato le accuse non solo di non aver affrontato l’antisemitismo all’interno dei ranghi del partito, ma anche di aver potenzialmente potuto sostenere lui stesso opinioni antisemite.

Un sondaggio per Il giornale Jewish Chronicle a marzo ha scoperto che in giro 87 il percento degli intervistati ha considerato il leader laburista come antisemita.

Una volta ha messo in dubbio su Facebook una decisione degli ufficiali locali di rimuovere un murale raffigurante banchieri dal naso uncinato che giocavano a monopolio su le spalle dei poveri – ampiamente insultato come un’opera bigotta che ha schierato noti simboli e simboli antisemiti.

Corbyn, che da tempo difende i diritti dei palestinesi e si oppone al invasione dell’Iraq, fu messa alla gogna ad agosto 2016 dopo il video da 2003 emerse da lui accusando il britannico Sion ts di non “capire l’ironia inglese”.

Le sue associazioni con organizzazioni come Hamas ed Hezbollah, i cui rappresentanti ha invitato a un evento in Parlamento in 2009 e chiamato “amici” hanno disturbato la comunità ebraica tradizionale. Corbyn in seguito disse che si pentì della sua scelta di parole. Entrambi i gruppi sono classificati dal Regno Unito e dagli Stati Uniti come gruppi terroristici e hanno ripetutamente chiesto la distruzione di Israele.

L’ex legislatrice del partito laburista Luciana Berger è ora candidata per i liberaldemocratici. Niklas Halle’n / AFP – File Getty Images

Il lavoro non è l’unico partito in Gran Bretagna a dover affrontare accuse di razzismo nei confronti del momento. Dopo le critiche della comunità musulmana sull’islamofobia nei suoi ranghi, il ministro delle finanze del partito conservatore ha dichiarato martedì scorso che avrebbe indagato sulle affermazioni, aggiungendo che ha preso sul serio le critiche della comunità musulmana.

Ma l’anti -La crisi del femminismo ha inghiottito i laburisti in modo che le affermazioni dell’islamofobia non abbiano danneggiato i conservatori. Corbyn ha ripetutamente affermato di detestare l’antisemitismo e i suoi sostenitori accusano i nemici di usare le accuse per minare la sua leadership.

‘Interno e gestibile’

Ci sono ebrei che pensano che sebbene ci sia un questione nel partito, non è una ragione sufficiente per votare per un altro partito.

“Il problema dell’antisemitismo nel lavoro non è una minaccia esistenziale, come è stato caratterizzato in altri media “, Ha detto Rivkah Brown, 25, un sostenitore del lavoro che vive nel distretto di Corbyn. “Il problema del partito laburista è interno e gestibile.”

Ma ciò non è sufficiente per Rebecca Simon, 38, un ex lavoro attivista. Per la prima volta ha in programma di votare per un altro partito.

“Guardo queste elezioni con disperazione e trepidazione”, ha detto.

Ora sta appoggiando la sua candidata liberale democratica locale, Luciana Berger, ex legislatrice laburista ed ex parlamentare del movimento operaio ebraico, che ha lasciato il partito a febbraio, affermando che era istituzionalmente antisemita. Aveva affrontato gravi molestie online e gli sforzi del suo partito laburista locale per esaurirla per la sua mancanza di supporto per Corbyn.

Cartelli per protestare contro l’antisemitismo in una protesta in Parliament Square, Londra a luglio 19, 2018. Vickie Flores / In Pictures tramite file Getty Images

“Mi sento ansioso”, ha aggiunto Simon. “La cosa migliore che mi sembra” buona “è che Jeremy Corbyn non riesca a formare il prossimo governo. A livello nazionale, non sembra che ci sia una posizione positiva per restare indietro. “

Adam Langleben è stato anche un attivista di lunga data e ha lavorato come rappresentante laburista in un consiglio di Londra da 2014 a 2018. Ha detto che dopo che Corbyn ha assunto la guida del partito, ha ricevuto continue molestie sia online sia nel suo partito locale, dove i compagni gli hanno ripetutamente chiesto di giurare la sua lealtà verso Corbyn. Ha anche detto di aver ricevuto almeno una minaccia di morte e di odiare la posta dicendo che stava cercando di abbattere “JC” proprio come avevano fatto prima gli ebrei.

“È diventato così normale che tu diventi abituato e immune ad esso “, ha detto Langleben, 27, che si è dimesso dal partito a febbraio a causa della sua incapacità di contrastare l’antisemitismo tra i membri . Langleben ha dichiarato di aver presentato le prove alla Commissione per l’uguaglianza e i diritti umani e che non è stato in grado di condividere le lettere e le minacce con NBC News.

Langleben ha affermato che per la prima volta non voterà per la Candidato laburista nella sua zona e sosterrà invece i democratici liberali anti-Brexit nelle elezioni.

“Per queste persone non importa se sei un ebreo sionista a sostegno dell’indipendenza palestinese” Egli ha detto. “Importa che tu sia ebreo.”

Come riportato da NBC News 1093951