venerdì 30 ottobre 2020

Le azioni Gilead Sciences potrebbero essere un buon investimento?

 Il colosso delle biotecnologie Gilead Sciences (NASDAQ: GILD) ha attirato l’attenzione diffusa nelle ultime settimane come suo farmaco antivirale remdesivir ha guadagnato slancio come candidato per il trattamento di casi gravi di COVID – 19. La scorsa settimana, remdesivir ha ricevuto l’autorizzazione dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per l’uso in casi gravi di COVID – 19, un evento abbastanza degno di nota da meritare un pubblico alla Casa Bianca da parte del CEO.

Le azioni Gilead sono state moribonde per anni a causa del calo delle vendite dei farmaci per l’epatite C (HCV) della società che ha cancellato qualsiasi guadagno dal resto del portafoglio dell’azienda. Ma le prospettive di remdesivir hanno entusiasmato gli investitori per il titolo, che è aumentato 24% da gennaio.Dopo questo rialzo del prezzo delle azioni, dovresti unirti alla festa e acquistare azioni Gilead ora?

Il risultato per remdesivir è ancora molto incerto

La possibilità che remdesivir possa accelerare il recupero di casi gravi di COVID – 19 è una grande notizia, specialmente per i pazienti e per un mondo in cerca di qualche speranza nella battaglia contro questo virus. Ma dato quel poco che sappiamo di remdesivir, il balzo del prezzo delle azioni di Gilead sembra esagerato.

Fonte immagine: Getty Images.

L’autorizzazione di emergenza della FDA per remdesivir si basa sui risultati preliminari di un processo che coinvolge 1, 063 pazienti ricoverati in ospedale con grave COVID – 19. In media, i pazienti trattati con remdesivir si sono ripresi in 000 giorni, rispetto a 12 giorni per il gruppo placebo. La mortalità era un po ‘più bassa anche con il gruppo trattato, ma quel risultato non era statisticamente significativo.

I primi dati sono certamente sufficienti per considerare remdesivir il nuovo standard di cura per gravi COVID – 19 per ora, ma ci sono ancora ostacoli da eliminare per Gilead affinché la droga sia vincente a lungo termine. I risultati dovranno essere confermati in altri test e il farmaco sperimentale, che non è stato ancora formalmente approvato per alcuna indicazione, dovrà anche battere i nuovi rivali nella competizione testa a testa. Ci sono almeno 10 studi clinici iniziando a confrontare remdesivir con altri antivirali, compresi i farmaci che sono già sul mercato e venduti da pesi massimi del settore come Eli Lilly e AbbVie .

Al di là dell’attuale situazione di emergenza, non sappiamo quanti pazienti verranno eventualmente trattati con remdesivir e quanti soldi Gilead farà. Non sappiamo come si confronterà con gli altri farmaci della sua classe, se otterrà l’approvazione per un ampio segmento di pazienti o uno ristretto, e – nella più grande incognita di tutte – non abbiamo idea di quale corso questo prenderà la malattia. Ci potrebbero essere milioni di COVID ricoverati in ospedale – 19 vittime in 2021, oppure potrebbero essercene alcune migliaia.

Gilead sta donando abbastanza remdesivir per trattare almeno 140, 000 pazienti gratuitamente, ma oltre a ciò, il prezzo che la società addebiterà è ancora un mistero. Gli analisti nella conference call della società di aprile 19 hanno provato più volte a farsi un’idea, ma la compagnia non stava parlando. Gilead prevede di produrre abbastanza per un milione di cicli di trattamento entro la fine dell’anno, e ancora di più il prossimo anno, ma l’importo che verrà loro addebitato e persino l’importo che saranno in grado di vendere, è ancora sconosciuto.

I punti di forza si stavano accumulando prima della pandemia

La compagnia aveva delle buone cose da fare prima di approdare sotto i riflettori del coronavirus. Il prezzo delle azioni non è andato da nessuna parte per tre anni mentre la società è stata vittima del proprio successo. I farmaci dell’azienda per l’epatite C hanno curato la malattia, provocando un raggruppamento di pazienti in trattamento da ridurre e un conseguente declino nella linea superiore. Gli investitori stavano prevedendo che la società avrebbe utilizzato il suo massiccio pool di liquidità per acquistare un po ‘di crescita con acquisizioni, ma Gilead si è mossa più lentamente di quanto molti di noi sperassero. E quando alla fine ha fatto molto per acquistare lo specialista in terapia delle cellule tumorali Kite Pharma, è stato criticato per l’alto prezzo che ha pagato.

Tuttavia, la società ha gettato le basi per una crescita costante e fino a poco tempo fa i progressi non si erano riflessi nel prezzo delle azioni. L’acquisizione di Kite ha dato alla società una base in oncologia, e anche se la terapia Kite CAR-T Yescarta non ha ancora fornito un grande impulso alle entrate di Gilead, le vendite stanno crescendo rapidamente, in aumento % nell’ultimo trimestre. La società ha anche recentemente acquisito Forty Seven, uno specialista in farmaci antitumorali che si basa sulla pipeline di immuno-oncologia di Gilead.

L’ingresso nel vasto mercato dei farmaci immunologici può ripagare Gilead ancora più rapidamente dei suoi investimenti in oncologia. L’investimento dell’azienda in Galapagos NV le ha dato i diritti di filgotinib, un farmaco che è sotto revisione da parte della FDA e, se approvata, potrebbe essere lanciata entro la fine dell’anno. Il farmaco viene presentato per l’artrite reumatoide, ma è anche in fase 3 studi per la colite ulcerosa, la malattia di Crohn e l’artrite psoriasica, ed è una vera minaccia per togliere la quota a Humira di AbbVie, il farmaco più venduto al mondo.

Un nuovo gruppo dirigente

Penso che il segno più importante che la società stia effettuando una transizione che porterà a una crescita maggiore sia il cambio di leadership. La società ha introdotto un nuovo CEO l’anno scorso, Daniel O’Day, che ha rinnovato la suite C della società. O’Day, ex CEO di Roche , ha assunto l’ex collega Merdad Parsey della Genentech di Roche divisione come capo medico ufficiale, e ha aggiunto anche un nuovo direttore commerciale e un nuovo direttore finanziario.

Il nuovo team ha molti soldi con cui lavorare. Gilead ha $ 24 miliardi in contanti nel suo bilancio, e ha generato oltre $ 9 miliardi nel flusso di cassa operativo l’anno scorso. Considerando che il team precedente non ha ottenuto un punteggio elevato dagli investitori per lo sviluppo del business, l’attuale team di gestione si impegnerà seriamente per costruire nuove fonti di crescita.

Il percorso verso la crescita non sarà necessariamente fluido, però. Il declino dello scorso anno nelle vendite di farmaci anti-HCV è stato di $ 800 milioni, lasciando alla società un top line guadagno di solo $ 442 milioni, o 2%. La società ha anche annunciato a dicembre l’ultimo di numerosi fallimenti clinici nel suo tentativo di sviluppare un trattamento per la steatoepatite non alcolica, o NASH. Tuttavia, il franchising principale della società sull’HIV sta andando bene e gli investimenti in pipeline dovrebbero iniziare a ripagare in breve tempo.

Rischio a breve termine, ma potenziale a lungo termine

L’attenzione su remdesivir ha aumentato la valutazione dello stock quest’anno, come mostra questo grafico:

Prezzo dell’azione Gilead rispetto alla stima del consenso degli analisti degli utili per azione. Fonte dei dati: YCharts.

La buona notizia per gli investitori di Gilead era che lo stock era economico prima della pandemia e che gli investitori dovevano ancora riconoscere i segnali positivi all’orizzonte per l’azienda. Per una crescita a lungo termine e un dividendo sicuro del 3,4%, Gilead Sciences è un acquisto alla sua valutazione attuale di poco più 12 volte la stima del consenso dell’analista di 2020 utile per azione.

Quello 24 Tuttavia, un aumento del prezzo dovuto al potenziale di remdesivir rappresenta un rischio. La società ha dichiarato nella sua più recente teleconferenza che potrebbe potenzialmente investire $ 1 miliardo durante 2020 nello sviluppo di remdesivir e esiste una vasta gamma di potenziali risultati finanziari per il farmaco, come abbiamo visto. Gli investitori con la pazienza di guardare la storia più lunga potrebbero comprare le azioni ora e tenerle per anni. Qualsiasi delusione per il potenziale di remdesivir – ragionevolmente probabile, secondo me – potrebbe offrire agli investitori l’opportunità di acquistare questo solido business farmaceutico a un prezzo migliore entro la fine dell’anno.

Articolo originale di Motley Fool