domenica 29 novembre 2020

Le case automobilistiche eliminano più di 80.000 posti di lavoro mentre l’era elettrica ribalta l’industria

Si sta rivelando uno degli anni peggiori di sempre per i lavoratori automobilistici di tutto il mondo tra la contrazione della domanda e un cambiamento tettonico nella tecnologia dei veicoli, con Daimler AG e Audi che annunciano quasi 20, 000 tagli di lavoro nella scorsa settimana.

Tutto sommato, le case automobilistiche stanno eliminando più di 80, 000 lavori nei prossimi anni, secondo i dati compilati da Bloomberg Notizia. Sebbene i tagli siano concentrati in Germania, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, le economie in più rapida crescita non sono state immuni e stanno vedendo le case automobilistiche ridimensionare le operazioni lì.

Le società tedesche si sono unite alla General Motors Co., Ford Motor Co. e Nissan Motor Co. in massicci ridimensionamenti hanno messo in moto lo scorso anno. L’industria sta esplodendo mentre le tensioni e le tariffe commerciali aumentano i costi e reprimono gli investimenti e mentre i produttori rivalutano la loro forza lavoro in un’era di elettrificazione, guida autonoma e servizi su richiesta. L’industria automobilistica globale produrrà 88. 8 milioni di auto e camion leggeri quest’anno, un quasi il 6% in meno rispetto a un anno fa, secondo il ricercatore IHS Markit.

I tagli vengono effettuati anche in Cina, che impiega il maggior numero di persone nel settore ed è stata impantanata in un crollo delle vendite. La startup di veicoli elettrici NIO Inc., che ha perso miliardi di dollari e ha visto precipitare le sue azioni quotate a New York, è stata licenziata 20 per cento della sua forza lavoro entro la fine di settembre, perdendo più del 2, 000 posti di lavoro.

“Il persistente rallentamento nei mercati globali continuerà a intaccare i margini e gli utili delle case automobilistiche, che sono già stati danneggiati dall’aumento della spesa in ricerca e sviluppo per la tecnologia di guida autonoma “, ha affermato Gillian Davis, analista di Bloomberg Intelligence. “Molte case automobilistiche sono ora focalizzate su piani di riduzione dei costi per prevenire l’erosione dei margini.”

Essere uno dei primi leader nell’elettrificazione non ha risparmiato Nissan, che è stata in subbuglio dall’arresto dell’ex presidente Carlos Ghosn un anno fa.

Con i profitti che hanno abbattuto i minimi decennali, la casa automobilistica giapponese sta perdendo terreno 12, 500 posizioni nei prossimi anni, principalmente nelle fabbriche di tutto il mondo, per ridurre i costi mentre si precipita a rinfrescare una gamma di modelli che invecchia. Una versione ridisegnata del Leaf alimentato a batteria, che ha debuttato più tardi del previsto a causa della perdita del leader di lunga data dell’azienda, quest’anno non darà alla società un grande impulso.

Molte case automobilistiche sono ora focalizzate su piani di riduzione dei costi per prevenire l’erosione dei margini

Gillian Davis, analista, Bloomberg Intelligence

Factory i lavoratori del pavimento si sono ribellati alla contrazione. GM è più di 46, 000 I lavoratori orari statunitensi hanno messo in scena un 40 – sciopero di un giorno in autunno – il più lungo contro la compagnia in quasi mezzo secolo – ma è riuscito a convincere la società a tenere aperta solo una delle quattro fabbriche americane che aveva pianificato di chiudere un anno fa.

A novembre 22, di 15, 000 le persone hanno marciato per le strade per protestare contro i tagli di lavoro e le chiusure di fabbriche a Stoccarda, la città tedesca che ospita il quartier generale globale di Daimler , Porsche e il principale fornitore di componenti Robert Bosch GmbH.

I manifestanti nella storica piazza del centro di Schlossplatz indossavano sciarpe rosse, soffiavano fischietti e sventolavano bandiere rosse a sostegno del potente sindacato tedesco IG Metall, che organizzava il dimostrazioni. I migliori funzionari sindacali che rappresentano i lavoratori di Mercedes-Benz, Audi e molti produttori di ricambi sostengono che le aziende stanno usando il passaggio ai veicoli elettrici come scusa per superare tagli più profondi e aumentare i profitti.

GM è più di 46, 000 I lavoratori orari statunitensi hanno messo in scena un 40 – sciopero di un giorno in autunno. File di Leon Kuegeler / Reuters

“Non permettiamo che i nostri lavori vengano portati via solo perché alcuni manager non hanno fatto i compiti ”, ha detto alla folla Roman Zitzelsberger, il capo regionale di IG Metall nello stato del Baden-Wuerttemberg e il rappresentante dei lavoratori nel consiglio di sorveglianza di Daimler.

Le preoccupazioni sul lavoro hanno dimostrato essere giustificato. Audi ha annunciato una settimana dopo che eliminerà fino a 9 posizioni 500 in Germania attraverso 2025 come il genitore Volkswagen AG si prepara per una costosa transizione ai veicoli elettrici. Daimler ha annunciato l’intenzione di perdere più di , 000 in tutto il mondo.

Se fosse un paese, l’industria automobilistica sarebbe la sesta economia del mondo, secondo Fircroft, una società di collocamento tecnico. Nella sola Germania, quando si includono le operazioni locali di produttori stranieri, circa 150, 000 i lavori potrebbero essere a rischio prossimi anni, secondo le stime del Center of Automotive Management, vicino a Colonia.

Le nuvole hanno iniziato a formarsi per le case automobilistiche statunitensi lo scorso anno, quando Ford ha rivelato piani per un anno, US $ 11 miliardi di ristrutturazione. La società ha fatto una serie di annunci frammentari da allora, tagliando all’incirca 10 per cento dei suoi ranghi stipendi globali e la chiusura di sei impianti: tre in Russia e uno ciascuno negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Francia. Di circa 17, 000 lavori che Ford sta eliminando, 12, sarà in Europa.

Lo stato dei lavori nelle fabbriche automobilistiche negli Stati Uniti è meno chiaro, principalmente grazie ai nuovi contratti che le case automobilistiche dell’area di Detroit hanno negoziato per i prossimi quattro anni.

le prospettive sembravano un po ‘desolate per il sindacato United Auto Workers quando i negoziati sono iniziati quest’estate. Con il rallentamento della domanda di veicoli, i turni di produzione sono stati ridimensionati in tutto il paese – da Nissan nel suo stabilimento di camion e furgoni in Mississippi, Fiat Chrysler Automobiles NV nella fabbrica di SUV Jeep Cherokee in Illinois e Honda in uno stabilimento dell’Ohio che produce principalmente Accord berline. I lavoratori temono che le auto plug-in, che hanno meno parti e richiedono meno manodopera per la costruzione, condanneranno i lavori automobilistici.

Alla fine, la UAW ha annunciato gli impegni di GM, Ford e Fiat Chrysler per investire quasi US $ 23 miliardi di strutture statunitensi nel corso dei prossimi quattro anni e per aggiungere o conservare più di 25, 000 lavori. Anche se sembra molto, resta da vedere se la spesa aumenterà effettivamente la produzione. Costa alle società miliardi di convertire o riorganizzare le fabbriche esistenti per loro di produrre nuove auto e propulsori.

Il sindacato non è emerso senza alcune perdite di lividi, con la più notevole è la sua battaglia persa per salvare lo spazioso stabilimento automobilistico di GM a Lordstown, Ohio. La fabbrica, aperta a 1966, divenne un calcio politico quando la società annunciò che la produzione delle berline Chevrolet Cruze sarebbe terminata a marzo. Il presidente Donald Trump ha detto ai sostenitori un anno e mezzo prima di non vendere le loro case, assicurando loro che la sua amministrazione avrebbe riportato i lavori. GM ha venduto il complesso alla startup di camion elettrici a corto di contanti Lordstown Motors Corp. il mese scorso.

Il complesso GM di Lordstown in Ohio in 2018. File Alan Freed / Reuters

Per Scott Brubaker, lo scarico di GM dell’impianto di Lordstown potrebbe essere un biglietto di uscita dall’industria automobilistica. La casa automobilistica lo trasferì nel suo stabilimento di auto sportive Corvette a Bowling Green, nel Kentucky, il che significava lasciare una fattoria dell’Ohio che la sua famiglia possedeva da quattro generazioni.

Il minimo della fabbrica lo lasciò con due opzioni : vive nella sua roulotte nel campo da bowling e vai a casa nei fine settimana, oppure prendi un US $ 75, 000 controllo di fine rapporto da parte di GM e trova un nuovo lavoro vicino a Lordstown. Ha un’offerta di lavoro per un’azienda che libera terreni per gli sviluppatori, ma paga $ 5 all’ora in meno di GM, e dice che gli costerebbe la sua pensione. Lordstown Motors sta ancora raccogliendo fondi per i suoi camion elettrici e Brubaker ha i suoi dubbi sul fatto che ci riuscirà.

“Sono andato da GM per ottenere buoni salari e vantaggi”, ha detto Brubaker. “Quello che abbiamo fatto nella pianta lo abbiamo fatto con successo, e GM ci ha ancora impegnato.”

Bloomberg.com

Come riportato da Financial Post