Entra in contatto con noi

Mercati americani

Le utility sono ancora una delle migliori opzioni per la difesa

Pubblicato

il

simonkr/E+ tramite Getty Images

Tesi principale e background

Lo scopo di questo articolo è discutere il settore dei servizi di pubblica utilità come opzione di investimento nel 2023. Questa è un’area che copro regolarmente e mi concentro principalmente sulle mie due partecipazioni a lungo termine. Queste sono l’ETF Vanguard Utilities (VPU) e BlackRock Utility & Infrastructure Trust (BUI). La tempistica di questa revisione è rilevante per i lettori che stanno pensando se/quando dovrebbero apportare modifiche al portafoglio quest’anno, e in particolare per coloro che stanno prendendo in considerazione un’allocazione nel settore dei servizi di pubblica utilità.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

VPU e BUI sono entrambi fondi che ho coperto all’inizio del 2022 e li ho suggeriti per le partecipazioni core. Da GennaioVPU ha nettamente sovraperformato il mercato e da allora Marzo Anche BUI ha avuto un leggero vantaggio:

Rendimento del fondo (Cerco Alfa)

Rendimento del fondo (Cerco Alfa)

Advertisement

è a causa di questo costante progresso continuo a tenere ciascuno nel mio portafoglio e non vedo che cambierà affatto quest’anno. In effetti, poiché ho accumulato liquidità durante i rimbalzi del mercato lo scorso anno, penso che rafforzerò le mie posizioni in entrambi questi fondi nei prossimi giorni di ribasso del primo trimestre.

Vedo un discreto merito nel detenere questo settore: per reddito, crescita dei dividendi, come copertura più ampia del mercato azionario e stabilità relativa. Questo è un angolo spesso trascurato del mercato, ma continua a essere uno spazio in cui gli investitori possono trovare sia crescita che sicurezza nell’attuale clima politico ed economico. Descriverò perché mi sento così nei paragrafi seguenti.

Un’opzione difensiva di prim’ordine

Sono convinto che la maggior parte degli investitori al dettaglio dovrebbe utilizzare le allocazioni settoriali per migliorare la stabilità del portafoglio e per la diversificazione. Mentre l’acquisto dell’S&P 500 può dare l’illusione della diversificazione perché detiene 500 società, il suo attributo di capitalizzazione di mercato significa che chi detiene quell’indice è fortemente esposto a una manciata di nomi nel settore tecnologico. Anche espandersi in dividendi a grande capitalizzazione o fondi tematici come “crescita” o “valore” offre agli investitori poco in termini di nuova esposizione. Per bilanciare questo, detengo un ETF sui dividendi molto specifico (come gli aristocratici) e anche investimenti diretti nel settore attraverso artisti del calibro di VPU e BUI.

Questa strategia non sempre funziona come previsto (ad esempio a marzo 2020 quando tutto è crollato!). Ma il 2022 è stato un anno in cui questa strategia ha dato ottimi frutti. Mentre la mia esposizione al dettaglio ne ha risentito, le mie partecipazioni nel settore energetico hanno dato ottimi risultati. A cavallo della metà del gruppo c’erano Utilities, ma a mio avviso è stata una vittoria. Mentre il settore ha prodotto solo un guadagno modesto, che si confronta molto bene con ogni altro settore:

Advertisement

Andamento del settore 2022 (Stella del mattino)

Un aspetto chiave per me è stato in particolare il modo in cui le utility si sono comportate rispetto ad altri settori “difensivi” come i beni di consumo di base e la sanità. Quei settori hanno retto ragionevolmente bene, in tutta onestà, ma hanno comunque registrato perdite. A parte l’Energia, i servizi di pubblica utilità sono stati l’unico settore a chiudere lo scorso anno in positivo e hanno avuto un buon spread rispetto ai concorrenti difensivi. Questo mi ribadisce che il settore dei servizi di pubblica utilità rimane un modo classico di “giocare in difesa” e dovrebbe rimanere nel mio portafoglio nel 2023. Vedo sfide di crescita future e anche una possibile recessione. Quindi avere questo tipo di esposizione probabilmente servirà bene a me e agli altri nei mesi a venire.

Perché preoccuparsi? Lavoro, guadagni, fiducia

C’è molta preoccupazione in questi giorni. Sebbene non sia “buono” per le azioni nel loro insieme, potrebbe essere un vantaggio per le utility poiché gli investitori cercano di proteggersi da ulteriori sofferenze. Il mercato potrebbe essere destinato a un ampio rimbalzo dato quanto è stato scarso lo scorso anno e la prima settimana di negoziazione ci ha aiutato a rimbalzare dai minimi. Ma non credo che siamo ancora fuori pericolo perché permangono alcuni problemi fondamentali.

Prendendoli uno alla volta, diamo prima un’occhiata ai lavori. La sfida di assumere buoni dipendenti rimane sempre presente, ma questo contesto sta calando. Negli ultimi trimestri sono emersi importanti annunci di licenziamento e il pool di manodopera in eccesso sta iniziando a bilanciarsi. Un calo delle opportunità di lavoro è stato spesso correlato alle recessioni, quindi è ovvio per me che bisogna essere preparati a questo a breve termine:

Advertisement

Aperture di lavoro vs recessioni (Ufficio di Statistiche sul Lavoro)

La logica qui è che mentre le aperture di lavoro rallentano, anche gli aumenti salariali e il potere d’acquisto. Ciò si ripercuote sui settori discrezionali se le vendite e le entrate rallentano insieme alla spesa delle famiglie. Dopotutto, quando si perde il lavoro (o non si riesce a trovare un lavoro) è naturale tagliare le spese!

In realtà stiamo già iniziando a vederlo accadere, anche se a un ritmo moderato. Gli aumenti salariali stanno iniziando a invertire i loro massimi, sebbene siano ancora in territorio positivo su base annua:

Statistiche sul lavoro (Charles Schwab)

Advertisement

Questo non vuole essere allarmista. Il tasso di disoccupazione ostinatamente basso e l’aumento generale della partecipazione alla forza lavoro dovrebbero evitare che qualsiasi recessione diventi troppo grave. Ci sono ancora molte persone che guadagnano molti soldi nella forza lavoro. Quindi non sto suggerendo di vendere tutti i rischi. Ma sto suggerendo che il mercato del lavoro si sta indebolendo e questo significa che dovremmo prevedere qualche turbolenza. Il settore dei servizi di pubblica utilità è unico in quanto è abbastanza immune alle condizioni economiche. Sì, le persone possono smettere di pagare le bollette, ma questa è raramente una tendenza diffusa, soprattutto in inverno!

Il punto di enfasi è che quando vedo il ribaltamento delle macrometriche – come i dati sull’occupazione o gli utili aziendali – allora vedo un aumento del merito nel possedere lo spazio delle Utilities. Questo è esattamente l’ambiente in cui ci troviamo al momento.

Vedo il continuo sostegno del governo

Anche con un cambiamento della composizione del Congresso, continuo a credere che le società di servizi pubblici godranno di dollari federali, e possibilmente statali, su base sostenibile. Quando pensiamo alle “fonti energetiche rinnovabili” come tendenza emergente, dobbiamo renderci conto che le Utility giocano un ruolo chiave nel rendere questa realtà diffusa.

Generare energia da risorse rinnovabili è ora più economico che generare energia da combustibili fossili, quindi le società di servizi pubblici che si adattano a questo modello stanno effettivamente guadagnando di più per azione. Questo sta arrivando in un momento in cui i tassi di utilità continuano la loro tendenza al rialzo, quindi questo è un vantaggio per gli investitori:

Advertisement

Prezzi dell’elettricità (USA) (Federazione di St. Louis)

Un’altra parte di questa storia è che è globale. Sebbene l’Inflation Reduction Act firmato lo scorso anno abbia fornito sostegno alle energie rinnovabili, all’energia pulita e al settore dei servizi di pubblica utilità più in generale, questa non è stata l’unica azione intrapresa dai governi sviluppati. Le principali nazioni in Europa stanno aumentando le allocazioni del proprio budget alle società di servizi a un ritmo piuttosto aggressivo:

Sostegno del governo (UE) (ING)

Sono dell’opinione che il settore dei servizi di pubblica utilità trarrà vantaggio dall’aumento dei prezzi che trasferiscono ai consumatori, dalla volontà del governo federale di pompare denaro nel settore e da un contesto di consumatori e imprese che stanno cercando di ridurre le loro emissioni di carbonio Impronte nelle energie rinnovabili a più alto margine. Sebbene le utility possano essere state “noiose” negli anni passati, lo sono tutt’altro che adesso, se ti concentri davvero su ciò che sta accadendo nel settore. Questo rende l’esposizione a quest’area un gioco da ragazzi per me.

Advertisement

E i tassi di interesse? Vedo presto un picco

Una sfida che il settore deve tenere a mente è che storicamente è stato correlato negativamente ai tassi di interesse. Nel tempo, quando i tassi salgono, i prezzi delle azioni scendono in modo simile e viceversa. Tuttavia, il 2022 ha invertito questa tendenza. La Fed e le altre banche centrali hanno alzato i tassi in modo aggressivo, ma le utility hanno comunque ottenuto buoni risultati. Ciò era dovuto a una modalità generale di avversione al rischio, alla ricerca di entrate affidabili e ai sussidi governativi. Tutto ciò ha superato il precedente storico che avevamo visto per anni.

Ma questa tendenza potrebbe non durare per sempre. Gli investitori che producono reddito tendono a diminuire quando i tassi aumentano: basta guardare le obbligazioni. Suggerire che le utility possano superare questo ostacolo per anni e anni sembra irrealistico. Quindi questo è un rischio reale.

La buona notizia è che i tassi potrebbero non salire ancora per molto. Questo rimuove quello che vedo come un vento contrario critico per il settore. Mentre è probabile che la Fed continui ad alzare i tassi nelle prossime due riunioni di quest’anno, potrebbe essere la fine. Attualmente, il mercato dei futures si aspetta che la Fed raggiunga il massimo intorno al 5%, quindi non lascia molto altro da fare:

Prospettive sui future sui tassi della Fed (Gruppo ECM)

Advertisement

La conclusione che traggo qui è che non sono più troppo preoccupato per l’aumento dei tassi. La domanda è davvero per quanto tempo saranno sostenuti tassi elevati. Questa è la chiave per le valutazioni azionarie su tutta la linea. Ma le società di servizi pubblici possono adattarsi a questo e a tassi di inflazione più elevati trasferendo i costi aggiuntivi (compresi i maggiori costi di prestito) ai consumatori finali. È la prospettiva di in aumento tariffe che è davvero il vento contrario. Mentre ci avviciniamo alla fine di quel ciclo, vedo un percorso più forte avanti per il settore dei servizi di pubblica utilità nel suo complesso.

Non essere cieco di fronte a valutazioni più elevate

Ho suonato abbastanza ottimista su Utilities per questa recensione e sostengo tale valutazione. Ma vorrei avvertire i lettori di non lasciarsi trasportare. Vedo un percorso più alto nel 2023? Sì. Ciò significa che si dovrebbe andare “all in” a qualsiasi prezzo per ottenere esposizione? Assolutamente no. Dobbiamo continuare ad essere tattici su quando acquistiamo: questo non sarà un mercato rialzista su tutta la linea.

Il motivo di questa cautela deriva dal fatto che il settore delle Utilities non è affatto economico. La sua performance nel 2022 ha portato il settore a iniziare l’anno a un livello di valutazione elevato:

Valutazione storica del settore (servizi di pubblica utilità) (Moody’s)

Advertisement

È stato scambiato più in alto in passato? Sì, ma questo non significa essere ciechi di fronte a questo contesto. I servizi di pubblica utilità potrebbero essere maturi per una correzione, soprattutto se la crescita economica supera le aspettative e la modalità risk-on domina nuovamente i mercati azionari. In questo caso, gli investitori probabilmente si allontaneranno dalle Utilities e passeranno a opzioni più sexy. Ma non è quello che mi aspetto e continuo a sostenere di aumentare la mia allocazione a VPU e BUI. Ma sarò tattico e paziente e aspetterò che la debolezza si aggiunga.

Linea di fondo

Ci sono molte opzioni per l’alimentazione dal basso all’inizio del nuovo anno. La maggior parte dei settori ha chiuso il 2022 in rosso e molti titoli sono scesi di enormi margini. Questo crea opportunità per coloro che vogliono rischiare. Devo ammettere che sono tentato da alcuni giochi di valore relativo in una serie di azioni e settori. Ma questo rappresenta solo una parte dei miei piani di cassa.

L’altro piano è quello di essere difensivo data la crescente probabilità di una recessione. Ciò include azioni estere, obbligazioni muni e servizi di pubblica utilità. Ciò significa che cercherò momenti opportuni per acquistare sia VPU che BUI nelle settimane e nei mesi a venire, e incoraggio i lettori a riflettere su questa idea in futuro.

Advertisement
Advertisement

Trending