martedì 24 novembre 2020

L’Iran afferma di aver sparato a “rivoltosi” dopo che il gruppo per i diritti umani ha denunciato 200 morti nelle proteste

Più di 200 si ritiene che le persone siano state uccise in Iran nell’ultimo mese durante le proteste per un aumento dei prezzi della benzina stabiliti dal governo e una repressione che ne è seguita, secondo un rapporto pubblicato dal gruppo per i diritti umani Amnesty International.

“Questo allarmante bilancio delle vittime è un’ulteriore prova del fatto che le forze di sicurezza iraniane hanno fatto un terribile omicidio che ha lasciato almeno 208 persone morte in meno di una settimana “, ha dichiarato Philip Luther, direttore della ricerca e della difesa per il Medio Oriente presso Amnesty International, in una dichiarazione pubblicata a fianco del rapporto lunedì.

Amnesty International ha affermato che è stata ampiamente verificata filmati che mostravano forze di sicurezza che sparavano contro manifestanti disarmati.

Aggiunse che aveva compilato il bilancio delle vittime intervistando e verificando una serie di fonti all’interno e all’esterno dell’Iran, compresi i parenti delle vittime, il giornalista attivisti per i diritti umani coinvolti nella raccolta delle informazioni.

NBC News non ha potuto verificare in modo indipendente il numero di morti.

La missione dell’Iran presso le Nazioni Unite contestato le scoperte di Amnesty all’inizio di martedì, sebbene non offrisse prove a sostegno della sua richiesta.

Il rapporto è arrivato ore prima che la televisione di stato iraniana riconoscesse martedì che le forze di sicurezza hanno sparato e ucciso quelli che chiamavano “rivoltosi” in più città – la prima volta che le autorità hanno offerto qualsiasi tipo di contabilità per la violenza che hanno usato per reprimere le manifestazioni.

Lascia che le nostre notizie incontrino la tua casella di posta . Le notizie e le storie che contano, hanno consegnato le mattine nei giorni feriali.

Il riconoscimento è arrivato in un pacchetto televisivo che ha criticato canali internazionali in lingua farsi per il loro resoconto sulla crisi, che è iniziato il novembre 15 e ha visto aumentare i prezzi minimi della benzina sovvenzionata dal governo 50 percento.

La benzina a buon mercato è ampiamente prevista dai consumatori in Iran, sede della quarta più grande riserva mondiale di petrolio greggio.

Il presidente Donald Trump ha twittato Martedì che “l’America sostiene il popolo coraggioso dell’Iran che sta protestando per la sua libertà”

Il rapporto della TV di stato ha cercato di descrivere gli omicidi in quattro categorie, sostenendo alcuni di quelli uccisi erano “rivoltosi che hanno attaccato centri sensibili o militari con armi da fuoco o coltelli, o che hanno preso ostaggi in alcuni come. “Il rapporto descriveva altri uccisi come passanti, forze di sicurezza e manifestanti pacifici, senza assegnare la colpa per le loro morti.

La TV di stato ha riconosciuto di aver affrontato i” rivoltosi “a Teheran. Ha anche menzionato Shahriar, un sobborgo di Teheran in cui lunedì Amnesty ha dichiarato che ci sono state “dozzine di morti”. Ha descritto il sobborgo come una delle aree con il maggior numero di vittime tra i disordini.

I funerali iraniani partecipano al funerale di Morteza Ebrahimi, un comandante del Corpo della Guardia rivoluzionaria islamica, ucciso in manifestazioni violente scoppiate in Iran la scorsa settimana, a novembre 13. Atta Kenare / AFP – Getty Images

Amnesty non ha offerto alcuna ripartizione per le morti in altre parti del paese, sebbene affermasse che “la cifra reale è probabilmente più alta.”

Mansoureh Mills, un ricercatore iraniano di Amnesty, ha affermato che esiste un ambiente di paura all’interno dell’Iran al momento. “

” Le autorità hanno minacciato le famiglie, alcune sono state costrette a firmare impegni che non parleranno ai media “, ha detto. .

Anche le autorità hanno visitato gli ospedali, alla ricerca di pazienti con ferite da arma da fuoco o altre lesioni causate dai disordini, ha affermato Mills. Ha affermato che le autorità hanno immediatamente detenuto coloro che avevano ferite sospette.

La missione delle Nazioni Unite dell’Iran a New York ha definito le scoperte di Amnesty “prive di fondamento”, senza elaborarle.

“Un certo numero di gruppi di esiliati (e reti di media) si sono presi il merito di aver istigato sia la gente comune a protestare e rivolte, sia hanno incoraggiato l’illegalità e il vandalismo, o entrambi”, ha detto Alireza Miryousefi, portavoce della missione.

L’Iran non ha ancora rilasciato alcuna statistica nazionale sui disordini che hanno attanagliato la Repubblica islamica e la portata delle manifestazioni rimane poco chiara. Un legislatore iraniano ha detto che pensava che oltre 7, 000 le persone erano state arrestate. Il principale procuratore iraniano ha contestato quella cifra senza offrire la propria.

Le autorità hanno bloccato l’accesso a Internet in mezzo alle manifestazioni, impedendo a quelli all’interno del paese di condividere i loro video e informazioni, oltre a limitare il mondo esterno dal conoscere l’entità delle proteste e della violenza.

Pur non attirando nelle strade tanti iraniani come quelli che protestano contro la disputa 2009 elezioni presidenziali, le manifestazioni sui prezzi della benzina sono diventate rapidamente violente più velocemente di qualsiasi altra manifestazione precedente. Il malcontento economico diffuso ha attanagliato il paese da maggio dell’anno scorso, quando il presidente Donald Trump ha imposto sanzioni schiaccianti dopo essersi ritirato unilateralmente da L’accordo nucleare di Teheran con le potenze mondiali.

Le manifestazioni sono iniziate dopo che le autorità hanno aumentato i prezzi minimi della benzina a

, 000 Rial iraniani per litro, un equivalente di circa 50 centesimi per gallone. Dopo un mensile 50 – quota litro, costa 15, 000 aumenta di un litro. Questo è quasi 60 centesimi al gallone. Un gallone medio di gas normale negli Stati Uniti costa $ 2. 32 al confronto, secondo AAA.

Gli iraniani hanno già visto i loro risparmi masticati dal crollo del rial da 32, 000 a $ 1 al momento del 2015 accordo nucleare a 126, 000 a $ 1 oggi. Anche le graffette giornaliere sono aumentate di prezzo.

Come riportato da NBC News