lunedì 18 gennaio 2021

Mentre i colloqui proseguono, il dibattito del Senato per lo stimolo alla lotta contro il coronavirus diventa fluido

         

Il “più grande organo deliberativo del mondo” ha scelto un brutto momento per essere meno deliberativo.

      

Come mercati finanziari globali         Stati Uniti: SPX         Stati Uniti: DJIA       attesi segnali di progresso su un pacchetto di stimolo da $ 2 trilioni di dollari ora nelle mani del Senato, la tensione del fantino legislativo e la notizia che diversi loro colleghi erano stati esposti o risultati positivi al coronavirus, per non parlare del semplice fatto di essere in sessione per un settimana immediatamente raggiunta la camera lunedì. Il dibattito ha assunto un tono insolitamente personale.

      

La richiesta di un senatore di parlare sul pavimento – di solito una semplice cortesia prima di parlare, in realtà – è stata negata dal leader dell’altra parte. Un senatore ha accusato un altro di aver fatto le offerte del presidente. E il momento clou procedurale del giorno – un fallimento 49 – 46 vota se far avanzare il pacchetto di coronavirus – esasperato il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell.

      

“Sono qui da un po ‘. Questo è il comportamento più scandaloso che abbia mai visto “, ha dichiarato McConnell, repubblicano del Kentucky, ai giornalisti in una rara disponibilità di stampa in corridoio.

             

Per un orgoglio che si vanta di essere più bipartisan, più dignitoso e più serio della Camera dei Rappresentanti, lo scoppio della sicurezza era insolito. Sebbene sia improbabile che influisca sull’esito finale dei colloqui di stimolo, che sono condotti in gran parte a livello di leadership, può prefigurare la difficoltà di trovare il bipartitismo in un anno elettorale in cui gli Stati Uniti affrontano gemellaggio sanitario e rischi economici.

      

Jim Manley, ex portavoce dell’ex leader democratico Harry Reid, ha affermato che gli episodi sono l’ultimo segno dell’influenza dei senatori che sono arrivati ​​al Senato dalla Camera. “Quello che ho visto oggi sul pavimento del Senato era solo l’ultima indicazione che il Senato sta diventando sempre più simile alla Camera, e inutile dire che non lo intendo in senso buono”, ha detto Manley.

      

“Ho assistito al declino della cortesia in Senato per anni. Per quanto mi riguarda, è iniziato quando membri della casa come (l’ex senatore della Pennsylvania) Rick Santorum hanno vinto i seggi al Senato e portato tutte le acrobazie economiche che puoi cavartela in casa. ”

      

Fu un democratico, tuttavia, che probabilmente iniziò il putiferio della giornata. Verso la fine delle sue osservazioni, il leader democratico Chuck Schumer di New York ha obiettato a una richiesta del senatore Susan Collins, repubblicano del Maine, di parlare. Ciò ha spinto un altro collega del GOP, il senatore Tom Cotton dell’Arkansas, ad esclamare “Questa è una cazzata!”

      

Collins si avvicinò quindi a Schumer, che teneva ancora la parola. “Stai obiettando al mio parlare? Questo è spaventoso! ” lei disse. Alla fine, Schumer ha concluso chiedendo informazioni sui tempi di votazione per il giorno.

      

Più tardi nella giornata, Cotton si trovò in conflitto con il senatore Sherrod Brown, un democratico dell’Ohio. Mentre Cotton premeva Brown sul pavimento durante il discorso di Brown, Brown rispose, “So che vuoi sempre fare Trump, il presidente, facendo offerte” e si rifiuta di dare ulteriore permesso a Cotton di parlare.

      

Eric Ueland, il punto di riferimento legislativo della Casa Bianca che è stato profondamente coinvolto nei colloqui sul coronavirus e un ex membro del personale del Senato repubblicano di lunga data, ha minimizzato l’impatto del taglio retorico.

      

“Ho visto il Senato in alcuni momenti incredibilmente difficili essere in grado di riunirsi, trascendere gli attriti momentanei e fare passi avanti significativi sulla legislazione o sulle conferme che credono davvero nelle passioni del momento”, ha detto Ueland.

      

Manley, uno staff del Senato per 21 anni, invocò il caning di Charles Sumner in 1856, per trovare un rivestimento d’argento.

      

“La buona notizia è che mentre la cortesia e il rispetto per i compagni senatori si stanno abbattendo, almeno nessuno è stato picchiato fisicamente sul pavimento da anni”, ha detto.

      

Jonathan Nicholson è un giornalista di Washington che ha coperto la politica economica e fiscale per più di 20 anni

              
Articolo originale di Marketwatch.com