martedì 03 agosto 2021

Nota: gli investitori premieranno le aziende che si prendono cura degli altri nella pandemia di coronavirus

Wall Street e gran parte del distretto finanziario rimangono vuoti poiché il coronavirus mantiene i mercati finanziari e le attività per lo più chiuse ad aprile 20, 2020 a New York City.

Spencer Platt | Getty Images

Ecco un test: cosa fanno la sicurezza sul lavoro, i rapporti di lavoro, compensi esecutivi e sviluppo della comunità hanno in comune?

Sono tutte misure utilizzate nei sistemi di rating ESG che guidano gli investimenti socialmente responsabili con particolare attenzione ai criteri ambientali, sociali e di governance.

Mentre il COVID – 19 la pandemia e gli sforzi per controllarla decimano gran parte delle economie statunitensi e mondiali, i vari atti di carità, compassione e generosità creativa possono risuonare con gli investitori sempre più attratti dagli investimenti socialmente responsabili ora e per anni dopo il superamento di questa crisi.

NOI. le aziende stanno alzando l’asticella della “buona cittadinanza” poiché i produttori utilizzano capacità in eccesso per ventilatori, maschere e schermi facciali, i giganti della tecnologia offrono software per il monitoraggio sanitario e l’analisi dei dati e i CEO riducono i loro stipendi.

Abbiamo appreso che Proctor & Gamble ha spostato la produzione a Gillette destinato ai rasoi, resi meno essenziali dal lavoro a distanza, per affrontare gli scudi che vengono donati agli ospedali locali. LVMH ha scambiato le linee di assemblaggio di costosi profumi per disinfettante per le mani che dona al governo francese. Jack Dorsey, CEO di Twitter e Square ha dato $ 1 miliardo allo sforzo, Ford e GM creano ventilatori, Hewlett Packard realizza apriporta 3D a mani libere e centinaia di altre aziende tecnologiche, industriali, di consumo e industriali stanno contribuendo in modo innovativo al COVID – 19 battaglia.

Questi sforzi non devono essere trascurati dalle numerose organizzazioni che misurano i criteri ESG utilizzati da fondi comuni, indicizzati e negoziati in borsa, nonché da investitori istituzionali e individuali. I dati più recenti suggeriscono che oltre $ 30 trilioni o più di uno terzo, di le attività azionarie globali utilizzano una qualche forma di screening ESG nelle loro pratiche di investimento.

Questa crescita è continuata nonostante la mancanza di standardizzazione nelle metriche, con ampie variazioni sia dei pesi assegnati a criteri diversi sia del punteggio per le stesse società.

MSCI, uno dei maggiori player di rating nel settore ESG, utilizza un sistema che applica una matrice complessa tra centinaia di gruppi di sottosettori, sulla base di come ciascuna società gestisce specifici rischi ponderati e opportunità all’interno degli ampi pilastri ambientali, sociali e di governance.

Nel considerare come la risposta di un’azienda al COVID – 19 la crisi potrebbe influenzare il suo punteggio ESG, le agenzie spero che valuteranno i fattori chiave di “gestione del lavoro” e “salute e sicurezza” nella categoria sociale, nonché “etica degli affari” e “instabilità del sistema finanziario” sotto la governance.

Le classifiche ESG tengono conto sia delle azioni negative o dannose, sia delle soluzioni proattive e delle azioni positive per spostare i punteggi su e giù. Ad esempio, Hilton , trovandosi improvvisamente senza clienti per le sue stanze, ha aiutato a collocare i lavoratori con i figli presso datori di lavoro come Amazon che stanno assumendo durante questo periodo. La compagnia alberghiera dovrebbe ricevere un riconoscimento positivo per le sue pratiche lavorative nell’ambito del sistema di classificazione ESG.

Le catene di negozi che sono etichettate come “essenziali” possono essere classificate su scelte per mantenere sicuri i loro luoghi di lavoro. Con quanta attenzione le aziende gestiscono i rischi per la salute, uno dei fattori nelle metriche ESG, è al centro dell’attenzione che rimarrà sotto i riflettori post-pandemia.

Sotto l’ombrello della governance, sia l’etica delle imprese e l’instabilità del sistema finanziario può vacillare o aumentare durante una crisi.

Catena alimentare Kroger ha inviato a tutti i dipendenti del negozio un assegno bonus di $ 300 per tempo pieno e $ 150 per il tempo parziale e ha concesso loro un congedo di malattia di quattordici giorni con retribuzione in caso di contratto COVID – 19. Pur non essendo un’enorme quantità di denaro né molti altri giorni di malattia aggiunti, era simbolico come un gesto di buona volontà.

Inoltre, Rob Katz, CEO di Vail Resorts , Donato $ 2,5 milioni per sostenere dipendenti e comunità intorno alle stazioni sciistiche dell’azienda.

La fragilità finanziaria minaccia la capacità di un’impresa di resistere a una crisi e rende difficile mantenere programmi a volte costosi considerati desiderabili per investimenti socialmente responsabili. Questi includono strutture di assistenza diurna nei locali, sostenibilità energetica e ambientale e solide prestazioni di assistenza sanitaria.

Le risposte aziendali alla pandemia di coronavirus attiveranno revisioni ai rating ESG che saranno significative per i dirigenti e gli azionisti, dato l’impatto sulla negoziazione di attività che utilizzano ESG tra i suoi criteri di investimento.

Sustainalytics, un’altra agenzia di rating ESG, ritiene che potrebbero presto includere più metriche sulla “preparazione” per interruzioni impreviste. Esortano le società a descrivere a fondo le loro politiche di gestione delle crisi e affinché gli azionisti studino la resilienza delle loro partecipazioni come una componente regolare dell’investimento

A parte il cinismo, non ho dubbi sul fatto che la decisione di P&G di ruotare la capacità sottoutilizzata in una pianta di lama di rasoio verso gli schermi facciali sia nata dalla consapevolezza del suo potenziale contributo e dal desiderio di dare durante una crisi . Tuttavia, in un mondo che guarda sempre più al modo in cui le aziende trattano e valorizzano le loro comunità, l’ambiente e i loro dipendenti, queste buone azioni, piuttosto che essere trascurate o addirittura fallire, saranno probabilmente ricompensate, almeno, con un punteggio ESG più elevato.

Karen Firestone è presidente, CEO e co-fondatore di Aureus Asset Management, un’impresa di investimento dedicata a fornire una gestione patrimoniale contemporanea a famiglie, individui e istituzioni.

Articolo originale di CNBC