sabato 22 gennaio 2022

Omicron non è un comune raffreddore: i dati covid oggi

La variante Omicron non deve essere confusa con un comune raffreddore dice l’OMS mentre i contagi salgono in tutto il Belapese con numeri non poco preoccupanti

L’epidemiologa Maria Van Kerkhove, esperta dell’Organizzazione mondiale della sanità, scrive su twitter: Omicron non è il comune raffreddore. Mentre alcuni rapporti mostrano un rischio ridotto di ospedalizzazione dalla variante Omicron rispetto a Delta, ci sono ancora troppe persone infette, e in ospedale malate e morenti per Omicron (e Delta). Possiamo prevenire le infezioni, salvare vite ora ribadendo l’importanza della vaccinazione e dell’equità di accesso ai vaccini anti-Covid”.

Intanto sono 170.844 i nuovi contagi da Coronavirus in Italia oggi, martedì 4 gennaio 2022, secondo i dati del bollettino della Protezione Civile e del ministero della Salute. Si registrano inoltre altri 259 morti.

Sono 20.453 in Piemonte con  21 morti e nelle ultime 24 ore sono stati processati 104.228 tamponi, di cui 88.753 antigenici con un tasso di positività al 19,6%. Da ieri sono guarite 5.033 persone.

8.773 i nuovi contagi in Emilia Romagna, da ieri ci sono stati 25 morti. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 59.572 tamponi, di cui 33.363 antigenici, con un tasso di positività al 14,7%.

135 i pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna, 4 in più rispetto a ieri, mentre i ricoveri nei reparti Covid ordinari sono 1.579, 51 in più rispetto a ieri.

12.058 i contagi da coronavirus in Campania e si registrano altri 15 morti:  il computo totale dei decessi legati al Covid-19 dall’inizio della pandemia supera le 8.500 unità (sono complessivamente 8.510). In Campania sono 57 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva (3 in meno rispetto a ieri) e 781 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza (31 in più rispetto al dato diffuso ieri).

Sono 9.377 i contagi da coronavirus nel Lazio e registrati altri 16 morti. A Roma, segnalati altri 3.626 casi.

5.061 i contagi in Abruzzo e  registrano 3 morti. I nuovi casi (di età compresa tra 1 e 99 anni) portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 118.779.

3.670 i nuovi contagi  in Puglia con  5 morti. I nuovi casi, individuati attraverso 93.498 tamponi, sono così suddivisi per provincia: Bari: 1.057; Bat: 360; Brindisi: 520; Foggia: 424; Lecce: 884; Taranto: 343; Residenti fuori regione: 74; Provincia in definizione: 8. Sono 36.723 le persone attualmente positive, 334 i ricoverati in area non critica, 36 in terapia intensiva. Dati complessivi: 322.846 casi totali, 5.971.560 tamponi eseguiti, 279.130 persone guarite e 6.993 persone decedute.

879  in Basilicata: inuovi casi (832 riguardano residenti) sono stati individuati su un totale di 2.925 tamponi molecolari. La persona deceduta risiedeva a Maratea ed era ricoverata all’ospedale di Potenza. I lucani guariti o negativizzati sono 56.

Sono invece 3.806 in Friuli Venezia Giulia. Da ieri ci sono stati 8 morti nella Regione. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 8.035 tamponi molecolari e 19.825 i test rapidi antigenici. Sono 28 le terapie intensive occupate, mentre i ricoveri sono 306. Da inizio pandemia sono morte nella Regione 4.242 persone.

Sono 16.602 i contagi da coronavirus in Veneto e registrati altri 28 morti. I nuovi casi sono stati individuati su 153.227 tamponi, il tasso di positività è al 10,83%.

468 i nuovi contagi in Valle d’Aosta e non c’è stato alcun morto. I positivi attuali sono 3.089, di cui 3.048 in isolamento domiciliare, 47 ricoverati in ospedale, quattro in terapia intensiva. I guariti sono complessivamente 13.878, + 210 unita rispetto a ieri. Il totale dei casi fino ad oggi testati è di 113.238, mentre i tamponi effettuati sono 367.499.

18.868 i contagi da coronavirus in Toscana ovvero quasi triplicati i nuovi casi rispetto a ieri sotto la spinta della variante Omicron e 1.905 i nuovi contagi in Calabria con 7 morti.