martedì 22 giugno 2021

Per alcune aziende di New York City, creare maschere ha fornito una nuova linfa vitale

Il team padre-figlia Steve e Leah Kim modellano le maschere che il loro business delle modifiche a New York City, il Maestro Tailor, ha iniziato a realizzare quando il coronavirus ha colpito .

Leah Kim

Quando New York City è stata chiusa per lo più il mese scorso a causa della diffusione di Covid – 19, è stato un colpo devastante per alcune aziende.

Ciò includeva il Master Tailor, un negozio di modifiche nell’Upper West Side di Manhattan che era stato aperto solo per circa un anno.

Alla fine di marzo, il traffico dei clienti è diminuito. Alla fine, la squadra padre-figlia proprietaria del negozio, Steve e Leah Kim, non vide alcun affare, poiché le restrizioni per mantenere una distanza di sei piedi dalle altre persone rendevano impossibile fare modifiche.

“Dato che non eravamo considerati un’attività essenziale, avremmo chiuso il negozio”, ha detto Leah.

Altro da Finanza personale:
Alcuni addetti ai concerti ricevono $ 0 di indennità di disoccupazione
Cosa dovresti fare con un prestito del programma di protezione dello stipendio
Ha ottenuto un prestito in PPP e i suoi dipendenti la odiano per questo

Ma poi i kim hanno fatto perno per creare maschere per la loro famiglia, a causa della consegna tardiva di un ordine online. Contemporaneamente, un cliente ha chiesto di realizzare maschere per la sua famiglia e i suoi vicini.

E fu creata una nuova fonte di reddito per le imprese.

L’approccio al controllo della diffusione del nuovo coronavirus si è evoluto negli ultimi mesi e ciò ha portato a una domanda crescente di maschere.

Mentre i Centri per il controllo delle malattie hanno dichiarato a febbraio non ha raccomandato l’uso di maschere per il viso, l’agenzia governativa ha finito per invertirsi da inizio aprile.

New York Gov. Andrew Cuomo ha recentemente ordinato a tutte le persone di indossare maschere per il viso in pubblico.

A New York City, che ha visto un numero record di casi di coronavirus, il sindaco Bill De Blasio ha anche fortemente incoraggiato le persone a indossare maschere quando escono e hanno inflitto multe a coloro che non mantengono le distanze sociali.

Man mano che la guida per indossare la maschera diventa più forte, e alcuni rivenditori rifiutano l’ingresso ai clienti non indossandoli, molti newyorkesi hanno tentato di trovare maschere adatte. I minimarket locali vendono maschere usa e getta. Nel frattempo, altri hanno messo insieme le loro copertine improvvisate.

Ora, alcune aziende con sede a New York stanno intervenendo per aiutare.

Crea le tue maschere

Kristine Frailing, la fondatrice del New York Sewing Center nel centro di Manhattan, ha anche visto la sua attività cambiare durante la notte come Covid – 19 diffuso in città.

Il New York Sewing Center offre lezioni di cucito e lezioni private, per lo più tutte condotte di persona fino a marzo 18, l’ultimo giorno in cui l’attività è stata ufficialmente aperta ai clienti.

“Noi è passato dall’essere un grande successo, avendo nove persone che lavorano al Centro di cucito, fino a non avere alcuna capacità di insegnamento “, ha detto Frailing.

Frailing ha dovuto ridurre il suo personale, che per lo più consisteva di insegnanti che lavorano su base contrattuale.

Kristine Frailing, a destra, fondatrice di The Il New York Sewing Center e i suoi genitori, a sinistra, modellano le maschere realizzate dalla sua azienda.

Laura Banasik / Kristine Frailing

Le ha anche spinto a passare rapidamente alle lezioni online, attraverso piattaforme come FaceTime e Zoom.

Una di quelle prime lezioni era una lezione di video di YouTube sulla creazione di maschere, che Frailing è stata ispirata a mettere insieme dopo aver sentito le preoccupazioni dei suoi familiari che lavorano nei negozi di alimentari.

Con sorpresa di Frailing, il video ha disegnato 166, 000 visualizzazioni nei primi giorni.

Successivamente, le infermiere , i medici e gli ospedali si sono messi in contatto per essere aggiunti alla sua mailing list. Frailing ha anche organizzato un sistema per donare maschere realizzate attraverso le classi agli ospedali locali che ne avevano bisogno.

Non sono solo affari miei. Tutti ne sono colpiti.

Kristine Frailing

 

fondatrice del New York Sewing Center

“Siamo avere ospedali che raggiungono e dicono: “Portami fuori dalla tua lista, abbiamo soddisfatto il nostro bisogno”, il che è davvero sorprendente “, ha detto Frailing. “Questo è l’obiettivo principale del motivo per cui abbiamo iniziato la lezione gratuita.”

Il Centro di cucito sta anche prendendo ordini per maschere in tessuto pronto per $ 15 ciascuno, che ha contribuito a integrare le entrate per l’azienda.

Tuttavia, è stato difficile passare online così velocemente pur affrontando costi generali elevati come l’affitto, ammette Frailing. Ciò l’ha portata a esplorare possibili fonti di aiuto del governo.

“Non sono solo affari miei”, ha detto Frailing. “Tutti ne sono affetti.”

Compra uno, dai uno

La società di start-up di scarpe Atoms di Brooklyn aveva avuto un anno record prima del colpo di coronavirus.

Ciò includeva il primo negozio pop-up dell’azienda in città che si è concluso a gennaio. Il marchio si era trasferito a New York circa un anno fa da San Francisco.

I suoi fondatori, Waqas Ali e Sidra Qasim, si incontrarono in Pakistan e arrivarono negli Stati Uniti a 2015 quando hanno ricevuto finanziamenti da Y Combinator, una società che fornisce denaro alle startup in fase iniziale.

Oggi Atoms è anche una società di portafoglio di Initialized Capital, una società di venture capital in fase iniziale.

I co-fondatori degli atomi Sidra Qasam, a sinistra, e Waqas Ali modellano le nuove maschere che la società ha iniziato a realizzare in risposta al COVID – 19 crisi.

Atomi

L’obiettivo di Atoms è quello di vendere sneaker comode ed eleganti. A differenza di altre attività di vendita al dettaglio, la società ha visto aumentare le sue vendite durante questo periodo.

Qasim attribuisce le vendite dell’azienda al marketing mirato, oltre al fatto che includono prodotti come disinfettante per le mani con gli ordini dei clienti.

Tuttavia, l’azienda voleva fare di più per aiutare, il che li ha portati all’idea di creare maschere. Hanno iniziato a lavorare sull’idea all’inizio di aprile. Questa settimana, stanno ricevendo e inviando il loro primo lotto di maschere.

Per ogni $ 10 maschera qualcuno compra, la società prevede di donare un’altra maschera. Il partner iniziale per tali donazioni è la New York Housing Authority, che fornisce alloggi pubblici a New York City.

La società inizialmente offerto di donare 5, 000 maschere. Ma la quantità di ordini che l’azienda ha ricevuto spingerà ad avvicinarsi a 60, 000. Molti degli ordini provengono da New York e dalla California, stati che sono stati colpiti più duramente da Covid – 19.

Idealmente, le maschere degli Atomi proteggeranno il viso delle persone comuni, aiutando nel contempo a conservare N 95 maschera per professionisti medici.

“Potrebbe letteralmente salvare vite umane e ridurne la diffusione”, ha detto Ali.

Maschere su misura

Una giornata tipo presso il negozio di Master Tailor nell’Upper West Side è cambiata da quando l’azienda di famiglia si è rivolta a creare maschere.

Il negozio rimane aperto sei giorni alla settimana. Vende maschere dal momento in cui si apre alle 10 fino a quando non si esauriscono, che è quasi ogni giorno, ha detto Leah Kim.

Un primo piano del prototipo della maschera Master Tailor.

Leah Kim

In media, l’azienda vende circa 50 maschere al giorno, che produce attraverso un processo di tipo catena di montaggio. Le maschere costano $ 20 ciascuna e sono limitate a due per cliente.

Le maschere in tessuto sono lavabili a mano e sono disponibili in più misure per adattarsi a una varietà di dimensioni del viso. E mentre i filtri non sono inclusi, le maschere hanno tasche per loro.

La produzione richiede al team di lavorare 12 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, ha detto Leah. Mentre all’inizio hanno preso i preordini, da allora si sono fermati perché la domanda è cresciuta troppo.

Questo è anche qualcosa che stiamo facendo per la comunità, non solo per il profitto.

Leah ha detto che resta da vedere quanto bene le maschere aiutino a sostenere il business. Ma la squadra padre-figlia è grata di poter rimanere aperta e aiutare gli altri newyorkesi, ha detto.

“Questo è anche qualcosa che stiamo facendo per la comunità, non solo per il profitto, “Leah ha detto.

Avere un’attività correlata al coronavirus storia che vorresti condividere? Contatta l’autore a lorie.konish@nbcuni.com.

Articolo originale di CNBC