giovedì 05 agosto 2021

Perché le azioni di Shell e Chesapeake sono aumentate il 4/30, ma Matador Rallied

                                         

                                     

                                                                                          

Le compagnie energetiche come Shell e Chesapeake Energy hanno avuto un grande successo in cattive notizie, mentre le notizie hanno spinto Matador in un’altra direzione.

                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                                                            

Quello che è successo

Azioni di Royal Dutch Shell (NYSE: RDS.B) (NYSE: RDS.A) è caduto drammaticamente all’apertura degli scambi di aprile 30, lasciando cadere quanto 14% nella prima mezz’ora. Chesapeake Energy di (NYSE: CHK) le prestazioni erano anche peggiori, in calo quasi 20%. E poi c’era un produttore di energia relativamente piccolo Matador Resources (NYSE: MTDR) , che ha visto salire le sue quote tanto quanto 08%. E in ogni caso i drammatici movimenti delle azioni erano legati al flusso di notizie, solo che questa volta la notizia non era direttamente correlata agli alti e bassi dei prezzi del petrolio.

E allora

Le notizie di Royal Dutch Shell sono state probabilmente le più difficili da sopportare, specialmente se sei un investitore in dividendi. Il gigante dell’energia europea ha annunciato durante la notte che stava tagliando il suo dividendo da $ 0. 94 per ricevuta di deposito americana (effettivamente le sue azioni quotate negli Stati Uniti, ciascuna pari a due “azioni ordinarie”) al trimestre a $ 0. 32, a 66% taglio. Sebbene la mossa non avrebbe dovuto essere una sorpresa totale, dato il prezzo dolorosamente basso del petrolio e del gas naturale nel mondo di oggi, ovviamente ha turbato gli investitori. E il titolo debitamente venduto.

Fonte immagine: Getty Images.

Dopo molto tempo a sostenere il dividendo, anche attraverso periodi difficili, il management ha trovato l’ambiente attuale troppo incerto. I guadagni del primo trimestre di Shell aiutano a spiegare perché, dal momento che la linea di fondo dell’azienda è andata a zero nel trimestre. Non ha perso esattamente denaro (su una base per azione, perché il reddito netto era leggermente in rosso), il che è qualcosa. Ma anche non ha fatto soldi. Con un carico di debito relativamente elevato e un mercato dell’energia ancora in eccesso, Shell ha deciso che era tempo di risparmiare denaro.

È interessante notare che i rivali Chevron (NYSE: CVX) e ExxonMobil (NYSE: XOM) entrambi hanno recentemente annunciato che manterrebbero i loro dividendi e, come prevedibile, non hanno subito la stessa reazione negativa degli azionisti. Un calo del prezzo del petrolio ha portato le loro azioni a scendere di circa il 3,5% ciascuna nelle prime negoziazioni odierne, ma non è affatto come il dolore che gli azionisti Shell hanno sopportato. A differenza della loro controparte europea, Chevron ed Exxon si sono concentrati a lungo sul mantenimento di livelli molto modesti di debito a lungo termine. A questo punto sembrano meglio in grado di appoggiarsi ai loro bilanci (Exxon ha emesso circa $ 18 miliardi di debiti quest’anno) per sostenere piani di spesa in conto capitale e dividendi.

Dati RDS.B di YCharts

Chesapeake Energy è una storia completamente diversa. Ha tentato semplicemente di rimanere in vita, prendendo quelli che la maggior parte vedrebbe come passi disperati per proteggersi. Questi hanno incluso l’annuncio di piani per una massiccia divisione di azioni inverse e l’adozione di una pillola di veleno per scongiurare i potenziali acquirenti. Ma ora Reuters sta segnalando che la società di esplorazione e produzione è in trattativa con i finanziatori per un prestito, forse fino a $ 1 miliardo, che gli permetterebbe di superare un processo fallimentare. Come ci si potrebbe aspettare, gli investitori stanno fuggendo da quella che sembra una nave che affonda. E così il titolo è sceso drasticamente all’aperto. Tuttavia, Chesapeake ha lottato per un po ‘di tempo, quindi questa non è esattamente una notizia scioccante.

E poi c’è Matador Resources, che è cresciuto bruscamente nei primi scambi. Questo trapano relativamente piccolo ha riportato guadagni che sono stati, in gran parte, abbastanza positivi. Le attività di copertura hanno permesso all’azienda di guadagnare $ 1. 08 per azione nel trimestre. Anche senza i guadagni di copertura, è comunque riuscito a guadagnare $ 0. 20 per azione. Quello era giù 50% rispetto al quarto trimestre a causa della riduzione dei prezzi del petrolio e del gas, ma la società è riuscita a rimanere saldamente al ribasso e ha superato le aspettative di Wall Street. Ha anche sottolineato che ha approssimativamente 50% della sua produzione coperta a prezzi tra $ 35 e $ 48 al barile per il resto dell’anno. Gli investitori erano ovviamente soddisfatti dei risultati e sembrano credere che Matador possa resistere ragionevolmente bene anche a fronte dei bassi prezzi del petrolio.

Ora cosa

L’industria energetica è estremamente volatile in questo momento, ed è difficile dire in che modo si sposterà il settore più ampio in un dato giorno. Diventa ancora più complesso quando si esegue il drill-down per i singoli nomi. Tuttavia, se sei attratto dallo spazio alla ricerca di titoli non amati, considera fortemente di restare con grandi aziende finanziariamente forti. Ora non è il momento per la maggior parte degli investitori di fare scommesse rischiose nella patch di petrolio.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        
Articolo originale di Fool.com