sabato 02 luglio 2022

Primavera è tempo di bici: ma scegli una bici d’epoca, un pezzo vintage bello anche da usare e da esporre

Belle giornate, voglia di avventura e movimento ma anche il desiderio di riscoprire la città dopo il tramonto e andare a fare le piccole spese pedalando. Torna la primavera e con essa la voglia di pedalare. Se non hai una bici e stai guardando le varie offerte e dépliant fermati e passa anche dal negozio di bici d’epoca. Troverai sorprese davvero uniche e soprattutto bici sensazionali che hanno fatto la storia del nostro Paese e non solo.

Non accontentarti di una bici qualsiasi, scegli una bici che possa raccontare una storia. Questo è il vero lusso e il vero gusto: possedere oggetti unici nel loro genere in grado di suscitare emozioni. In media, le bici vintage prodotte prima della metà degli anni ’80 hanno buone probabilità di essere di qualità complessiva molto superiore rispetto alla maggior parte delle bici moderne di fascia media. È noto che molte biciclette vintage sono state assemblate e saldate a mano con grande attenzione ai dettagli. Le persone moderne si preoccupano di cornici leggere e flessibili, che a lungo termine possono portare a effetti meno desiderabili. Inoltre, le bici vintage sono spesso realizzate in acciaio, il che le rende un po’ più pesanti, ma decisamente robuste.

Le biciclette di fascia alta di oggi sono macchine complesse, a volte con parti che richiedono riparazioni specialistiche. Questo non era il caso prima. Le biciclette più vecchie sono semplici, il che significa che le riparazioni sono più facili e spesso vengono eseguite dal proprietario stesso con strumenti di base. Prezzo

Ovviamente ci vuole un po’ di fortuna. Ma con una buona ricerca, non è raro trovare moto d’epoca a prezzi assolutamente ragionevoli rispetto alla qualità del veicolo. Le bici che una volta erano di fascia alta ora possono essere acquistate al prezzo di una bici di fascia media o bassa. Naturalmente, salvo casi particolari, si possono acquistare biciclette di qualità a un prezzo inferiore rispetto a quelle attuali, magari in fibra di carbonio. Tuttavia, è difficile stabilire una fascia di prezzo perché il costo dipende dall’anno, dalla marca e dall’usura. In ogni caso puoi trovare di tutto: da una richiesta di cifre proporzionali a un importo di diverse decine di euro.

Prima di scegliere una bici d’epoca, considera anche gli svantaggi. Innanzitutto è la difficoltà di trovare gli accessori giusti. I pezzi di ricambio non sono sempre disponibili sul mercato. Sarà necessario, se la bicicletta acquistata è sprovvista degli elementi necessari, utilizzare accessori alternativi. Inoltre, la costruzione robusta e affidabile delle biciclette più vecchie è spesso ancora più semplice. Un’altra cosa da tenere a mente è che la maggior parte delle bici più vecchie utilizza bulloni e dadi invece di semplici sistemi di sgancio, quindi una chiave inglese deve essere utilizzata per tutto, anche per regolare il sedile. Inoltre, in alcuni casi non è possibile posizionare le vecchie biciclette su portabiciclette non idonei. Le biciclette d’epoca in acciaio erano per lo più realizzate a mano da abili artigiani. Molti costruttori hanno anche realizzato o modificato i propri componenti. È molto più vita di quella che vedrai sui telai moderni in cui le forcelle di irrigidimento, la fatica dell’alluminio e la rottura della fibra di carbonio sono comuni. Le biciclette standard di oggi non sono progettate solo per durare una vita. Se vuoi che una bici venga tramandata alle generazioni future, non comprare una “bicicletta di serie”, per molti meno soldi, compra una bici vintage.

Facilità di riparazione e disponibilità dei componenti – Quasi tutti i componenti più vecchi possono essere riparati con semplici parti fai-da-te se le parti di ricambio non sono prontamente disponibili. Sono anche facili da capire e rendono molto più facile per i proprietari di biciclette classiche imparare la manutenzione di base della motocicletta.

Motivi ambientali – rispetto per l’ambiente: le biciclette dei grandi magazzini dopo pochi anni… mesi finiscono in discarica. Ogni nuova bicicletta prodotta contiene circa 240 kg di gas serra, che sono mortali per la nostra atmosfera. Nel 2015 sono state prodotte e vendute 17,4 milioni di nuove biciclette. Quindi stimiamo che in un anno vengono emessi nell’ambiente 4,2 miliardi di chilogrammi di gas serra, e tutto a causa della domanda di nuove biciclette. Non comprare una nuova bici per andare in giro per la città! Sistema, rinnova quelli che hai già o acquistane uno vecchio.