domenica 28 novembre 2021

Reddito di cittadinanza: scontro al governo

In governo si discute sul reddito di cittadinanza e si apre un dibattito a cui partecipano tutti le compagini politiche: c’è chi difende la misura in modo agguerrito e chi la giudica capace di affossare l’economia Italiana 

Abolire il reddito di cittadinanza o apportare un restyling? Il mondo politico o di divide sul tema.I ministri Giancarlo Giorgetti (Lega), Renato Brunetta (Forza Italia) ed Elena Bonetti (Italia Viva) hanno chiesto ampi commenti sulla misura, cavallo di battaglia del M5S. Stefano Patuanelli, ministro Grilino, avrebbe difeso il provvedimento in modo deciso, trovando l’appoggio del viceministro Andrea Orlando, ma anche del presidente del Consiglio Mario Draghi. Del resto le fonti presenti nel Cdm non hanno modificato il sistema di reddito dei cittadini.

Le stesse fonti su cui il presidente del Consiglio ha spiegato che una manovra conflittuale – possibilmente nell’ambito del Cdm a partire da lunedì – diventerà luogo di discussione, sviluppo delle attuali politiche correttive attive.

Georgetti, Brunetta e Bonetti chiedono essenzialmente al governo di abolire il reddito di cittadinanza, invitando il governo a incanalare e convogliare le risorse. Elimina il muro opposto dal M5S sostenuto dai democratici. Ma il “secondo round” è dietro l’angolo.

“Una presa in giro dell’uso del denaro di chi ha lavorato duramente”, ha detto Giorgetti. “Come ha spiegato il ministro Franco a Giorgetti al Cdm, i fondi per rifinanziare il reddito dei cittadini e non compresi nel capitolo sono sopravvalutati. Siamo pronti a spiegarlo alla Lega”.

Il dl fisco, come emerge da fonti governative, rifinanzia il reddito di cittadinanza escludendo risorse dal reddito di emergenza (90 milioni), prepensionamento per lavori noiosi e faticosi (30 milioni), accesso alle prestazioni pensionistiche per gli anticipi (40 milioni) e ridorme per i bambini. attento (30 milioni).

 

Il reddito di cittadinanza “è un tema su cui lavoreremo in parlamento dal prossimo mese”. Matteo Salvini, leader della Lega, esprime il suo parere  dopo le scintille emerse in Consiglio dei ministri sul rifinanziamento del reddito.

“Sbarazzati del reddito di cittadinanza. Certo, M5S sta lavorando per migliorarlo attraverso politiche attive e l’ingresso nel mercato del lavoro, cosa che in Italia è sempre mancata”, afferma sui social il leader a 5 stelle Giuseppe Conte.