sabato 27 novembre 2021

Secondo quanto riferito, la bozza di dichiarazione del G7 sulla risposta del coronavirus non dettaglia i passi fiscali, monetari

Le bandiere delle nazioni membri del G7 sono esposte all’entrata del Peace Memorial Park per le vittime del bombardamento atomico a Hiroshima il 9 aprile 2016.

Kazuhiro Nogi | AFP | Getty Images

Il Gruppo di sette potenze industriali stanno elaborando una dichiarazione che i loro leader finanziari emettono per contrastare l’impatto del coronavirus, ma per ora non richiede specificamente nuove spese governative o tagli coordinati dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, un funzionario del G-7 con conoscenza diretta delle deliberazioni ha detto a Reuters martedì.

I mercati finanziari globali hanno registrato un netto rialzo lunedì come banche centrali da Giappone , Gran Bretagna e La Francia seguì gli negli Stati Uniti Federal Reserve nel dire che erano pronti a sostenere l’economia globale e il ministro delle finanze francese ha promesso “un’azione concertata”.

Nella dichiarazione, atteso martedì o mercoledì, i paesi del G-7 si impegneranno a lavorare insieme per mitigare il danno alle loro economie dall’epidemia in rapida diffusione, ha detto la fonte a condizione di anonimato a causa della sensibilità della questione.

La lingua della dichiarazione è soggetta a modifiche in quanto è ancora in discussione, ha affermato la fonte.

Gli Stati Uniti – G-7 di quest’anno presidente – ha affermato che i ministri delle finanze del gruppo e i governatori delle banche centrali terranno una teleconferenza martedì mattina per discutere le misure per affrontare l’epidemia e il suo impatto economico.

Articolo originale di CNBC