martedì 27 ottobre 2020

Sindacato del progetto: l’azione del governo deve essere focalizzata sul laser sulla crisi sanitaria e sul salvataggio di vite e mezzi di sussistenza

NEW YORK ( Project Syndicate ) – Lockdown di intere città. Panico nei mercati finanziari. Scaffali di negozi nudi. Ospedali a corto di letti. Il mondo è entrato in una realtà sconosciuta al di fuori del tempo di guerra.

Obbligando le persone a isolarsi a casa, i politici sperano di rallentare e poi invertire il ritmo con cui COVID –

si sta diffondendo.

Ultime notizie : Segui le ultime notizie sul coronavirus.

      

Ma un blocco da solo, o uno scoppio della creazione di denaro, non fermerà la pandemia né salverà le nostre economie. Il pacchetto di salvataggio economico di $ 2 trilioni appena negoziato negli Stati Uniti è un esempio emblematico. Gli Stati Uniti hanno bisogno di una spesa pubblica nella scala che prevede, ma hanno anche bisogno di un intervento del governo per far fronte a una crisi della salute pubblica sempre più profonda. In quanto tale, molte disposizioni del disegno di legge “stimolo” sembrano sbagliate, altre tristemente. Altri si muovono nella giusta direzione, ma sono troppo frammentari.

             

Ma, in modo allarmante, molti responsabili politici – incluso il presidente Donald Trump – stanno semplicemente assumendo che la legislazione consentirà di allentare il blocco non appena Pasqua, ignorando la minaccia COVID – 19 pone non solo agli anziani, ma anche ai giovani.

      

Secondo il New York Times, circa 40% di quelli ricoverati in ospedale dalla malattia negli Stati Uniti sono stati tra i secoli di 20 e 54 , suggerendo che lo stress sui sistemi sanitari peggiorerà in modo significativo prima che migliori.

      

La possibilità che milioni di persone muoiano quando l’economia è paralizzata giustifica un aumento sostanziale della portata e della portata dell’azione del governo. Pertanto, la risposta del governo dovrebbe essere vista come una forma senza precedenti di assicurazione sistemica a breve termine per le nostre vite e mezzi di sostentamento.

      

E, dato il valore assoluto che attribuiamo a entrambi, i cittadini e i governi dovrebbero essere pronti a pagare quello che potrebbe apparire un premio stravagantemente elevato.

      

La stessa possibilità che milioni di persone muoiano quando l’economia è paralizzata giustifica sostanzialmente il potenziamento dell’estensione e della portata dell’azione del governo. Questa azione dovrebbe essere vista come una forma senza precedenti di assicurazione sistemica a breve termine per le nostre vite e mezzi di sostentamento.

      

Correlato: Il team di Trump sta valutando se l’arresto indotto dal coronavirus sta facendo ‘più danni che buono ‘

       

L’assicurazione sistemica necessaria richiede uno sforzo guidato dal governo in quattro aree principali:

      

• Reindirizzare la capacità produttiva esistente dell’economia per superare le carenze in rapida crescita di attrezzature e servizi necessari per rispondere efficacemente alla pandemia.

      

• Supportare le imprese che non sono direttamente coinvolte negli sforzi per combattere la crisi, in modo che possano continuare a fornire beni e servizi essenziali.

      

• Garantire che la popolazione disponga di mezzi sufficienti per acquistare questi beni e servizi.

      

• Creazione di una struttura finanziaria per aiutare coloro che non sono in grado di pagare il proprio mutuo e soddisfare altri obblighi, mitigando così i rischi catastrofici per il settore finanziario.

      

Tale assicurazione sistemica va ben oltre le attuali proposte di spendere trilioni di dollari, molti dei quali sono destinati a iniziative politiche che diagnosticano erroneamente la crisi come una domanda carente aggregata o come risultato di un normale shock dell’offerta.

      

Inoltre, si stanno dedicando ingenti somme ai salvataggi senza condizionare esplicitamente i soldi per la partecipazione di un’azienda allo sforzo • di combattere la crisi sanitaria e le sue conseguenze economiche.

      

Quindi, poiché i funzionari di tutto il mondo considerano i grandi esborsi per combattere la crisi COVID – 19, le domande più immediate che affrontiamo è se le polizze attualmente in esame forniscono un’assicurazione sufficiente contro i rischi sistemici che ora si stanno moltiplicando. I criteri sono chiari:

      

• La spesa pubblica è sufficientemente focalizzata sul laser per superare la crisi della sanità pubblica?

      

• Il pacchetto di salvataggio economico è adeguato per sostenere il benessere della popolazione?

      

Considerando innanzitutto il secondo criterio, dovrebbero essere ricorrenti le iniezioni governative di cosiddetti soldi per elicotteri (dispense dirette in contanti) per aiutare a mantenere a galla la popolazione, piuttosto che l’una o due erogazioni attualmente in discussione. Le indennità di disoccupazione estese, insieme all’ammissibilità estesa per buoni pasto e altri pagamenti di questo tipo, contribuirebbero anche a fornire i mezzi per pagare beni e servizi essenziali.

      

Le politiche che mirano a stimolare l’occupazione, come i tagli alle tasse sulle società o sui salari sostenute dai repubblicani del Senato, non contribuiranno certamente a combattere la pandemia e le sue conseguenze sulla fornitura di beni e servizi. I dipendenti che sono malati o che possono essere malati, e quindi un pericolo per gli altri, non possono essere invocati per mantenere la produzione di beni e servizi.

      

Ciò che è ora dolorosamente chiaro è che c’è una carenza di approvvigionamento di un tipo senza precedenti: attrezzature e strutture mediche. Ed è altrettanto chiaro che le politiche in esame negli Stati Uniti, che si basano principalmente sul riutilizzo volontario della capacità produttiva esistente, sono dolorosamente inadeguate a colmare il crescente divario.

      

Riqualificare le fabbriche per produrre ventilatori per pazienti e dispositivi di protezione individuale (DPI) per il personale medico, ad esempio, richiede tempo. Quindi queste misure devono essere ridimensionate senza indugio. Inoltre, tale riattrezzamento richiede ingenti esborsi finanziari, che sono difficili da realizzare in un’economia che sta crollando.

      

Al fine di riutilizzare la capacità esistente, il governo dovrebbe condizionare il sostegno a qualsiasi impresa privata sull’impegno dell’azienda a produrre attrezzature vitali (specificato da un organo di esperti medici) e soddisfare il suo libro paga a salari ragionevoli. Per evitare l’abbattimento dei prezzi, le forniture mediche devono essere valutate ai livelli pre-crisi.

      

Questa condizionalità non dovrebbe applicarsi solo alle imprese che producono attrezzature.

      

L’approccio sistemico assicurativo all’allocazione dei fondi dei contribuenti richiederebbe che le grandi società del settore dei servizi come le compagnie aeree o le catene alberghiere ricevano salvataggi solo se riutilizzano la loro capacità di sostenere la lotta contro la pandemia. Piuttosto che rimanere inattivi in ​​attesa di riprendere il viaggio dei passeggeri, le compagnie aeree dovrebbero ricevere fondi per riattrezzare i loro aeroplani per trasportare forniture e attrezzature mediche o per spostare i pazienti malati in luoghi con la capacità di prendersi cura di loro.

      

Allo stesso modo, le catene alberghiere dovrebbero essere supportate dal governo solo se accettano di riutilizzare i loro hotel per servire come ospedali temporanei.

      

Oltre a riutilizzare la capacità esistente, un’assicurazione sistemica richiederebbe che ai dipendenti delle società salvate continuino a ricevere un salario adeguato. Ai salvataggi non dovrebbe essere consentito deviare verso aumenti salariali, riacquisti di azioni o dividendi.

      

Ciò che rende l’assicurazione sistemica senza precedenti è che richiede non solo la spesa pubblica – che può essere considerata la parte in contanti del premio – ma anche interventi su larga scala guidati dal governo nel modo in cui le nostre economie producono e distribuiscono beni e servizi . Questo spostamento verso l’azione statale è molto più completo di quanto non sia mai stata la mobilitazione per la seconda guerra mondiale – un parallelo spesso invocato.

      

Ma una tale riorganizzazione delle nostre economie pone più di difficoltà operative, specialmente negli Stati Uniti, dove il governo ha storicamente limitato strettamente il suo intervento diretto nelle attività produttive. Sebbene l’intervento dei governi nelle economie moderne abbia molte forme, le idee radicate sull’equilibrio tra stato e mercato impediscono ancora adesso una risposta adeguata a questa crisi.

      

Il presidente Donald Trump e i responsabili politici statunitensi hanno finora favorito misure frammentarie, soprattutto quando si tratta dello stato che dirige – anzi, riorganizza – il settore privato. La loro istintiva convinzione nella superiorità del mercato e delle iniziative private, indipendentemente dalle circostanze, li porta a indietreggiare dalle dimensioni dell’intervento governativo necessario per salvare le nostre vite e mezzi di sostentamento.

      

Le continue chiacchiere sul ruolo proprio dello stato non devono diventare blocchi stradali per mitigare i gravi rischi sistemici che affrontiamo. La scarsa esperienza dei governi nell’affrontare un’altra minaccia esistenziale – quella dei cambiamenti climatici – non ispira ottimismo.

                                            

Articolo originale di Marketwatch.com