venerdì 26 febbraio 2021

Target mira a rendere il suo business online in forte espansione più redditizio con nuove tecnologie, piccoli centri di smistamento

I pedoni passano davanti al logo Target riflesso in una finestra a City Point a Brooklyn, New York.

Mark Kauzlarich | Bloomberg | Getty Images

L’attività online di Target è cresciuta durante la pandemia di coronavirus e ciò ha spinto l’azienda a risolvere un indovinello per i rivenditori: come trasformare le crescenti vendite di e-commerce in profitti crescenti.

-box ha dichiarato in una chiamata di utili mercoledì che sta cercando nuove tecnologie e centri di smistamento per tenere il passo con la domanda e ridurre i costi.

Mercoledì, il grande- il rivenditore di scatole ha riferito i suoi guadagni nel primo trimestre e ha affermato che quasi tutta la sua crescita delle vendite nel primo trimestre è arrivata online. Le sue vendite digitali sono cresciute del 141% nel trimestre. Nei giorni medi di aprile, il rivenditore ha evaso più ordini rispetto al Cyber ​​Monday dell’anno scorso. E nel periodo di tre mesi, i suoi negozi hanno fornito più articoli acquistati attraverso il suo servizio di consegna a domicilio rispetto a tutti 2019.

“Abbiamo investito e pianificato la capacità di supportare questo volume [online]”, ha dichiarato Michael Fiddelke, Chief Financial Officer. “Abbiamo solo pensato che sarebbero trascorsi tre anni. Quindi abbiamo visto un’accelerazione per quello che ci saremmo aspettati di prendere tre anni che è successo ormai nel giro di poche settimane.”

Ma questo ha un costo. Fiddelke ha affermato che i costi della realizzazione digitale e della catena di fornitura sono stati uno dei tre principali fattori che hanno fatto pressione sui margini della società per il trimestre. I profitti dell’azienda furono anche ridotti mentre il rivenditore cancellava l’abbigliamento che non vendeva e vendeva più articoli a basso margine, come i generi alimentari, invece di quelli con margini più alti come l’arredamento della casa.

Il bersaglio non è solo. Poiché più clienti acquistano online anziché nei negozi, molti rivenditori hanno dovuto assorbire costi più elevati. L’improvviso cambiamento nei modelli di acquisto ha causato anche il colpo di frusta. I rivenditori hanno dovuto gestire l’inventario degli articoli rapidamente rimossi dagli scaffali, coordinare catene di approvvigionamento complesse e assumere più lavoro man mano che i dipendenti ritirano, imballano e spediscono gli articoli – o almeno li hanno insaccati e pronti per il ritiro del negozio.

Per ridurre i costi, Target ha usato i suoi quasi 1, 900 negozi in tutto il paese in centri logistici. La società ha affermato che i suoi negozi hanno raggiunto quasi il 80% delle vendite digitali del primo trimestre. Consente inoltre ai clienti di ricevere ordini online lo stesso giorno entrando in un negozio o guidando verso l’alto – opzioni che riducono i costi di trasporto del rivenditore.

Il Chief Operating Officer di John Mulligan ha dichiarato il rivenditore testerà presto un altro strumento: ordinare i centri per i pacchetti. Di recente ha acquisito tecnologia e talento dalla startup di consegna nello stesso giorno, Deliv. La società è specializzata nell ‘”ultimo miglio”, la distanza che un acquisto online percorre da un centro logistico o negozio alla sua destinazione finale, come la casa di un cliente. L ‘”ultimo miglio” è uno dei maggiori fattori di costo per le vendite digitali. I termini dell’accordo non sono stati resi noti.

Con la tecnologia di Deliv, Mulligan ha affermato che la società testerà centri di smistamento in aree in cui vi è un’alta densità di pacchetti. Saranno più piccoli del negozio medio di Target e più vicini ai clienti, ha detto. Li testerà nel mercato di Minneapolis, vicino al suo quartier generale, e poi scalerà.

“Eliminando la necessità di ordinare i pacchi nei singoli negozi, il rendimento dei pacchi in queste località aumenterà naturalmente e possiamo ottenere costi di spedizione medi inferiori attraverso la scala e ottimizzazione del percorso che questi centri a valle forniranno “, ha dichiarato alla chiamata di guadagno.

Ha detto che Target non ha ancora deciso un calendario per il test.

Tuttavia, Fiddelke ha affermato che ogni transazione digitale non può essere misurata in soli dollari. Quando, ad esempio, i clienti utilizzano il servizio di ritiro presso il rivenditore, dichiarano di spendere di più in Target, non solo online, ma nei negozi.

“Quando vediamo gli ospiti interagire con più delle nostre scelte di adempimento, diventano clienti più forti di Target e costruiamo rilevanza con loro in totale “, ha detto. “Ed è qui che l’economia del digitale diventa più potente.”

Articolo originale di Cnbc.com