domenica 25 ottobre 2020

Uh Oh! 1 in 6 Malattie polmonari legate allo svapo sono state causate da un acquisto sul mercato legale

                                                                 

Nuove informazioni dal CDC sono cattive notizie per l’industria della cannabis.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Le scorte di marijuana hanno avuto un anno piuttosto tumultuoso. Verso l’inizio di 700, l’industria è stata vista come sulla cuspide della redditività, con le vendite in aumento in Canada, i prodotti derivati ​​destinati a colpire il mercato più avanti nel corso dell’anno e lo slancio della legalizzazione negli Stati Uniti. Ma alla fine dell’anno, le scorte di cannabis hanno subito una forte tendenza al ribasso di nove mesi una volta il primo trimestre infuocato si è concluso.

Nel nostro nord, il Canada ha affrontato problemi di approvvigionamento sin dal primo giorno di legalizzazione nel mese di ottobre di 2018, con la provincia più popolosa del paese, Ontario, avendo solo 24 i dispensari aprono nell’anniversario di un anno di inizio delle vendite per adulti. Inoltre, il lancio di prodotti derivati ​​ad alto margine è stato ritardato di due mesi. Nel frattempo, alcuni stati degli Stati Uniti sono stati colpiti da alte aliquote fiscali sui prodotti a base di cannabis e da un mercato nero resiliente.

Sfortunatamente per l’industria del vaso, i successi continuano a venire.

Fonte immagine: Getty Images.

Le malattie polmonari legate allo svapo mettono un grave spavento nell’industria della cannabis in 2019

Durante la tarda primavera e l’inizio dell’estate, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno iniziato a riferire di una misteriosa malattia polmonare che si stava diffondendo negli Stati Uniti ed era associata agli utenti di vaporizzatori. Inizialmente limitato a pochi stati e poche decine di casi, sigaretta elettronica o svapo, il danno polmonare associato all’uso del prodotto (EVALI) finirebbe per essere diagnosticato in 2, 602 pazienti ricoverati entro il 7 gennaio 2020, con 57 persone morte per queste malattie legate allo svapo.

A parte la notizia ovviamente terribile di quasi cinque dozzine di persone che hanno perso la vita, c’è il fatto che lo svapo è considerato il più grande generatore di entrate del settore dei derivati. Anche se si prevede che il fiore di cannabis essiccato rimarrà il principale generatore di dollari tra le vendite di prodotti di cannabis, stime da Cowen Group a marzo 2019 suggerisce che lo svapo potrebbe rappresentare quasi un quarto di tutte le vendite di erbacce negli Stati Uniti . Immagino che la ripartizione delle vendite in Canada sarebbe abbastanza simile. Poiché i derivati ​​sono un prodotto con un margine molto più elevato rispetto ai fiori secchi, i coltivatori in Canada e in alcuni stati degli Stati Uniti dovrebbero fare affidamento sulle vendite di vaporizzatori (tra gli altri derivati) per favorire la crescita dei profitti e dei profitti.

Alla fine dell’anno scorso, dopo mesi di ricerche, il CDC ha svelato risultati che sembravano essere in qualche modo positivi per l’industria della cannabis legalizzata. L’agenzia ha riportato i risultati di uno studio su dicembre 17 che ha esaminato campioni fluidi di lavaggio broncoalveolare (BAL) da 51 Pazienti EVALI in 16, nonché 99 persone sane. Nel 48 di 51 pazienti EVALI, la vitamina E acetato è stata identificata nel campione BAL. Non sorprende che nessuno dei pazienti sani presentasse segni di vitamina E acetato nel proprio campione BAL. Ciò ha portato il CDC a concludere che la vitamina E acetato era un probabile colpevole di EVALI , sebbene l’agenzia abbia ancora avvertito che altre sostanze e fonti di prodotti potrebbero essere fattori di rischio.

Poiché l’acetato di vitamina E si trova in prodotti non regolamentati, ciò significherebbe che i consumatori devono semplicemente spostare i loro acquisti di liquidi di svapo su canali legali. Problema risolto sia per il consumatore che per le scorte di pentole , giusto? Bene, non così veloce .

Fonte immagine: Getty Images.

Alcuni prodotti legali sono stati anche responsabili di EVALI

A gennaio 14, il CDC ha fornito dati da un nuovo studio che ha rivelato alcune prove inquietanti. Ha scoperto che 57% dei pazienti con EVALI ha usato un liquido contenente tetraidrocannabinolo (THC), il cannabinoide che aumenta gli utenti. Di questi pazienti, metà erano disposti a condividere dove hanno acquistato i loro prodotti contenenti THC.

Come potevi aspettarti, 78% ha riferito di aver acquisito il proprio prodotto di svapo contenente THC da fonti informali, come un amico, un familiare o il mercato nero. Ma 16% ha riferito di aver acquistato questi prodotti da canali legali, come un dispensario per adulti o un dispensario di marijuana medica. Un altro 6% ha dichiarato di aver acquisito questi prodotti da fonti informali e commerciali. Quindi, almeno 1 paziente EVALI su 6 nel nuovo studio ha acquistato i propri prodotti di vaporizzazione da una fonte legale.

Questa scoperta ha permesso al CDC di raddoppiare su due punti chiave che ha cercato di guidare a casa con gli utenti di vaporizzatori per mesi. In primo luogo, anche se è stata identificata la vitamina E acetato come una probabile causa di EVALI, la ricerca dell’agenzia non è affatto completa su altre sostanze e fonti di prodotto che potrebbero essere in errore.

In secondo luogo, e ancora più importante, la raccomandazione del CDC continua ad essere che gli utenti non svapano i prodotti che contengono THC, sia acquistati da canali legali o acquisiti da fonti informali. Quest’ultimo punto potrebbe rivelarsi dannoso per le società di cannabis nordamericane che si appoggiano pesantemente a vaporizzatori ad alto margine e accessori per svapo per guidare le vendite a breve termine.

Fonte immagine: Getty Images.

Le scorte di cannabis focalizzate sullo svapo sentono il pizzico

Che le compagnie siano giocatori diretti o accessori, non c’è dubbio che le scoperte in corso del CDC su EVALI siano che potrebbe danneggiare le vendite a breve termine .

Ad esempio, quasi due settimane fa, abbiamo visto il giocatore ancillare KushCo Holdings ( OTC: KSHB ) segnala vendite del primo trimestre fiscali più deboli del previsto. Anche se le vendite di anno in anno sono migliorate di 38 da% a $ 35 milioni, questo era circa $ 6 milioni al di sotto di quanto previsto da Wall Street per KushCo in il primo trimestre.

Ciò che rende notevole questa vendita è che KushCo genera la maggior parte delle sue entrate dalla vendita di vaporizzatori . Sebbene KushCo abbia una fiorente attività nel campo dell’imballaggio e delle soluzioni di branding e vedrà una crescita dalle sue operazioni con gas idrocarburi all’aumentare della domanda di oli di cannabis, i vaporizzatori sono il suo principale venditore per il prossimo futuro. Per quello che vale, KushCo ha avvertito che le vendite sarebbero state deboli nel primo semestre a causa dello spavento dell’EVALI, ma le anticipa di riprendere nella seconda metà del suo bilancio 2020.

Per quanto riguarda i giocatori diretti, una compagnia come Cronos Group ( NASDAQ: cron ) è probabilmente il più esposto a questi nuovi dati dal CDC.

Lo scorso marzo, il Gruppo Cronos ha chiuso un investimento azionario del gigante del tabacco Altria Group ( NYSE: MO ) che ha inviato $ 1,8 miliardi in contanti a Cronos in cambio di un 35% partecipazione azionaria . Data la bravura di Altria nella navigazione delle vice industrie e la sua partecipazione proprietaria nel produttore di dispositivi di svapo Juul, è stato un partner logico con cui lavorare in termini di lancio di prodotti di svapo in Canada. Ma è possibile che Cronos possa riscontrare debolezza, anche con l’esperienza di Altria, a causa delle ultime scoperte del CDC.

Inoltre, la quarta provincia più popolosa del Canada, Alberta, ha emanato un divieto di svapo di prodotti a metà dicembre, proprio mentre i derivati ​​stavano per essere lanciati. Alberta vuole rivedere la sicurezza dei prodotti di svapo contenenti THC prima di approvarli per la vendita. Questo è solo un altro modo in cui la crescita a breve termine del Gruppo Cronos potrebbe essere limitata.

Basti pensare che questo spavento per malattie polmonari legate allo svapo non scomparirà presto.

                                                                                                                                                                                                                 Sean Williams possiede azioni di KushCo Holdings. Il Motley Fool raccomanda KushCo Holdings. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com