sabato 31 ottobre 2020

Un sondaggio privato mostra che l’attività manifatturiera cinese è leggermente aumentata a marzo

I risultati di un sondaggio privato pubblicato mercoledì hanno mostrato China manufacturing ) l’attività si è leggermente ampliata a marzo, quando le fabbriche hanno iniziato ad essere online tra un coronavirus scoppio.

L’indice del responsabile degli acquisti della produzione di Caixin / Markit per marzo era 50 1.

Gli analisti intervistati da Reuters si aspettavano che il PMI Caixin / Markit arrivasse a 45. 5, rispetto alla più forte contrazione di febbraio registrata in 40. 3.

Letture PMI sopra 50 indicano l’espansione, mentre quelli al di sotto di quel livello segnalano una contrazione.

Sebbene il sondaggio abbia mostrato fiducia nelle imprese migliorato man mano che la produzione riprendeva gradualmente, Caixin e IHS Markit hanno notato le sfide della domanda a venire.

“Le condizioni della domanda sono rimaste fragili, come evidenziato da un secondo calo mensile del totale delle nuove attività, “t hey ha detto in un comunicato stampa.

“Un certo numero di membri del panel menzionato che le ditte avevano ritardato o annullato gli ordini a causa della pandemia in corso COVID 19, ” hanno aggiunto. “Inoltre, i nuovi lavori di esportazione sono diminuiti in modo solido durante il mese di marzo, poiché le nazioni di tutto il mondo sono alle prese con il contenimento della diffusione del virus.”

Martin Rasmussen, economista cinese presso Capital Economics detto che il salto nella cifra del titolo suggerisce solo che le condizioni sono migliorate a marzo rispetto a febbraio, ma ciò non significa che l’output sia rimbalzato ai livelli visti prima dello scoppio.

“Il valore nominale dell’indagine suggerisce che poco più della metà delle aziende ha visto migliorare le condizioni il mese scorso, il che implica che l’attività è migliorata marginalmente rispetto alla triste manifestazione di febbraio ma rimane ancora molto debole”, ha scritto Rasmussen in una nota mercoledì.

“La debole domanda estera e le tensioni del mercato del lavoro freneranno il ritmo della ripresa”, ha aggiunto.

Martedì il PMI manifatturiero ufficiale per marzo è arrivato a 52. 0, battendo le aspettative per una contrazione.

Gli analisti hanno detto che la lettura ufficiale martedì ha mostrato un’espansione dopo che l’attività economica cinese si è fermata a febbraio. Le letture di PMI sono sequenziali.

Il governo cinese ha implementato blocchi su larga scala e quarantene di milioni di persone dalla fine di gennaio per contenere lo scoppio della malattia di coronavirus, formalmente noto come COVID – 19. Questo movimento limitato e l’attività economica.

Le fabbriche stanno appena iniziando a entrare in linea con il rallentamento del numero di infezioni giornaliere. La Cina ha affermato che la maggior parte delle nuove infezioni proviene ora da residenti di ritorno da altri paesi.

Il ministero dell’Industria e dell’Information Technology cinese ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa che ha detto che la ripresa del tasso di lavoro per le piccole e medie imprese a livello nazionale era 76% a partire da marzo 28.

Il sondaggio Caixin / Markit presenta un mix più grande di piccoli – e medie imprese. In confronto, il sondaggio PMI ufficiale in genere fa sondaggi su una grande percentuale di grandi imprese e società di proprietà statale.

La differenza nelle letture PMI manifatturiere ufficiali e di Caixin / Markit poiché marzo suggerisce che le piccole imprese e il settore privato in generale soffrono più delle grandi imprese e delle imprese statali, ha affermato Rasmussen.

– Evelyn Cheng della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

GUARDA: Cosa significa il coronavirus per l’economia cinese?

Articolo originale di CNBC