martedì 19 ottobre 2021

Un turismo nello spazio: la missione é stata rinominata Inspiration4

Il primo equipaggio non professionista è volato dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral per arrivare 12 minuti dopo a un’altitudine operativa di 575 chilometri dalla Terra, dove rimarranno per tre giorni.

La missione, ribattezzata Inspiration4, utilizza la capsula SpaceX Crew Dragon di Elon Musk, la stessa che da maggio 2020 fornisce trasporto spaziale regolare dagli Stati Uniti alla Stazione Spaziale Internazionale. In questo viaggio, quattro membri dell’equipaggio orbiteranno attorno alla Terra, completando un giro completo ogni 90 minuti, assicurando un panorama mozzafiato mentre si librano nell’aria nella classica modalità a gravità zero. A bordo ci sono due donne e due uomini che condivideranno lo spazio limitato e la totale mancanza di privacy e comfort durante la missione.  La missione è nata da un incontro tra Isaacman, un appassionato di volo e pilota laico, ed Elon Musk, che ha accettato la sfida di mettere Crew Dragon in un’orbita più alta della ISS (circa 175 chilometri più in alto). Il resto dei passeggeri è stato selezionato in vari modi. Tuttavia, l’ispirazione4, oltre a realizzare il sogno di Isaacman di andare più in alto e più velocemente, ha anche uno scopo benefico. Vuole mettere in atto una raccolta fondi da 200 milioni di dollari avviata da Isaacman per il St. Jude Hospital di Memphis, a cui il miliardario ha già donato personalmente 100 milioni di dollari. La selezione della squadra per accompagnare il miliardario è stata annunciata durante l’ultimo Super Bowl in uno spot pubblicitario di 30 secondi. Hayley Arsenault, 29 anni, paramedico di St. Jude, è stata anche la prima persona a volare nello spazio con una protesi. Ha infatti perso il femore all’età di 10 anni a causa di un osteosarcoma, che è stato curato solo da Saint Jude, che è stato sostituito da osso artificiale. Sarà anche la coordinatrice degli esami medici che verranno effettuati a bordo utilizzando apparecchiature comunemente reperibili sul mercato, come l’Apple Watch o l’ecografo portatile Butterfly iQ+. La seconda donna a bordo è Sian Proctor, la quarta afroamericana ad aver viaggiato nello spazio, selezionata in un concorso per il miglior negozio digitale con software Isaacman. Chiude il quartetto Chris Sembroski, scelto tra tutti coloro che hanno donato all’ospedale.

Questa non è la prima volta che i civili entrano in orbita, ma per la prima volta l’equipaggio è completamente poco professionale. Il valore simbolico è importante, ma c’è ancora molta strada da fare per la possibilità per tutti di avere accesso al turismo spaziale. È ancora una missione unica e personalizzata finanziata da un miliardario fintech (Jared Isaakman, fondatore di 38 anni della società di elaborazione dei pagamenti Shift4), e anche se i dettagli finanziari non vengono divulgati, i costi massimi dovrebbero essere superati 200milioni di dollari. Il costo del volo del Crew Dragon è di circa $ 55 milioni per posto.