Entra in contatto con noi

Mercati americani

2000 e 2020: le differenze sono importanti quanto le somiglianze per i titoli tecnologici

Pubblicato

il

25 gennaio 2023 4:55 ETNEVE, ACTV, AFMC, AFSM, ARKK, AVUV, BAPR, BAUG, BBMC, BBSC, BFOR, BFT, BJUL, BJUN, BKMC, BKSE, BMAR, BMAY, BOCT, CAPO, INCONTRO, IN FORMA, BUL, VITELLO, CAT, CBSE, CSA, CSB, CSD, CSF, CSML, CSTNL, CWS, CZA, DDIV, PROFONDO, DES, DEUS, DFAS, DGRS, DIAM2 Commenti

Riepilogo

  • La bolla della pandemia è stata guidata tanto dai tassi bassi quanto dall’entusiasmo eccessivo, a differenza della bolla tecnologica del 2000 che si è verificata in un contesto di tassi relativamente alti.
  • Sebbene la spesa IT sia aumentata durante la pandemia, non era come alla fine degli anni ’90, rendendo meno probabile una sbornia di investimento.
  • Le valutazioni hanno già ampiamente corretto il che significa che il percorso in avanti sarà probabilmente dettato dalla probabilità di recessione.

Petrovich9

Delos Gioielli
Delos Gioielli

L’impennata dei titoli in crescita indotta da COVID durante il 2020 e il 2021 ha fatto paragoni con la bolla tecnologica della fine degli anni ’90, con molti che si aspettano che la ricaduta sia la stessa. Mentre ci sono somiglianze, dovrebbe essere riconosciuto che in generale le valutazioni non sono state così estreme durante la pandemia e sono state guidate tanto dai bassi tassi di interesse quanto dall’eccessivo entusiasmo. La fine degli anni ’90 ha visto anche un aumento insostenibile della spesa IT a causa dell’aumento delle paure di Internet e Y2K, qualcosa che è accaduto in misura molto più modesta durante COVID. È quindi probabile un periodo di minore spesa IT, in particolare se si verificherà una recessione nel corso dell’anno, ma è improbabile che sia così grave come quella verificatasi nei primi anni 2000.

Figura 1: investimento fisso privato in apparecchiature per l’elaborazione delle informazioni e software (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati della Federal Reserve)

Ci sono già segnali che il calo della spesa tecnologica potrebbe stabilizzarsi, anche se è davvero troppo presto per trarre conclusioni. Se i tassi di inflazione continuano a diminuire e i timori di recessione svaniscono, è probabile che la spesa IT si stabilizzi. Se l’inflazione ricomincia a salire o una recessione diventa un evento ampiamente atteso, è probabile che la spesa IT si indebolisca ulteriormente.

Figura 2: Spesa per la tecnologia del futuro; Percentuale di aumenti previsti per New York (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati della Federal Reserve)

Advertisement

Sebbene sia difficile dirlo con certezza, i mercati sembrano riconoscere che l’inflazione è stata transitoria, ma deve ancora iniziare a scontare una significativa debolezza economica. È probabile che cercare di anticipare una recessione sia una commissione da pazzi e qualsiasi reale debolezza economica non si manifesterà probabilmente fino alla fine del 2023/inizio del 2024. Sarebbe quindi ragionevole aspettarsi che i prezzi delle azioni tecnologiche si stabilizzino o addirittura si riprendano un po’ nel prossimo futuro. termine.

Figura 3: Indice azionario cloud relativo all’indice azionario voluttuario dei consumatori (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati della Federal Reserve e Yahoo Finance)

Il confronto tra la performance dei titoli tecnologici durante la pandemia e quella dell’indice NASDAQ durante la bolla tecnologica indica alcune somiglianze. In generale credo che questo approccio sia pigro e utilizzato principalmente per supportare convinzioni preesistenti, ma in questo caso potrebbe indicare che la bolla pandemica è già scoppiata e che il percorso da seguire dipenderà dal fatto che ci sia o meno una recessione.

Figura 4: Cloud Stock Index e NASDAQ Index durante la bolla tecnologica (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati di Yahoo Finance)

Advertisement

Dal punto di vista della valutazione, l’indice NASDAQ appare già a un prezzo ragionevole rispetto ad altre attività basate sull’attuale contesto dei tassi di interesse. Tuttavia, tassi di interesse più elevati, utili più deboli o un maggiore pessimismo per quanto riguarda i titoli di crescita potrebbero portare a un ulteriore ribasso. Va anche notato che le valutazioni durante la bolla tecnologica erano molto più estreme che durante la pandemia, in gran parte a causa della differenza dei tassi di interesse.

Figura 5: valore relativo del NASDAQ (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati della Federal Reserve)

Cisco (CSCO) è il manifesto dell’eccessivo ottimismo durante la bolla tecnologica, ed è spesso usato per evidenziare la follia di pagare multipli alti per azioni di crescita. Cisco è un caso unico, tuttavia, a causa della combinazione di dimensioni e valutazione elevata dell’azienda. È più probabile che una negoziazione di azioni su multipli più alti sia sopravvalutata, poiché le aspettative sulla futura performance aziendale sono più elevate, ma ciò dipende davvero dalle circostanze. L’acquisto di Cisco su un multiplo EV/S di 30 all’inizio degli anni ’90 avrebbe fornito un buon rendimento, anche se un investitore avesse mantenuto i minimi del 2002. Il problema era pagare quel tipo di multiplo alla fine degli anni ’90, quando Cisco era già una grande azienda che aveva saturato il suo mercato principale e stava inseguendo la crescita in mercati di qualità inferiore. Ciò si stava verificando anche in un contesto di spesa IT insostenibile a causa della costruzione dell’infrastruttura Internet. Affinché gli investitori di Cisco abbiano ottenuto rendimenti ragionevoli dal picco della bolla tecnologica, la società avrebbe probabilmente bisogno di entrate correnti superiori a un trilione di dollari. Le aspettative implicite nel prezzo delle azioni erano impossibili e, di conseguenza, le azioni non si sono mai riprese.

Figura 6: Multiplo Cisco EV/S (fonte: Seeking Alpha)

Advertisement

Fiocco di neve (NEVE) durante la pandemia potrebbe essere considerata un confronto pertinente. Sebbene la valutazione di Snowflake sembri più estrema di quella di Cisco durante la bolla tecnologica, è molto più probabile che la performance aziendale implicita nel prezzo delle azioni di Snowflake venga raggiunta. Non che io stia suggerendo che Snowflake avesse un prezzo ragionevole all’epoca. Affinché gli investitori di Snowflake possano ottenere buoni risultati dal picco della pandemia, la società avrà probabilmente bisogno di entrate superiori a 100 miliardi di dollari all’anno, una grande richiesta per qualsiasi azienda. Il punto è che qualsiasi confronto con Cisco dovrebbe riconoscere che l’azienda era già matura durante il boom tecnologico e la crescita sarebbe inevitabilmente diminuita in modo significativo. Aziende come Snowflake stanno appena iniziando a penetrare nei loro mercati principali e devono ancora esplorare davvero le opportunità nei mercati adiacenti.

Figura 7: Multiplo Snowflake EV/S (fonte: Seeking Alpha)

Figura 8: entrate di Cisco e Snowflake (fonte: creato dall’autore utilizzando i dati dei report aziendali)

I confronti tra la bolla tecnologica degli anni 2000 e la bolla azionaria della crescita pandemica hanno i loro limiti. I prezzi delle azioni durante la pandemia sono stati guidati tanto da una politica monetaria estremamente accomodante quanto da aspettative di crescita irrealistiche. I prezzi si sono corretti al punto che molti titoli di crescita stanno ora iniziando a sembrare interessanti dal punto di vista delle valutazioni, ma è probabile che la performance a breve termine sia dettata dal fatto che ci sia o meno una recessione.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Ho gestito il mio portafoglio di investimenti negli ultimi 9 anni con particolare attenzione alla ricerca fondamentale e al deep value investing su lunghi orizzonti temporali. Il mio interesse principale è trovare innovazioni in fase iniziale che creino valore a lungo termine. Ho una laurea in finanza, un MBA e ho completato gli esami CFA e CMT. richarddurant.substack.com

Divulgazione: Ho/abbiamo una posizione lunga vantaggiosa nelle azioni di SNOW attraverso la proprietà di azioni, opzioni o altri derivati. Ho scritto io stesso questo articolo ed esprime le mie opinioni. Non ricevo compenso per questo (tranne che da Seeking Alpha). Non ho rapporti d’affari con nessuna società le cui azioni sono menzionate in questo articolo.

Raccomandato per te

Advertisement
Advertisement

Trending