mercoledì 12 maggio 2021

7 azioni farmaceutiche da acquistare per la valutazione più solidi dividendi

Le azioni farmaceutiche sono state sul radar degli investitori più del solito nell’ultimo anno, mentre il settore sanitario è alle prese con il non proprio nuovo coronavirus. Mentre il mondo cerca di riaprire, i mal di testa causati da Covid – 19 sono ancora presenti.

Mentre i ristoranti riaprono e parti del mondo si riprendono, l’assistenza sanitaria è ancora perturbato afflitto da carenze di materie prime e intoppi della catena di approvvigionamento.

Alcuni stock farmaceutici si sono trovati sotto i riflettori, giocando un ruolo attivo nella lotta contro Covid – 19. Altri sono stati messi da parte, poiché i pazienti rinunciano a procedure elettive e altri ritardi creano incertezza.

Tuttavia, ci sono opportunità all’interno dello spazio farmaceutico. Molte di queste attività sono piuttosto redditizie e le loro azioni vengono scambiate a valutazioni ragionevoli. Inoltre, molte di queste società pagano buoni rendimenti da dividendi.

Quindi, senza ulteriori indugi, diamo un’occhiata a sette titoli farmaceutici con rendimenti da dividendi interessanti.

  • Pfizer (NYSE: PFE )
  • Bristol-Myers Squibb (NYSE: BMY )
  • Johnson & Johnson (NYSE: JNJ )
  • Sanofi (NASDAQ: SFY )
  • AbbVie (NYSE: ABBV )
  • Amgen (NASDAQ: AMGN )
  • CVS Health (NYSE: CVS )

Interessanti titoli farmaceutici : Pfizer (PFE)

Diamo il via alla lista con uno sguardo a Pfizer. L’azienda è diventata uno dei migliori giocatori – insieme a Moderna (NASDAQ: MRNA ) – nella lotta contro Covid – 19.

In un primo momento, Wall Street guardò Pfizer con scetticismo. Gli investitori hanno venduto il rally del quarto trimestre poco dopo aver annunciato i suoi tassi di efficacia con il vaccino. Mentre altri sono entrati nel Covid – 19, la Pfizer è stata un pilastro con il suo vaccino.

J&J ha avuto problemi di coagulazione, mentre AstraZeneca (NASDAQ: AZN ) ha avuto problemi anche in Europa. La Cina ha anche ammesso di avere difficoltà con i tassi di efficacia dei suoi vaccini. Getta il fatto che ci sono continue mutazioni del virus e che potrebbero portare a colpi di richiamo in futuro.

Sebbene questi non siano grandi sviluppi per la società, mi porta a credere che Pfizer dovrebbe hanno un potenziale di crescita pluriennale con il suo Covid – 19 vaccino. Ecco dove Wall Street è stata a breve.

Invece, Wall Street sembra credere che ci sarà uno stuolo di concorrenza globale e che Pfizer vedrà l’equivalente di un aumento una tantum delle sue entrate di conseguenza. In una certa misura, penso che sia ancora il consenso.

Mentre le aspettative di consenso richiedono 50% di crescita dei ricavi quest’anno, le stime richiedono anche un 13% in calo il prossimo anno. Ad ogni modo, si tratta comunque di risultati di crescita di due anni impressionanti, mentre le azioni Pfizer pagano un rendimento da dividendi del 4%.

Bristol-Myers (BMY)

Non sono sicuro se Covid – 19 avrebbe fatto la differenza per Bristol-Myers Squibb. Il titolo ha avuto problemi a guadagnare trazione per un po ‘e la pandemia non sembra aver alterato molto il suo corso. Bristol-Myers sta ancora digerendo la sua massiccia ma strategica acquisizione di Celgene.

Da parte sua, Celgene non era gestita così bene al momento dell’acquisizione. Tuttavia, ha avuto una crescita impressionante, asset solidi, un flusso di cassa incredibile e scambiato a una valutazione bassa.

Per Bristol-Myers, vanta ancora molte di quelle qualità interessanti. Gli analisti prevedono una crescita dei ricavi del 9% quest’anno e 16% di crescita degli utili. Quest’ultimo suggerisce che i margini si stanno espandendo o che la società sta realizzando sinergie dalla sua acquisizione (o entrambe).

Tuttavia, questa non è la parte migliore quando si parla di Bristol-Myers. Invece, è il fatto che le azioni scambiano solo 8,8 volte gli utili di quest’anno. Indipendentemente da ciò che accade da qui, sappiamo che non stiamo pagando più del dovuto per le azioni BMY.

È tutto mentre gli investitori raccolgono un rendimento da dividendo del 3%.

Johnson & Johnson (JNJ)

Johnson & Johnson è una società interessante al momento. A causa del suo Covid monodose – 19, J&J era considerato un’opzione interessante nella lotta contro il coronavirus. Ciò è paragonabile a Pfizer e Moderna, che sono entrambi vaccini a due dosi.

Tuttavia, dei quasi 7 milioni di dosi di J&J somministrate, sono stati segnalati sei casi di un raro problema di coagulazione. Ha provocato un decesso e un ricovero in ospedale. Non per minimizzare la morte, ma queste sono statistiche incredibilmente basse dopo che sono state somministrate milioni di dosi.

Dovrebbe essere ancora un valido candidato vaccino, sia qui negli Stati Uniti che nel mondo. Quando quella notizia è arrivata, le azioni sono scese del 3,5% a un certo punto quel giorno, ma hanno chiuso al ribasso solo dell’1,3%. Da allora è cresciuto anche in sette delle otto sessioni.

Ovviamente, aiuta il fatto che la società abbia recentemente battuto i profitti massimi e profitti e innalzato le sue previsioni per l’intero anno. La società ha anche aumentato il dividendo di circa il 5% e ora produce il 2,6%. Ora ha anche aumentato il suo dividendo per 59 anni consecutivi.

Con entrate a doppia cifra e previsioni di crescita degli utili quest’anno, cerca di vincere J&J in 2021.

Sanofi (SFY)

Per alcuni aspetti, Sanofi mi ricorda Bristol-Myers Squibb, un coltivatore solido con un dividendo interessante e una valutazione ragionevole.

Con sede in Francia, l’azienda ha i suoi prodotti in 170 paesi diversi. In altre parole, è praticamente in ogni angolo del mondo. Sanofi svolge un ruolo enorme nei vaccini e nelle cure specialistiche. Quest’ultimo comprende malattie rare e malattie del sangue rare, oncologia, neurologia e immunologia.

Date le dimensioni della sua attività, Sanofi è in una posizione privilegiata per flusso di cassa e crescita. Gli analisti prevedono una crescita dei ricavi del 9,6% quest’anno e 12. Crescita degli utili del 3%. Tuttavia, le stime richiedono un’accelerazione fino a 16. 3% di crescita degli utili in 2022.

Allo stato attuale, le azioni Sanofi sono attualmente scambiate a circa 13 5 volte le stime sugli utili di quest’anno. Sebbene sia più costoso di Bristol-Myers, è ancora considerato una valutazione bassa rispetto al mercato generale.

Sanofi paga anche un forte rendimento da dividendi, erogando il 3,7%.

AbbVie (ABBV)

AbbVie è stato scambiato molto meglio ultimamente, man mano che le azioni consolidano il 43% di rally goduto da fine ottobre a metà gennaio. Ora cercando di risolversi al rialzo, non è troppo tardi per gli investitori per ottenere un gustoso dividendo.

Le azioni attualmente pagano un rendimento da dividendo del 4,7%, un importo interessante per un investitore orientato al reddito. Tuttavia, sono le opportunità di crescita futura dell’azienda che mi piacciono.

AbbVie ha annunciato l’acquisizione di Allergan per $ 63 miliardi quasi due anni fa e ha chiuso l’affare circa un anno fa. Ovviamente, una pandemia globale imprevista non ha aiutato la situazione, il che è parte del motivo per cui il titolo è stato punito così tanto.

Ad esempio, un prodotto di punta di Allergan è il Botox. Tuttavia, le procedure Botox sono cadute da un dirupo quando Covid – 19, colpendo l’azienda. Questo è un successo a breve termine e gli investitori lo sanno. La preoccupazione maggiore è stata il debito. Ma ora che stiamo vedendo come opererà la società, c’è meno preoccupazione.

AbbVie ha detto che prevede sinergie annuali al lordo delle imposte di $ 2 miliardi entro il terzo anno dell’accordo. Inoltre, in base a 2018 risultati, le due entità combinate per più di $ 18 miliardi di flussi di cassa operativi. La direzione prevede di ottenere una spinta al credito, combinando ciò con i suoi impressionanti flussi di cassa per pagare il debito e mantenere il dividendo.

Amgen (AMGN)

Amgen ha avuto un mese impegnativo. A marzo 30, la società ha acquisito Rodeo Therapeutics per più di $ 700 milioni nel tentativo di rafforzare il suo portafoglio di infiammazioni. In aprile 16, la società ha completato l’acquisizione da $ 1,9 miliardi di Five Prime Therapeutics .

Pochi giorni dopo, la FDA ha concesso al bemarituzumab di Amgen la designazione di Breakthrough Therapy per alcuni tipi di adenocarcinomi gastrici e gastroesofagei, un tipo di cancro che inizia nelle ghiandole. Il trattamento è venuto dall’acquisizione da parte della società di Five Prime.

Poi ad aprile 23, la società Amgen ha annunciato risultati positivi dalla sua sperimentazione di fase 3 per Otezla per la psoriasi a placche. Chiunque abbia guardato i notiziari via cavo per più di cinque minuti ha probabilmente visto un posto per il farmaco.

Quindi è stato un periodo impegnativo per l’azienda. Ora gli investitori sperano che si traduca in una certa crescita. Gli analisti prevedono una crescita dei ricavi e degli utili a una cifra bassa quest’anno, prima di una crescita degli utili dell’8% in 2022. Forse le stime di quest’anno miglioreranno con alcune delle notizie recenti, però.

Nel frattempo, gli investitori possono puntare su un 2. 75% dividend yield.

CVS Health (CVS)

CVS Health isn è una tipica azienda farmaceutica, ma si può considerare tra i titoli farmaceutici dato il suo ruolo di farmacia.

Anche il titolo è stato scambiato molto meglio ultimamente. Le azioni CVS hanno recentemente raggiunto il livello più alto da 2018, poiché i tori vedono chiaramente il valore. Il $ 100 miliardi di società danno il via a un rendimento da dividendo del 2,7% e hanno chiaramente lo slancio a suo favore.

Gli investitori stanno acquistando nei piani di inversione di tendenza del management e non sembrano preoccupati per Amazon (NASDAQ: AMZN ) entrando nello spazio della farmacia. Gli analisti prevedono una crescita dei ricavi a una cifra media quest’anno e il prossimo anno e una crescita degli utili di quasi l’8% l’anno prossimo.

Dopo l’acquisizione di Aetna alcuni anni fa, anche gli investitori sembrano contenti del lungo stock di crescita a termine .

(Articolo proveniente da Fonte Americana)