sabato 31 ottobre 2020

Bernie Sanders non è un radicale – è un pragmatico che combatte per sbloccare il sistema

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Mentre Bernie Sanders continua ad aumentare la sua posizione nelle primarie democratiche e i suoi avversari in entrambe le parti provano dolore, c’è uno sforzo per dipingerlo come un estremista di qualche tipo. Qualcuno che potrebbe persino perdere a Trump a causa di questo presunto “radicalismo”. Ma non è così facile fare il caso sulla base dei fatti.

Ha un 40 – anni di esperienza come politico. Le cose che sta dicendo ora sono principalmente ciò che ha gridato dalle cime delle montagne praticamente per tutto il tempo. La differenza principale è che ora altri politici democratici si sono uniti a lui: con un salario minimo di $ 15, studente -debt relief, insegnamento gratuito presso le università pubbliche, espansione della previdenza sociale, riduzione della disuguaglianza di reddito e alcuni anche su Medicare for All.

Leggi le ultime notizie e i commenti su Elezione 2020.

Le sue azioni parlano ancora più coerentemente delle sue parole: capisce che la politica è sul compromesso. Combatte duramente per ciò che ha promesso agli elettori, ma poi prende il miglior affare che può vincere se farà avanzare la palla giù dal campo e si prepara a combattere di nuovo il giorno successivo.

Ecco perché ha supportato Obamacare quando è stato il miglior affare sul tavolo – ha esteso la copertura assicurativa a 20 milioni di americani, senza le esclusioni potenzialmente letali per “condizioni preesistenti”. Questo nonostante il fatto che Obamacare fosse ancora abbastanza distante da Medicare for All – “l’assistenza sanitaria come diritto umano” – che era stata la sua passione e il problema della firma per decenni.

Ma è un ” socialista “, piangono i suoi oppositori, tralasciando la prima parte del termine” socialista democratico “che Sanders usa sempre quando si discute di questo problema. C’è molto spazio per indurre confusione qui perché il termine “socialista”, in inglese, ha una serie di definizioni diverse che sono diventate tutte un uso comune nel corso degli anni.

Può essere usato per significare qualsiasi cosa da “comunista”, come nell’ex Unione Sovietica, ai partiti socialdemocratici o socialisti europei che hanno governato per gran parte del passato 70 anni in paesi come Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, per non parlare dei paesi scandinavi.

dovrebbe essere chiaro a chiunque non stia cercando di spaventare gli elettori che Sanders sia un socialdemocratico di quest’ultimo, varietà europea. Non ci saranno acquisizioni da parte del governo degli Stati Uniti dei mezzi di produzione sotto un’amministrazione Sanders.

La più grande espansione nel governo sarà nel finanziamento pubblico dell’assicurazione sanitaria. Come il tradizionale Medicare, dove meno del 2% delle spese sono spese amministrative , l’assicurazione sanitaria pubblica sarà molto più efficiente rispetto alle attuali sei volte più spese del privato settore assicurativo. E non avremo 8 milioni di persone che cadono in povertà ogni anno a causa delle spese mediche, o peggio, decine di migliaia in realtà muoiono a causa della mancanza di accesso a assistenza sanitaria a prezzi accessibili.

Il programma di Sanders è mirato a correggere una trasformazione molto dannosa dell’economia americana che ha avuto luogo nel passato 40 anni.

A differenza dei primi tre decenni dopo la seconda guerra mondiale, quando i guadagni del reddito erano ampiamente condivisi con la crescita dell’economia, la maggior parte dell’aumento del reddito è andato a coloro che avevano già molto più della loro quota. Dato che 1993, ad esempio, l’1% superiore delle famiglie ha catturato un sorprendente 48% della crescita del reddito di questo paese.

Non c’è da stupirsi che così tanti americani si sentano come che il sistema sia truccato contro di loro.

Quella trasformazione di destra è stata in gran parte lanciata dal team Reagan, ma è stata accettata e persino approfondita anche da alcuni leader politici liberali. Forse questa normalizzazione dei cambiamenti radicali degli ultimi decenni è il motivo per cui alcuni commentatori percepiscono il programma di Bernie – progettato per invertire questo danno – come “radicale”.

Qui è importante notare che la lotta per questa trasformazione di destra non è mai stata tanto incentrata sul “mercato” contro “lo stato”. Quasi ogni economia nel mondo è una miscela di entrambi.

Ma la “rivoluzione” di Reagan e le controriforme che ne seguirono (ad es. OMC, NAFTA, deregolamentazione finanziaria, normali relazioni commerciali permanenti con la Cina, legislazione e pratiche contro il lavoro) non erano così molto sulla modifica del peso relativo del mercato e del governo.

Piuttosto ciò che è cambiato di più è che entrambi mercati e governo sono stati ampiamente sfruttati per ridistribuire il reddito e la ricchezza verso l’alto. Il risultato è un’America unica tra i paesi ad alto reddito nella percentuale di persone che sono impiegate a tempo pieno e che fanno ancora fatica a cavarsela, per non parlare del più di 10 milioni di bambini in povertà e più di mezzo milione di senzatetto.

Sanders, nel suo programma di riforma, cerca di usare sia i mercati sia il governo per invertire questa massiccia ridistribuzione verso l’alto di reddito e ricchezza.

Naturalmente, il governo deve assumere la guida con investimenti pubblici in cui non sarebbero previsti investimenti privati ​​- come nella trasformazione di alcune infrastrutture energetiche per ridurre le emissioni di carbonio.

Ma altre parti importanti del programma di Sanders spostano l’economia dal governo verso soluzioni più basate sul mercato: ad esempio, riducendo il ruolo dei monopoli sui brevetti concessi dal governo e regolamentati nel promuovere il prezzo di prodotti farmaceutici, forniture mediche e costi sanitari. O rompere altri monopoli a favore di una maggiore concorrenza sul mercato, nei settori della tecnologia e della finanza.

Sanders favorisce anche un ruolo meno interventista per la Federal Reserve nel mercato del lavoro, poiché la Fed ha innescato quasi tutte le recessioni statunitensi dalla fine della seconda guerra mondiale (tranne le ultime due) aumentando i tassi di interesse quando ciò non era necessario.

E ha aperto la strada alla riduzione di uno degli abusi più potenti e distruttivi che il nostro governo ha scatenato sugli americani e sul mondo: le terribili, inutili “guerre per sempre” che la maggior parte degli americani ora respinge . Alcuni dei suoi migliori alleati in questa lotta sono stati repubblicani conservatori che sono scettici su questo aspetto del “grande governo” – come è stato vero nella lotta storica per fermare la partecipazione militare degli Stati Uniti alla guerra genocida dell’Arabia Saudita nello Yemen.

In breve, Sanders è molto più pragmatico e meno ideologico di quanto i suoi avversari vorrebbero ammettere. Ma possiamo aspettarci di sentire di più – da vari settori – di questo etichettandolo come un “radicale”, se continua a guadagnare sui suoi concorrenti nelle primarie democratiche.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com