Entra in contatto con noi

Attualità

Biodiversità: i colori del nostro pianeta che sfumeranno se non si farà qualcosa di concreto

Pubblicato

il

Senza fermare la crisi climatica, sarà impossibile invertire la continua perdita di biodiversità. Questo il messaggio è stato detto a Sharm el-Sheikh, dove si sta svolgendo la COP27 sul clima.

Una delle prime tematiche affrontate è proprio la tutela della diversità biologica

Non invano: tra poche settimane, il 7 dicembre, inizieranno i lavori per la COP15, il vertice internazionale sulla biodiversità, che si terrà a Montreal e mira a firmare l’”Accordo di Parigi” sulla natura.

Un messaggio che aumenta la pressione sui negoziatori ancora lontani dal raggiungimento di un accordo  e che sembra neanche lontanamente avvicinarsi all’accordo universale tanto sognato, come si evince dalla prima bozza della decisione in prima pagina pubblicata questa mattina. Ed è stato lanciato non solo da attivisti e organizzazioni non governative, ma anche dagli artefici dell’Accordo di Parigi.

Non c’è modo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C senza proteggere e ripristinare la natura

Solo adottando misure urgenti per fermare e invertire la perdita di natura di questo decennio, continuando a intensificare gli sforzi per decarbonizzare rapidamente le nostre economie, possiamo sperare di mantenere la promessa dell’accordo di Parigi. Per essere chiari: raggiungere emissioni zero entro il 2050 è possibile solo se agiamo ora per raggiungere un atteggiamento pubblico positivo nei confronti della natura”, scrivono nell’appello. Firmato in particolare da Laurent Fabius, Presidente della COP21 a Parigi, dall’ex segretario esecutivo dell’UNFCCC Christiane Figueres e da Laurence Toubiana, Ambasciatore francese per i cambiamenti climatici e Rappresentante speciale per la COP21.

Advertisement

Perché la COP27 abbia un impatto positivo sul vertice di Montreal e contribuisca alla lotta contro la perdita di biodiversità, sottolinea la lettera, il vertice in Egitto “deve andare oltre riconoscendo il ruolo fondamentale della natura come parte della soluzione climatica e catalizzatore di soluzioni concrete “azione per proteggere e ripristinare la natura a beneficio di tutti”. Ciò dovrebbe aggiungere un tassello concreto al riconoscimento del ruolo della natura nella crisi climatica, espresso per la prima volta a Madrid nel 2019 e ribadito lo scorso anno a Glasgow.

Advertisement