Entra in contatto con noi

Attualità

Carburanti sintetici: una buona mossa per la salute del globo?

Pubblicato

il

Quando entrerà in vigore il divieto europeo sulle auto a benzina o diesel, la produzione di combustibili sintetici muoverà ancora i suoi primi timidi passi. Tanto che potrà coprire solo il 2% delle auto del vecchio continente, 5 milioni di auto su un totale di quasi 300 milioni. Quindi chiunque stia spingendo affinché l’UE adotti l’e-fuel (o carburante elettrico) come carburante sostenibile non fa altro che mantenere artificialmente in funzione i motori a combustione interna.

La transizione verso una mobilità veramente sostenibile sta rallentando

Ciò è stato confermato dall’organizzazione non governativa Transport & Environment in un rapporto che esamina l’andamento realistico della produzione di combustibili sintetici in Europa nei prossimi 13 anni. “Il carburante elettrico è presentato come un modo a emissioni zero per prolungare la vita della tecnologia dei motori a combustione. Ma i dati del settore mostrano che dureranno solo per una piccola frazione di auto in circolazione. I legislatori dovrebbero chiudere la porta a questo cavallo di Troia per l’industria dei combustibili fossili”, spiega Yoann Gimbert di T&E.

Direttiva Energie Rinnovabili 2030: il Consiglio dell’Ue si ferma al 40%

Il rapporto della Ong, infatti, si basa proprio sui dati provenienti dalla stessa industria che sta cercando di utilizzare gli e-fuel come alternativa alla decarbonizzazione del trasporto su strada con veicoli alimentati a batteria. Ora, se si legge con attenzione questi dati, si scopre che le previsioni del settore si basano sui combustibili sintetici prodotti in Ue, ma la previsione “include la CO2 catturata dalle emissioni industriali, e non è chiaro quanta parte dell’elettricità si certificherà .” come il 100%”. % rinnovabile”.

Quindi il numero di auto che potrebbero effettivamente funzionare con carburanti sintetici sarebbe anche inferiore a quel 2% se si utilizzassero solo carburanti elettrici veramente a zero emissioni di carbonio, ovvero quelli prodotti interamente con elettricità rinnovabile aggiuntiva e CO2 catturata dal nulla. , conclude.

Advertisement

Elettricità pulita che dovrebbe essere usata meglio altrove

Ma è possibile integrare la produzione di e-fuel nell’UE con le importazioni da altri paesi? “È ingenuo pensare che i paesi in via di sviluppo, alcuni dei quali non dispongono di elettricità per i loro bisogni primari, risparmieranno la loro energia rinnovabile per il carburante elettrico nelle auto europee solo per soddisfare gli interessi acquisiti dei produttori di motori”, afferma Gimbert. “I combustibili sintetici di fabbricazione europea dovrebbero essere una priorità per aerei e navi, la maggior parte dei quali non possono utilizzare batterie per la decarbonizzazione”.

Advertisement