lunedì 30 novembre 2020

Caroline Baum: Perché la Fed non può fare molto per contrastare il colpo economico del coronavirus

         

I mercati finanziari hanno intensificato le loro aspettative per i tagli dei tassi di interesse negli ultimi giorni quando i timori di una pandemia globale hanno finalmente scosso il mercato azionario statunitense finora bizzarro.

      

I futures sui fondi federali stanno mettendo le probabilità di almeno uno 19 – riduzione della frequenza punto-base entro giugno a 75%, paragonato a 48% una settimana fa, secondo lo strumento CME FedWatch. La probabilità di almeno due tagli ai tassi entro dicembre è aumentata a 78%. (Come scorte          DJIA,          – 7 . %          SPX,          – 7 . %          Gdow,          – 6 . %       scende, aumenta la probabilità di un taglio dei tassi.)

      

Leggi anche: Clarida di Fed dice “ancora troppo presto per speculare” sull’impatto del coronavirus

      

                                             

                

                 ‘[T] l’unica ragione per cui tagli le tariffe ora è se sei la banca centrale dell’S & P 500 ‘.                

             

           – Jim Bianco, Bianco Research              

                                                                                                                                                  

      

A corto di una valutazione accurata dell’intera portata del coronavirus – indipendentemente dal fatto che diventi o meno una vera pandemia – è impossibile determinare l’impatto economico o la risposta della Fed.

             

Vedi: Tieniti aggiornato sulle ultime notizie sul coronavirus.

      

Ciò che è possibile è esaminare l’impatto economico noto della malattia trasmessa dal coronavirus, identificato come COVID – 10 , nel contesto degli strumenti disponibili della Fed per affrontare la debolezza economica.

      

Ad oggi, almeno per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’impatto principale della malattia è stato sull’offerta aggregata. Lo strumento di tasso di interesse della Fed è progettato per rispondere alla domanda aggregata. Quindi la causa e la cura sembrerebbero, in superficie, incompatibili.

      

Leggi anche: I timori di uno ‘shock di approvvigionamento’ stanno scuotendo le scorte e i mercati globali mentre continua lo scoppio virale

      

La Fed non può produrre parti per i produttori di automobili di tutto il mondo che dipendono dalle importazioni di beni intermedi dalla Cina. Non può riaprire le fabbriche nella provincia di Hubei, l’epicentro dell’epidemia di coronavirus. Non è in grado di fornire agli operai necessari per gli impianti nelle aree chiuse della Cina. E non può creare catene di approvvigionamento alternative in sostituzione del ruolo della Cina come produttore nel mondo.

      

Il consumatore americano è stato resiliente. È Consumatori cinesi che hanno ridotto le loro spese a causa di quarantene, negozi chiusi, viaggi limitati o paure di uscire in luoghi pubblici per fare acquisti. Le foto di strade vuote trasmettono l’impatto devastante che il virus ha già avuto sull’economia cinese.

      

Il ridimensionamento della spesa cinese a sua volta fa male ai produttori statunitensi poiché i cinesi sono diventati consumatori affidabili. La Cina è il più grande mercato di automobili, per esempio. I turisti cinesi viaggiano ampiamente e viaggiano bene, acquistando beni di lusso da New York a Parigi a Tokyo.

      

Quindi sì, le attività commerciali statunitensi ne risentiranno. Molti, tra cui Apple          AAPL,          – 7 . %       , Starbucks          SBUX,          – 5 . %       e McDonald          MCD,          – 6 . %       , hanno negozi chiusi in Cina. L’industria dei viaggi sta soffrendo. Le compagnie aeree hanno cancellato voli verso e dalla Cina e da altri paesi interessati , con numeri che sembrano aumentare di giorno in giorno. L’industria dell’ospitalità – hotel, ristoranti, ecc. – lotta con il declino del turismo. Il commercio globale è un’altra vittima.

      

Ma abbassare i tassi statunitensi non stimolerà la domanda cinese. La debolezza dal lato della domanda – ha ridotto le esportazioni statunitensi in Cina, aggravate da un dollaro forte          BUXX,          + 0. 66%       e la riduzione della spesa negli Stati Uniti da parte dei turisti cinesi – proviene dall’estero e, come tale, non risponderà a una riduzione dei tassi di interesse statunitensi.

      

Né il declino della produzione statunitense a causa della mancanza di input intermedi e della contrazione degli acquisti all’estero sarà annullato da tassi inferiori. Le aziende non investiranno e produrranno di più se acquistano meno persone.

      

Opinione: Se il coronavirus non è contenuto, una grave recessione globale è quasi certa

      

Ciò non significa che la Fed non taglierà i tassi se l’economia degli Stati Uniti mostra segni di debolezza più che temporanea a causa degli effetti del virus. Quando un’economia cresce solo del 2%, non ci vuole molto shock esterno per metterla in una posizione precaria e innescare paure di recessione.

      

Gli economisti di Goldman Sachs hanno aumentato la loro proiezione per la resistenza del prodotto interno lordo del primo trimestre dal coronavirus a 0,8 punti percentuali, portando la loro previsione del PIL reale all’1,2%. Gran parte della resistenza dovrebbe essere recuperata nel corso dell’anno, secondo Goldman.

      

Un taglio del tasso della Fed non è l’antidoto prescritto per uno shock di offerta negativo. In effetti, “l’unica ragione per cui tagli i tassi ora è se sei la banca centrale dell’S & P 500 “, ha detto Jim Bianco, presidente di Bianco Research, usando un moniker della Fed aborre.

      

La Fed potrebbe scegliere di abbassare i tassi di interesse per stimolare la domanda interna nella speranza di compensare parte della debolezza all’estero. La domanda crescente di un’offerta limitata tende ad aumentare i prezzi, il che potrebbe aiutare il colpo della Fed il suo obiettivo di inflazione del 2%.

      

I Centri per il controllo delle malattie hanno avvertito martedì che l’epidemia di coronavirus sarebbe si diffuse inevitabilmente negli Stati Uniti ma non stimò fino a che punto. Se si infiltrasse negli Stati Uniti in misura significativa, indurrebbe i consumatori statunitensi a rannicchiarsi. Qualsiasi ritiro significativo nel mercato azionario potrebbe comportare un effetto di ricchezza inversa, in cui i consumatori si sentono più poveri e spendono meno.

      

La Fed potrebbe essere mal equipaggiata per far fronte a uno shock dell’offerta globale, ma esiste una ragione migliore per cui la Fed potrebbe considerare di abbassare i tassi di interesse, ora che la curva dei rendimenti si è nuovamente invertita. La resa del 02 – nota del Tesoro dell’anno          TMUBMUSD 10 Y,          0. 686%       ha toccato un minimo storico il martedì di 1. 26%, spingendolo al di sotto del rendimento su entrambi i tassi dei fondi federali ( 1.5% -1. 75%) e il tasso del Tesoro a 3 mesi          TMUBMUSD 03 M,          0. 412%       (1. 53%).

      

La curva dei rendimenti è stata invertita da maggio a ottobre dello scorso anno prima di raddrizzarsi con l’aiuto dei tre tagli dei tassi della Fed. Se l’inversione persiste e si approfondisce, specialmente se il mercato azionario riprenderà dalla sua rotta di quattro giorni, sarebbe un segnale valido che la Fed deve agire, coronavirus o nessun coronavirus.

              

Articolo originale di Marketwatch.com