mercoledì 14 aprile 2021

Colpi di venditori allo scoperto: perché gli investitori istituzionali sostengono gli hedge fund degli attivisti solo per un rapido profitto?

Di Yvan Allaire

Quando dopo un’attenta analisi un singolo investitore o fondo giunge alla conclusione che una società è sopravvalutata, potrebbe benissimo vendere allo scoperto le azioni di quella società. Giusto. Se l’analisi si dimostrerà corretta, i fatti sul campo alla fine lo confermeranno e il prezzo delle azioni scenderà.

Ma questo non è il piano di gioco dei venditori “professionali”. Questi fondi producono un rapporto totalmente negativo su una società target, che trasmettono ampiamente ai media, agli analisti e agli investitori nella speranza di produrre una serie di azionisti che escono dalle azioni della società. Il risultato di solito è un forte calo dei prezzi come una sorta di profezia che si autoavvera. Il venditore allo scoperto riacquista quindi lo stock a questo prezzo molto più basso e salpa verso il tramonto con un carico di denaro in contanti.

Diversi paesi (Giappone, Francia, Germania, Italia) stanno prendendo in considerazione come ridurre la capacità dei fondi di attivisti di infliggere danni alla loro struttura industriale. L’enorme fondo pensione del governo giapponese ha sospeso tutti i prestiti di azioni a venditori allo scoperto. (I venditori allo scoperto si affidano a numerosi investitori disposti a prestare loro azioni – a un prezzo stabilito dall’offerta e dalla domanda per un determinato titolo – che il venditore allo scoperto venderà – e alla fine li riacquisteranno e li restituiranno al creditore. ) Se tutti i fondi istituzionali canadesi avessero fatto lo stesso, ciò avrebbe spinto in alto il prezzo delle azioni in prestito da venditori allo scoperto e avrebbe reso più difficile svolgere tali operazioni con profitto.

La Francia propone ridurre la soglia per la segnalazione di partecipazioni in azioni di una società dal 5% al ​​3%. Su questo, il Canada è ritardatario e anomalo, con una soglia del 10 per cento. Gli Stati Uniti sono al cinque percento e il Regno Unito, tre. Nel Regno Unito, i venditori allo scoperto devono rendere pubblica la loro posizione quando raggiunge lo 0,5 per cento delle azioni in circolazione e devono includere tutti i derivati ​​nel calcolo di tale rapporto.

Negli Stati Uniti, la SEC ha ridotto le vendite allo scoperto “nude” – vendendo azioni ma ritardandone la consegna il più a lungo possibile nella speranza di riacquistarle a un prezzo molto più basso senza incorrere in costi di prestito da altri possessori. La SEC ha istituito un “requisito di chiusura di Hard T + 3”, imponendo un limite di tre giorni alla consegna delle scorte dopo una vendita. Nessuna limitazione è stata introdotta in Canada. Né abbiamo una regola del tipo introdotto dalla SEC 2010 che blocca temporaneamente le vendite allo scoperto se un titolo cade più di 10 per cento in un giorno.

Il Canada è quindi un luogo favorevole per praticare il capitalismo finanziario / da casinò di un tipo che è esposto a pieno titolo a Spruce Point Capital, la copertura americana fondo e aggressore seriale di società canadesi. Il suo modus operandi è evidente nel suo recente attacco a Canadian Tire , che definisce “un rivenditore di mattoni e malta antiquato e strutturalmente non competitivo senza una chiara attenzione E nessun vantaggio competitivo “in un rapporto di 108 pagine illeggibili rese pubbliche la scorsa settimana.

Sebbene possano esserci kernel di verità in l’analisi, il rapporto lancia tutto tranne il lavello della cucina verso il lettore e nel processo fa male la bocca sia a un vicepresidente esecutivo che alla presidente di Canadian Tire.

La cosa più curiosa di tutte questo, come nella storia di Sherlock Holmes, è il cane, il cane molto grande, che non abbaia.

Nel mondo in cui viviamo, quasi tutti gli investitori istituzionali hanno formalmente adottato strategie che dare la massima priorità (dicono) all’ambiente, alla società in generale, agli orizzonti di investimento a lungo termine e alla debita considerazione degli interessi di tutti gli stakeholder di un’azienda, non solo dei suoi azionisti. Al contrario, ciò che non si trova mai in questi lavori di ascia per i venditori allo scoperto è preoccupazione per qualcosa di diverso da un rapido profitto. Quindi è molto strano che, visti gli impegni solenni che hanno assunto, gli investitori istituzionali spesso sostengano e favoriscano gli shenanigans degli hedge fund attivisti il ​​cui unico obiettivo è il profitto a breve termine.

Grandi investitori istituzionali con una posizione significativa in una società hanno, o dovrebbero avere, gli strumenti analitici per valutare le dichiarazioni pubbliche avanzate dai venditori allo scoperto nei confronti di questa società. Se ritengono che tali affermazioni siano fondate o addirittura false, dovrebbero dichiararlo pubblicamente invece di, come nel caso attuale, lasciare che la società respinga l’attacco da sola. E questi grandi fondi istituzionali non dovrebbero prestare le loro azioni ai venditori allo scoperto di Spruce Point Capital ilk.

Le autorità canadesi in titoli e i gestori di fondi istituzionali dovrebbero trovare modi e mezzi per limitare le attività più nefaste di fondi di attivisti, in particolare quelli di vendita allo scoperto. Ciò che serve è maggiore trasparenza, maggiori vincoli e maggiore autodisciplina da parte degli investitori istituzionali.

Yvan Allaire è Presidente esecutivo dell’Istituto per la governance dei privati e organizzazioni pubbliche (IGOPP). È il solo responsabile delle opinioni espresse qui.

Come riportato da Financial Post