giovedì 04 marzo 2021

Comprare le azioni Ford: ecco alcuni buoni motivi

Durante la pandemia le vendite hanno subito un drastico calo, con i consumatori che non hanno acquistato automobili e i rivenditori che sono andati in crisi. Grandi e piccoli.

Questo ha creato alcuni enormi venti contrari per il colosso automobilistico americano Ford (F), con il titolo in calo di oltre il 30% da un anno all’altro.

A dire il vero, poiché l’economia globale si è gradualmente riaperta nelle ultime settimane, il titolo Ford si è ripreso in grande stile. A un certo punto all’inizio di giugno, le azioni sono aumentate del 90% rispetto ai minimi di marzo.

Ma il titolo Ford ha rinunciato a una parte cospicua di questi guadagni, cadendo di recente di oltre il 15% poiché Wall Street è diventata sempre più preoccupata per una potenziale “seconda ondata” di Covid-19.

E adesso?

La ricetta potrebbe essere acquistare azioni Ford sulla debolezza del coronavirus. Ecco alcuni motivi:

La pandemia di Covid-19 è un vento contrario a breve termine, il peggior impatto economico di quella crisi è nello specchietto retrovisore. I mercati automobilistici in America, Asia ed Europa stanno già riprendendo con vigore.
Ford è in procinto di elettrizzare in maniera massiccia il proprio portafoglio di veicoli nei prossimi anni. Questa elettrificazione di massa alimenterà le tendenze della domanda e aiuterà Ford a stabilizzare la sua quota di mercato in calo.
Tutto considerato, il titolo Ford è drammaticamente sottovalutato di circa $ 6. Gli acquirenti contrarian ai livelli attuali saranno ricompensati profumatamente.
Ma questa seconda ondata non ucciderà la ripresa economica globale, il rimbalzo del mercato automobilistico globale o il rally delle azioni F.

La scienza che circonda Covid-19 è cambiata radicalmente da febbraio, quando non ne sapevamo molto e naturalmente (per cautela) abbiamo assunto il peggio.

Ma il peggio non è la realtà. La realtà è che, per la maggior parte della popolazione, il virus è notevolmente meno pericoloso e letale dell’influenza, con l’attuale migliore stima del CDC del tasso di mortalità totale per Covid-19 allo 0,03% per le persone di età inferiore ai 50 anni. Nel frattempo, il tasso di mortalità per le persone tra i 50-64 anni è all’incirca equivalente a quello dell’influenza allo 0,1%.

Certo, il tasso di mortalità del virus per la popolazione di oltre 65 anni è molto più alto, intorno allo 0,85%. Ma quella folla rappresenta solo il 16% della popolazione degli Stati Uniti e può essere adeguatamente protetta.

Per l’altro 84%, stai iniziando a vedere i consumatori stanchi di nascondersi nel timore di Covid-19. A meno che la scienza non cambi, questi consumatori continueranno a normalizzare il loro comportamento nei prossimi mesi. La maggior parte continuerà a indossare maschere e ad esercitare il social distanza, ma lo farà mentre va in ristoranti, shopping, viaggi e simili.

La loro maggiore spesa per tutte queste cose continuerà a alimentare un rimbalzo economico globale.

In questo contesto favorevole, le vendite di auto statunitensi, le vendite di auto in Europa e le vendite di auto in Asia – tutte rimbalzate bruscamente a maggio – continueranno a salire a giugno, luglio e fino alla fine dell’anno.

Un enorme impulso di elettrificazione

Ford ha sofferto di una consistente erosione della quota di mercato negli ultimi anni, soprattutto perché il portafoglio di veicoli diesel della società ha perso rilevanza in un mercato in cui la domanda si sta spostando rapidamente verso i veicoli elettrici.

Ma Ford sta finalmente prendendo piede. Nel corso dei prossimi anni, la società svelerà una serie di veicoli elettrici, rappresentati da una Mustang elettrica nel 2020 e da un pick-up elettrico F-150 nel 2022.

Questi nuovi veicoli elettrici allineeranno meglio il portafoglio di veicoli Ford alle tendenze della domanda del mercato. La società dovrebbe essere in grado di sfruttare l’aumento della domanda per i suoi nuovi veicoli elettrici per stabilizzare finalmente la quota di mercato.

Se la società può farlo, allora Ford è sul punto di passare dalla crescita delle vendite negativa e dalla compressione del margine di profitto alla crescita delle vendite costantemente positiva e all’espansione del margine nei prossimi anni.

Il titolo Ford è sottovalutato

Tutto considerato, il titolo è sottovalutato ai livelli attuali.

Ford ha controllato circa il 7,2% del mercato automobilistico globale nel 2019 in termini di veicoli venduti. Tale quota è in calo da diversi anni e probabilmente scenderà verso il 7% nel 2020. Ma, dal 2021 al 2025, i nuovi lanci di veicoli elettrici di Ford dovrebbero aiutare l’azienda a stabilizzare la quota di mercato intorno al 7%.

Supponendo che il mercato automobilistico globale ritorni a una crescita costante e lieve dopo il 2020, Ford potrebbe aumentare le vendite di circa il 3% all’anno dal 2021 al 2025.

Durante questo periodo, l’aumento della domanda dovrebbe comportare un aumento dei prezzi medi di vendita, una riduzione degli sconti e un aumento dei margini lordi. L’aumento della scala dovrebbe inoltre favorire una leva operativa positiva.

Netta al netto, Ford ha una pista visibile per, a partire dal 2020, sostenere una crescita dei ricavi a una sola cifra, un’espansione graduale del margine e una crescita dei profitti a una cifra medio-alta.