venerdì 26 febbraio 2021

Warner Music Group sbarca a Wall Street con la sua IPO

Warner Music Group, il gigante dell’intrattenimento musicale, ha esordito mercoledi sui mercati con una quotazione di 25 dollari per azione. Di fatto la più grande offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti quest’anno.

La società con sede a New York, che rappresenta artisti come Ed Sheeran e Cardi B, ha aumentato il numero di azioni nella sua offerta a 77 milioni, 7 milioni in più rispetto a quanto precedentemente annunciato.

Le azioni quotate sotto il simbolo WMG sono aumentate del 22% a $ 30,53 su Nasdaq mercoledì pomeriggio.

L’IPO segnala un rimbalzo nel settore della musica, che si è evoluto per abbracciare la rivoluzione dello streaming avviata da aziende come Spotify.

Warner Music Group La più grande IPO del 2020

L’IPO arriva in un momento difficile per l’industria musicale, che è stata duramente colpita dalla pandemia di COVID-19, con molti eventi dal vivo annullati o rinviati. Le compagnie musicali come il promotore di concerti Live Nation con sede a Beverly Hills hanno avuto un grande successo poiché concerti e festival sono stati gradualmente eliminati a causa della pandemia.

Anche prima dello scoppio, il mercato IPO per le società di intrattenimento era incerto. Endeavour, il proprietario dell’agenzia di talenti WME, l’anno scorso ha rinviato i piani per la sua IPO.

Le compagnie di streaming hanno superato le conseguenze molto meglio di altre nel settore dell’intrattenimento, poiché le persone cercano di divertirsi a casa.

Tuttavia, la trasmissione è stata influenzata da molte persone che non vanno più al lavoro e la crescita del settore ha mostrato segni di rallentamento.

Per tale motivo, i tempi dell’IPO erano maturi, ha affermato Mark Mulligan, amministratore delegato di MIDiA Research a Londra.

“Al momento non ci sono dubbi sul rischio, ma potenzialmente all’orizzonte c’è di più”, ha dichiarato Mulligan dell’IPO del Warner Music Group. “È diffusa la convinzione che ci sarà una recessione globale che interesserà la maggior parte delle economie, quindi attendere sei mesi o attendere nove mesi [per elencare], la fiducia degli investitori potrebbe essere inferiore a quella attuale. Con una recessione c’è molto più rischio e molta più debole fiducia degli investitori “.

Il ponte sul tetto della vecchia fabbrica di automobili Ford che ora ospita il Warner Music Group di Los Angeles.

L’IPO dovrebbe essere una manna per il miliardario Len Blavatnik, che ha acquistato il Warner Music Group per $ 3,3 miliardi nel 2011. Oggi è la terza compagnia musicale per quota di mercato.

Warner Music Group ha registrato una crescita costante delle vendite negli ultimi anni. Nell’anno fiscale conclusosi il 30 settembre 2019, secondo un documento normativo, la società ha registrato un aumento delle vendite dal 12% a 4,5 miliardi di dollari. La società ha registrato un utile netto di $ 258 milioni quell’anno fiscale.

La società ha dichiarato che non riceverà fondi dall’IPO. Le azioni vendute andranno a beneficio di Access Industries, un gruppo fondato da Blavatnik e dei relativi azionisti, ha dichiarato Warner Music Group. Ha rifiutato di commentare ciò che Access Industries ha intenzione di fare con i soldi.

Blavatnik e Accessare sperano di recuperare il loro investimento iniziale di acquisto e altro, ma manterranno anche il controllo dell’azienda.

Warner Music Group ha dichiarato il mese scorso che dopo la sua IPO, Access e le sue affiliate avrebbero avuto il 99% del potere di voto delle loro azioni ordinarie.

Mulligan ha affermato che l’offerta pubblica iniziale riguardava “i proprietari di case che ne ricavano valore”.

“È una strategia intelligente, vendere azioni per generare reddito per i proprietari e quindi non perdere alcun controllo significativo sulla società”, ha dichiarato Mulligan.