lunedì 08 marzo 2021

Cosa riserva il futuro dell'industria della bellezza di lusso?

Immagine di credito: Ahmad -Kazan / Bigstock.com

The Covid – 19 la pandemia ha colpito ogni settore e sezione del mondo e l’industria della bellezza non fa eccezione. L’industria mondiale della bellezza, valutata a circa $ 19, è stata sotto un riavvio totale dall’inizio di quest’anno. Perdere l’esperienza stessa di provare prodotti di bellezza in negozio ha costretto marchi ed etichette a reinnovare l’intero sistema pur continuando a pagare per circa 1,2 miliardi di dipendenti dipendenti da esso perché le vite vengono prima, ma anche i mezzi di sussistenza contano. )

The economics of the industry

The 2008 la crisi finanziaria è stata la più recente battuta d’arresto conosciuta per l’industria della bellezza, ma si è ripresa in 2010. L’industria globale della bellezza che comprende bellezza, cura della pelle, cura dei capelli e profumi genera oltre $ 500 miliardi di vendite ogni anno. Ma, se il lancio di Fenty Beauty non ha scosso abbastanza l’industria della bellezza, lo scoppio della sfortunata pandemia ha fatto un lavoro davvero favoloso. In queste situazioni difficili, i marchi di bellezza di lusso come Christian Dior, L’oreal, Jo Malone, Estee Lauder, LVMH, Guerlain e altri avevano le loro linee di produzione che producevano disinfettanti per le mani e disinfettanti per i combattenti sanitari.

Con la riapertura dei negozi dopo mesi di chiusura, il fenomeno di mercato dell’indice del rossetto e del revenge shopping è cresciuto, ma con esso è arrivata la minaccia dell’improvviso e sostanziale aumento dello spazio digitale. Il metodo fisico non andrà da nessuna parte presto, tuttavia, i marchi devono innovare per migliorare l’esperienza in negozio.

The Covid – 19 la pandemia ha colpito ogni settore e sezione del mondo e l’industria della bellezza non fa eccezione. Credito immagine: Sorbis / Bigstock.com

Trasparenza e non solo

Le situazioni straordinarie a cui assistiamo oggi hanno portato avanti numerose preoccupazioni spesso non riconosciute in precedenza. Cruelty-free, commercio equo e solidale e biologico hanno preso il primo posto per i consumatori di oggi, poiché ora vogliono investire in buoni prodotti piuttosto che in prodotti di bell’aspetto. I consumatori hanno il diritto di conoscere la composizione del prodotto in un linguaggio semplice e pulito. Sono lontani i tempi in cui un marchio poteva esaurirsi per la promessa di “una pelle più luminosa in sette giorni”. La trasparenza del marchio ora includerebbe la divulgazione delle informazioni corrette e complete sulla confezione.

Negli ultimi anni, la “bellezza pulita” è stata semplificata e ben accolta. Hourglass Cosmetics diventa completamente vegano in 2020, il marchio di bellezza francese Caudalie che introduce ingredienti verdi attivi nei loro prodotti e il marchio di bellezza danese Kjaer Weiss che crea componenti metallici ricaricabili per tutti i suoi prodotti sono alcuni esempi di marchi che incorporano la sostenibilità. L’industria della bellezza si sta lentamente muovendo verso un approccio globale sostenibile.

Come testiamo il prodotto?

Vivere il prodotto in prima persona è un desiderio di ogni consumatore per fare la scelta giusta in fase di acquisto. Fino all’inizio dell’anno, i beauty-test e le fiale erano un aspetto fondamentale per qualsiasi beauty shopper. Capire completamente il modo in cui il prodotto si comporta, si comporta e reagisce sulla pelle è stato un test cruciale prima dell’acquisto. Sebbene non sia consigliabile disporre di contatori di tester, i marchi hanno escogitato diversi modi per continuare a fornire campioni dei loro prodotti.

Gli assistenti virtuali online esistono da molto prima della pandemia, tuttavia, è il loro è tempo di brillare e il marchio di raccoglierne i benefici. Charlotte Tilbury ha Mirror Mirror e Guerlain ha l’app Voir per aiutare a rendere più facile lo shopping poiché questi assistenti virtuali hanno una rappresentazione quasi reale di come apparirebbe il prodotto sulla pelle. un’altra opzione, se il consumatore desidera provare il prodotto, sono i tester individuali monouso. Questi tester preconfezionati hanno una quantità sufficiente per contenere un uso una tantum di un prodotto che potrebbe includere profumi, lavaggi per il corpo, shampoo, sieri e altro, il che senza dubbio porterà a maggiori vendite, ma solleva una serie di domande sulla sostenibilità.

Il marchio di bellezza francese Caudalie ha introdotto ingredienti verdi attivi nei suoi prodotti. Credito immagine: Ahmad-Kazan / Bigstock.com

La sostanza sulla forma

Avere una bella pelle è il primo passo per avere un ottimo trucco. L’auto-quarantena ci ha offerto l’opportunità di riconnetterci con noi stessi e comprendere l’importanza di uno stile di vita sano e della salute mentale. Le “maschere facciali fai da te” e le “routine di cura della pelle dalla mattina alla sera da provare” sono diventate un enorme materiale di contenuto per influencer, truccatori e marchi. L’oreal ha realizzato una serie in quarantena sul proprio canale YouTube che mostra come colorare i capelli a casa.

La cura della pelle durante e dopo la pandemia si concentrerebbe su prodotti che non solo sono potenti con i nutrienti necessari per la pelle, ma sono privi di sostanze chimiche nocive e hanno un’impronta di carbonio minima ed eco-compatibili packaging.

La pandemia ci ha dato l’opportunità sotto mentite spoglie di riavviare al rovescio liberando allo stesso tempo molto spazio per l’innovazione e la creatività per i marchi. L’industria della bellezza si è adattata e si è evoluta in ogni situazione che ha dovuto affrontare finora, e questa volta non sarà diversa.