martedì 11 maggio 2021

Cramer: questo dovrebbe essere l’inizio della fine per gli ETF settoriali

Jim Cramer di CNBC ha detto mercoledì che la recente volatilità del mercato dovrebbe servire da inizio della fine per gli ETF settoriali.

“So di essere in anticipo, ma chiunque non veda questo picco dell’indice all’orizzonte si sta prendendo in giro”, il “ Mad Money “, ha dichiarato l’host.

Questa realizzazione è diventata evidente quando il mercato azionario ha reagito alle crescenti preoccupazioni sul coronavirus, ha affermato Cramer. Nel giro di una settimana, il Dow Jones Industrial Average ha registrato il più grande declino di un giorno e il più grande guadagno in punti di un giorno .

Cramer ha affermato di comprendere il fascino dei fondi indicizzati e ha aggiunto che in precedenza ne era un fan grazie al tempo e allo sforzo necessari per scegliere i singoli titoli.

“L’intera premessa di investire in un fondo indicizzato è che è impossibile battere costantemente il mercato raccogliendo singoli titoli, quindi non puoi batterlo, quindi hai unirsi a questo “, ha detto Cramer.

Ma il problema con i fondi indicizzati è diventato la loro popolarità, ha detto Cramer. Intorno la metà di tutti i fondi è ora indicizzata , ha osservato.

In 2009, i fondi gestiti attivamente avevano un vantaggio di quasi 3 a 1 rispetto ai passivi nei fondi azionari statunitensi, secondo i dati di Morningstar. Il divario iniziò a ridursi notevolmente in 2012 e da allora diminuì bruscamente.

“Quando tutti hanno la stessa maledetta strategia, quella strategia raramente funziona”, ha detto Cramer. “E un mercato ribassista come quello che abbiamo avuto la scorsa settimana convalida davvero la selezione titoli, soprattutto per quelli di noi che avevano un po ‘di denaro a margine per sfruttare la debolezza”.

L’indicizzazione ha ancora un ruolo nel tuo portafoglio, ha affermato Cramer. In particolare, un fondo indicizzato a basso costo che rispecchia lo S&P 500 dovrebbe essere il “fondamento del tuo conto pensionistico”, ha spiegato.

L’indice S&P complessivo 500 funziona perché l’S & P 500 è esso stesso un fondo a gestione attiva, ha affermato Cramer.

Ma gli ETF settoriali? “Non sono altro che generatori di tasse”, ha affermato.

Per prove, guarda l’industria farmaceutica, ha detto Cramer.

“Gli ETF sulle droghe hanno omogeneizzato i non omogeneizzabili. Abbiamo alcune compagnie farmaceutiche molto buone e altre pessime”, ha detto.

È una situazione simile con società blue-chip come Google parent Alphabet, Walmart , Amazon , Costco e Home Depot . Queste sono le aziende migliori del settore che vantano una forte crescita e bilanci di qualità, ha affermato Cramer.

Cramer ha affermato che “l’industria della mediazione affamata di commissioni” vuole che gli investitori al dettaglio credano che sia troppo pericoloso possedere i singoli titoli di queste società. Per attenuare il colpo, l’industria di intermediazione vuole che gli investitori scelgano ETF che includono anche Twitter , Snap o Hewlett Packard e IBM , sosteneva Cramer.

“Non sta ammorbidendo il colpo. Si sta piegando nel colpo”, ha detto Cramer. “Perché possedere sia i vincitori che i perdenti in un settore quando puoi semplicemente scegliere i vincitori molto ovvi?”

Mentre i fondi indicizzati settoriali potrebbero essere iniziati con buone intenzioni, l’investimento il panorama è cambiato, ha detto Cramer.

“Siamo ora in un ambiente in cui, per molti settori, più persone scambiano gli indici rispetto ai singoli titoli”, ha detto Cramer. “Questo crea molte opportunità per quelli di voi che sono disposti a gestire i propri soldi.”

Articolo originale di CNBC