giovedì 29 ottobre 2020

“Deve guadagnare la nostra fiducia:” I gruppi progressisti iniziano a spingere Biden a tenere Wall Street fuori dalla Casa Bianca

Il senatore Bernie Sanders si unisce all’ex vicepresidente Joe Biden e alla senatrice Elizabeth Warren sul palco prima dell’inizio al 2020 Dibattito presidenziale americano a Houston, Texas, Stati Uniti settembre 12, 2019.

Mike Blake | Reuters

I gruppi progressisti che non sono stati spesso allineati con il Sen. Bernie Sanders sono spingendo Joe Biden a impedire ai dirigenti e agli imprenditori di Wall Street di far parte della sua amministrazione se vince la presidenza.

Mentre l’ex vicepresidente ha affermato di non aver iniziato a parlare con possibili membri del suo potenziale gabinetto, recentemente ha detto ai donatori che ha discusso con i suoi consulenti su chi vorrebbe unirsi amministrazione. Biden è attualmente in procinto di considerare i candidati come il suo vice presidente presidenziale.

Dopo che Sanders è uscito dalla gara mercoledì, diversi gruppi progressisti hanno firmato una lettera a Biden chiedendogli di impegnarsi a non nominare leader a Wall Street e K-Street, o quelli in l’industria dei combustibili fossili e dell’assistenza sanitaria per la campagna di ruoli consultivi o per i gabinetti.

La lettera, che può essere trovata qui , invita anche Biden ad assegnare le persone che hanno appoggiato Sanders e la senatrice Elizabeth Warren, un altro progressista , per essere copresidenti della sua futura transizione squadra. I gruppi lo sollecitano anche a nominare consiglieri come Joseph Stiglitz, un professore della Columbia University che è un sostenitore del “New Deal verde”, al suo Consiglio economico nazionale. Stiglitz era secondo quanto riferito in un elenco di consiglieri che venivano spinti a Hillary Clinton da Warren in 2014 prima che l’ex segretario di Stato fosse candidato alla presidenza.

I gruppi che firmano la lettera a Biden includono Justice Democrats, Sunrise Movement e NextGen Action.

I gruppi progressisti che hanno parlato con la CNBC hanno affermato che se Biden non segue queste linee guida, potrebbe soffrire di scarsa affluenza alle urne alle elezioni generali e finire per perdere con Trump. Un gruppo sta mettendo insieme la ricerca dell’opposizione contro imprenditori che sostengono la campagna di Biden.

“Ha bisogno di guadagnare la nostra fiducia”, ha detto a CNBC Waleed Shahid, portavoce di Justice Democrats. “Il personale è politica, è dove la gomma incontra la strada in termini di valori e impegni.”

Biden, da parte sua, sembra cercare di fare appello a molti sostenitori di Sanders . Giovedì ha lanciato un piano per abbassare l’età di idoneità di Medicare a 60 da 65 , rafforzando anche il suo piano di perdono del debito studentesco poche ore dopo che il Dipartimento del Lavoro ha rilasciato nuovi dati mostrando 6,6 milioni di persone hanno presentato richieste iniziali di disoccupazione la scorsa settimana mentre l’economia si riavvia dal coronavirus.

Our Revolution, a 501 (c) (4) un’organizzazione fondata dallo stesso Sanders che sostenne la sua corsa 2020 alla presidenza ha dichiarato alla CNBC che si oppone ai dirigenti del settore finanziario di diventare consulenti politici di Biden ora che è il candidato apparente. Il gruppo non ha firmato la lettera, ma sta cercando di avvicinarsi alla sua campagna. Sanders è stato apertamente contrario ai leader del settore finanziario che hanno avuto un ruolo nelle campagne e nelle amministrazioni.

“Non è certo quello che vogliamo vedere”, ha dichiarato Paco Fabian, direttore delle campagne della nostra rivoluzione. “Penso che aumenti solo la probabilità che le loro posizioni politiche siano quelle che vengono implementate e non quelle che la gente dello spettro progressivo spingerebbe per”.

“Ad un certo punto probabilmente lo faremo”, quando gli viene chiesto se intendono raggiungere la campagna di Biden. “Non abbiamo trovato il modo migliore per farlo e le questioni principali su cui ci impegneremo con la campagna Biden”.

Un altro gruppo ha iniziato a mettere insieme ricerche sull’opposizione su una serie di donatori Biden che lavorano a Wall Street. Il Revolving Door Project, che fa parte del progressivo think tank Center for Economic and Policy Research, ha messo insieme un pacchetto di ricerca su Mark Gallogly, co-fondatore della società di investimenti Centerbridge Partners, ha dichiarato il direttore esecutivo del gruppo, Jeff Hauser.

Gallogly ha aiutato Biden con una raccolta fondi per parte del ciclo elettorale e alcuni donatori hanno discusso privatamente l’idea che lui fosse uno dei suoi consulenti economici se dovesse entrare alla Casa Bianca. La ricerca dell’opposizione cita, tra gli altri, rapporti di CNBC, New York Times, Wall Street Journal, Bloomberg e Politico. Si concentra sui legami di Gallogly con Biden e riporta i rapporti d’affari della sua azienda con Puerto Rico.

Hauser ha osservato che Jeffrey Zients, ex consigliere economico del presidente Barack Obama che è diventato presidente del gruppo Cranemere, e Tony James, vice presidente esecutivo di Blackstone, sono due sostenitori di Biden stanno cercando di fare ricerche su.

“Mi aspetto che i progressisti abbiano le proprie critiche su come funziona il governo, ma meno sui revolver, che riprenderanno dalle ricerche che facciamo”, ha detto Hauser.

NextGen America, un super PAC fondato e finanziato dal miliardario Tom Steyer che ha un esercito di attivisti di base per ottenere il voto, ritiene che per Biden fare appello ai giovani elettori dovrà scendere a compromessi.

“Faremo il culo per portare i giovani alle urne a novembre. Puoi buttare tutti i soldi e il tempo in quel problema, ma se non hai un partner disponibile non sarà il più efficace possibile “, ha affermato Ben Wessel, direttore esecutivo del gruppo.

Un portavoce di Biden non ha restituito una richiesta di commento.

Articolo originale di CNBC