venerdì 27 novembre 2020

È New York contro Londra nella battaglia dei centri finanziari. Ma a chi importa?

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Solo perché 240 “dirigenti senior” dicono qualcosa, non lo rende vero.

Tuttavia, è così che molte persone sono state invocate da Duff & Phelps per determinare che New York City è ora il centro finanziario più importante del mondo, spingendo Londra al secondo posto.

La domanda su quale città sostiene che la corona è stata posta più volte e la società di consulenza Duff & Phelps è l’ultima a cercare di rispondere alla domanda come parte del suo più ampio sondaggio Global Regulatory Outlook per 2020.

Solo un terzo degli intervistati 240 ha intervistato Londra come il principale centro finanziario del mondo. Questo è paragonabile a 56% che ha classificato New York al primo posto.

Londra e New York hanno da tempo jockey per il primo posto in vari indici, che sono un centesimo a dozzine.

Molti sono basati sul sentimento. Il fattore Brexit inevitabilmente inclinerà la raffica di sondaggi pubblicati in vista dell’imminente partenza del Regno Unito dall’Unione Europea. I risultati del sondaggio Duff & Phelps sono ulteriormente offuscati dal fatto che oltre un terzo degli intervistati vive negli Stati Uniti

Quindi, come si classificano esattamente i centri finanziari? I set di dati più comuni esaminano metriche quali il costo della vita, l’infrastruttura e la disponibilità di personale qualificato. Ma un vantaggio limitato per un centro rispetto a un altro in tali indici può essere statisticamente insignificante.

Anche se si analizza le fredde statistiche finanziarie, fa poca differenza. Un sondaggio triennale della Bank for International Settlement pubblicato a settembre 2019, ad esempio, classificato il Regno Unito come principale centro mondiale per la negoziazione di derivati ​​su tassi di interesse.

Torna a 2016, tuttavia, e New York occupava la prima posizione.

In altre parole, Londra e New York sono entrambi centri finanziari chiave e non è come se gli investitori abbandonassero nessuno dei due, quindi nulla di tutto ciò conta davvero.

Anche se è vero che molte banche e gestori patrimoniali hanno aperto uffici nell’UE e spostato alcuni beni in preparazione per Brexit , la maggior parte delle loro attività quotidiane rimane nel Regno Unito

Gli aneddoti dei banchieri che trasferiscono le loro famiglie in Italia o in Francia stanno diventando spessi e veloci. Ma la maggior parte dei capi delle divisioni bancarie europee ha sede a Londra e vola comunque per vedere regolarmente i propri clienti in tutta la regione.

New York contro Londra è una vecchia notizia.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com