venerdì 23 ottobre 2020

Ecco le migliori notizie per gli stock canadesi di marijuana quest’anno

                                                                 

È in arrivo una soluzione al problema più grande che riguarda l’industria canadese della cannabis.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

2019 ha stato un busto per la maggior parte delle riserve di marijuana canadesi . Ma non avrebbe dovuto essere. Quest’anno ha segnato il primo anno completo di vendite nel mercato ricreativo canadese per adulti. Il paese ha messo a punto i regolamenti per la vendita di derivati ​​della cannabis. Eppure, c’è stata un’inondazione di cattive notizie per l’industria canadese della cannabis.

Giusto in tempo per le vacanze, tuttavia, sta accadendo qualcosa di positivo che dovrebbe beneficiare quasi tutti i protagonisti del settore. Ecco le migliori notizie per gli stock di marijuana canadesi quest’anno.

Fonte immagine; Getty Images.

La mossa principale dell’Ontario

Il governo dell’Ontario ha annunciato la scorsa settimana che sta andando avanti con piani per espandere drasticamente il numero di negozi al dettaglio di cannabis nella provincia. L’Ontario in precedenza aveva posto un limite al numero di negozi di cannabis al dettaglio di proprietà privata consentiti nella provincia. Quel cappello sta andando via. Inoltre, l’Ontario sta eliminando i requisiti di prequalificazione per i rivenditori di cannabis.

L’Ontario sta inoltre permettendo ai produttori autorizzati di aprire un negozio al dettaglio in una delle loro strutture. La provincia prevede che questa mossa aprirà la strada a più negozi per aprirsi più rapidamente.

Tuttavia, non sarà gratuito. L’Ontario prevede di superare gradualmente il numero di negozi che ciascuna entità autorizzata sarà in grado di gestire. Gli operatori non potranno possedere più di negozi fino ad agosto 31, 2020. Quel numero aumenterà a 20 a settembre 2020 e poi a 75 nel mese di settembre 2021. I rivenditori dovranno inoltre rispettare le rigide norme della provincia relative alla sicurezza dei minori e al background criminale dei dipendenti.

Il procuratore generale dell’Ontario Doug Downey ha formulato la decisione di espandere l’ambiente di vendita al dettaglio della provincia come un modo per limitare le vendite di cannabis nel mercato nero. Ha affermato che “aprire più negozi legali è il modo più efficace per combattere il mercato illecito” e che il governo dell’Ontario “è determinato ad aprire il mercato della cannabis nel modo più responsabile possibile”

Meglio tardi che mai

L’Ontario è diventato una specie di fustigatore per l’industria canadese della cannabis. Molti dei più grandi produttori canadesi di cannabis hanno puntato le dita esattamente verso la provincia Come motivo principale dei guai dell’industria della cannabis in 2019 .

Aurora Cannabis ( NYSE : ACB ) , ad esempio, allevato Ontario volte nel convegno fiscale del secondo trimestre fiscale 2020. Canopy Growth di ( NYSE: CGC ) CEO uscente Mark Zekulin ha dichiarato nell’ultima chiamata trimestrale della sua azienda che “il l’incapacità del governo dell’Ontario di autorizzare i negozi al dettaglio fin da subito ha fatto sì che metà del mercato atteso in Canada semplicemente non esistesse. “

La loro critica era al punto. Prima di questo mese, l’Ontario reclamava solo 17 negozi di cannabis al dettaglio in funzione – un negozio per ogni 600, 000 residenti. Non è abbastanza per sostenere un fiorente mercato della marijuana ricreativa.

Ma gli operatori canadesi di cannabis stanno incoraggiando gli sforzi annunciati dell’Ontario per aumentare il numero di negozi al dettaglio. Anche prima dell’annuncio della scorsa settimana dei dettagli dei suoi piani, Zekulin di Canopy Growth ha espresso il senso di sollievo della sua azienda che la provincia si è impegnata ad aprire altri negozi al dettaglio.

Impostazione di un migliore 2020

La decisione dell’Ontario di espandere la sua infrastruttura di vendita al dettaglio è la migliore notizia per l’industria canadese della cannabis in 2019. Tuttavia, il vero impatto non si farà sentire fino al prossimo anno.

Alcuni dei 42 I negozi di cannabis nell’ondata iniziale di espansione apriranno le attività a dicembre, ma non tutti. Ancora più importante, ci sono molte altre aperture di negozi in arrivo 700. L’Ontario ha annunciato che inizierà ad accettare le domande di licenza per operatore da potenziali rivenditori il 6 gennaio 2020. Questi rivenditori saranno in grado di presentare domande di autorizzazione del negozio a partire dal 2 marzo 2020. La provincia prevede di emettere intorno 11 licenze al dettaglio al mese inizialmente.

Mentre gli operatori canadesi di cannabis vorrebbero che il numero di negozi aumentasse di un numero maggiore e ad una velocità maggiore, il piano dell’Ontario è sicuramente migliore dello status quo. Di conseguenza, 2020 è molto meno probabile che sia un busto come 2019 è stato per l’industria canadese della cannabis.

                                                                                                                                                                                                                 Keith Speights non ha alcuna posizione in nessuno dei Stock menzionato. Il Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno degli stock menzionati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione . “>                                                                                                                                                                                                                                      

Articolo originale di Fool.com