martedì 22 giugno 2021

Fannie e Freddie compreranno ora prestiti nel programma di salvataggio dei mutui, nel tentativo di allentare i prestiti

La segnaletica si trova fuori dal quartier generale di Freddie Mac a McLean, Virginia, Stati Uniti.

Andrew Harrer | Bloomberg | Getty Images

La Federal Housing Finance Agency, regolatore di Fannie Mae e Freddie Mac, ha annunciato che i due giganti dei mutui compreranno ora mutui per la casa che entreranno nel programma di tolleranza del governo subito dopo la loro chiusura.

Fannie e Freddie non lo avevano fatto e, di conseguenza, i prestiti si erano drasticamente ridotti.

“Siamo concentrati sul mantenimento del funzionamento del mercato dei mutui per l’attuale e proprietari di case futuri in questi tempi difficili “, ha detto il direttore dell’FHFA Mark Calabria in un comunicato. “Gli acquisti di questi prestiti precedentemente non ammissibili contribuiranno a fornire liquidità ai mercati dei mutui e consentiranno ai cedenti di mantenere i prestiti.”

I prestatori di mutui, sia bancari che non bancari, vendono la maggior parte dei loro prestiti a Fannie Mae o Freddie Mac, noti come imprese sponsorizzate dal governo o GSE. Oppure, se supportati dall’FHA, vengono venduti a Ginnie Mae. Potrebbero essere necessarie alcune settimane dopo la chiusura di un prestito per la sua vendita. Quando il salvataggio dei mutui del governo è iniziato poco più di un mese fa, alcuni prestiti che erano appena stati chiusi, ma non erano ancora stati acquistati, sono andati in sofferenza.

Il programma di tolleranza consente ai mutuatari di difficoltà economiche dovute a Covid – 19 per ritardare i pagamenti mensili fino a un anno. Tali pagamenti devono essere effettuati in un secondo momento. La legge CARES, che è stata firmata in legge alla fine del mese scorso, non richiede che i mutuatari forniscano alcuna documentazione o prova di difficoltà.

Più di 3 milioni di prestiti sono già in programma di tolleranza. Poiché Fannie e Freddie non avrebbero acquistato i prestiti che avevano appena chiuso, il credito si è notevolmente rafforzato, rendendo più difficile ottenere un nuovo prestito per tutti i mutuatari. I finanziatori temevano che qualsiasi prestito fatto potesse andare in rovina prima che venissero venduti, lasciandoli all’amo, incapaci di venderli.

Questo annuncio dovrebbe allentare un po ‘il mercato, sebbene esistano determinati criteri e limiti di ammissibilità, secondo FHFA:

  • Il prestito ipotecario deve essere chiuso o dopo il 1 ° febbraio 2020 e prima o prima di maggio 31, 2020.
  • Il prestito deve essere una transazione di acquisto di ipoteca o un rifinanziamento senza incassi.
  • Il prestito non può essere superiore a 30 giorni delinquenziali.

Inoltre, saranno valutati i prestiti ammissibili un ulteriore aggiustamento del prezzo a livello di prestito – 5% per gli acquirenti di case per la prima volta e 7% per gli acquirenti non per la prima volta.

Vi è tuttavia disaccordo su ciò che questi costi più elevati potrebbero comportare tassi di ipoteca. Alcuni sostengono che potrebbero far scendere leggermente i tassi sui mutui, poiché la scatola di credito si apre di più. Altri sostengono che alcuni istituti di credito trasferiranno tali costi ai mutuatari sotto forma di tassi più elevati.

“Accogliamo con favore il cambiamento nella politica che dirige i GSE ad acquistare la maggior parte dei prestiti in tolleranza”, ha dichiarato Bob Broeksmit, CEO della Mortgage Bankers Association. “Non vediamo l’ora di lavorare con FHFA e GSE per ottenere prezzi più adeguati e un’ampia copertura per tutti i tipi di transazioni.”

Articolo originale di CNBC