Entra in contatto con noi

Lifestyle

Giornata Nazionale della malattia di Parkinson: si trema e non solo il 26 novembre

Pubblicato

il

Una serie di consigli utili per curare e convivere con il morbo di Parkinson, distribuiti dalla Lega Italiana contro il morbo di Parkinson, le sindromi extrapiramidali e le demenze (limpe) e l’Associazione Italiana Disturbi del Movimento (Dismov-Sin) in occasione di World Parkinson’s Disease. Giornata celebrata oggi  26 novembre 2022.

È importante “contrastare” i sintomi del movimento e facilitare così il movimento

L’esercizio fisico deve essere leggero e non estenuante, basta anche una semplice passeggiata quotidiana per migliorare la flessibilità articolare e contrastare le rigidità.
In generale, l’esercizio migliora:
– forza muscolare
– flessibilità articolare
– equilibrio
– oscillazione
– coordinazione (fluidità e precisione dei movimenti)
– capacità di svolgere le normali attività della vita quotidiana

Delos Gioielli
Delos Gioielli

La stitichezza  è una conseguenza della lentezza dei movimenti e quindi della malattia stessa

Avere una buona funzionalità intestinale è particolarmente utile se stai assumendo la levodopa: per essere assorbita, deve passare dall’intestino nel sangue e da lì al cervello. Pertanto, tutto ciò che rallenta l’intestino può, a sua volta, ridurre l’effetto della terapia.
Alcuni semplici consigli ti aiuteranno in questo:
1- Impegnarsi in una regolare attività fisica
2- Bere molti liquidi (1,5 litri di acqua al giorno, 8-10 bicchieri al giorno)
3- Scegliete una dieta ricca di frutta e verdura oltre che di fibre in genere.

Problemi di insonnia e affaticamento

Questo è buono. Molti dei sintomi associati al morbo di Parkinson, e anche sintomi più generali come rigidità, dolore, ansia e depressione, possono avere un effetto negativo sul sonno. Tuttavia, alcuni farmaci usati per curare la malattia possono anche avere un effetto stimolante, riducendo le ore di sonno. Parlane con il tuo medico per trovare la soluzione giusta, che può variare da semplici passaggi per aiutarti a dormire meglio, a tecniche di rilassamento e alla prescrizione di alcuni farmaci come quelli ansiolitici.
Il sonno “buono” è molto importante per spendere meglio le proprie energie.

L’affaticamento fisico e/o mentale è molto comune nei pazienti con malattia di Parkinson e può essere uno dei primi sintomi. La stanchezza può essere causata da più di un fattore, inclusi i farmaci, la malattia stessa (sforzi per controllare i sintomi e i cambiamenti chimici nel cervello), i disturbi del sonno e la depressione.
La fatica può essere “risolta”, ma è importante identificare la causa principale.
In ogni caso, alcune precauzioni generali utili sono le seguenti:
dedicare tutto il tempo necessario a svolgere varie attività, imparare a riconoscere e utilizzare i momenti in cui i farmaci sono più efficaci e ci si sente meno stanchi, assicurarsi che la dieta sia equilibrata come fonte di energia ed evitare la stitichezza che provoca affaticamento, l’esercizio fisico mantieni i tuoi muscoli in buona forma.

Advertisement

Una corretta dieta per una lenta capacità di deglutire

Questo deve essere cambiato. La composizione dei prodotti e le tempistiche del loro utilizzo possono variare a seconda della terapia che si sta assumendo. Ad esempio, è stato scientificamente dimostrato che una dieta a basso contenuto proteico a pranzo migliora l’efficacia della levodopa. La levodopa deve essere assunta da 15 a 30 minuti prima dei pasti, ma se provoca nausea, può essere assunta con un piccolo spuntino a basso contenuto proteico.
Tuttavia, tenendo conto di questi accorgimenti, la dieta non deve essere restrittiva, ma equilibrata e, soprattutto, varia nella scelta degli alimenti, oltre che nei metodi di cottura.
È inoltre consentito consumare non più di 1-2 bicchieri di vino al giorno, preferendo il rosso, e le bevande alcoliche vanno ridotte o eliminate. Sì, caffè e tè.

Nella malattia di Parkinson, diventa difficile deglutire rapidamente. Questo è quello che hai bisogno di fare:
– Siediti dritto mentre mangi e bevi
– Prima di mangiare, pensa alle diverse fasi della deglutizione: labbra chiuse, denti chiusi, cibo sulla lingua, alza la lingua e poi indietro e deglutisci (su, indietro, giù)
Inclina la testa leggermente in avanti anziché indietro quando deglutisci
– Mangia lentamente e in piccole porzioni in modo che il cibo non si blocchi in bocca.
– Ingoiare piccoli pezzi, masticandoli bene.
– masticare e muovere bene il cibo con la lingua
– Prova a masticare prima da un lato e poi dall’altro.
– Non mettere altri cibi in bocca prima di aver ingerito la porzione precedente.
-In alternativa, puoi fare uno spuntino invece dei tre pasti principali.

Attenti alla depressione

Dipende da diversi fattori. È noto che i pazienti con malattia di Parkinson soffrono di depressione ad un certo punto durante la loro malattia. Alcuni casi di depressione però dalla stessa malattia di Parkinson, nel senso che può ridurre i livelli di depressione di alcuni l’umore. In genere, prevalgono più la melanconia e l’anedonia, cioè l’incapacità di trovare attività o situazioni che normalmente lo sono (perdita di motivi, di energia e degli interessi). Altri sintomi sono i disturbi del sonno e della memoria.
La depressione può essere “curata” in vari modi e su più fronti: cercando di ridurre i livelli di stress, impostando la corretta terapia per la malattia di Parkinson in modo da tenere sotto controllo i sintomi, svolgendo attività fisica. Anche la terapia cognitivo-comportamentale migliora i sintomi psicologici, trasformando i pensieri negativi in positivi, o comunque in un atteggiamento più realistico. Infine, se questi accorgimenti non bastano, si può ricorrere anche agli antidepressivi.

Advertisement
Advertisement

Trending