sabato 16 gennaio 2021

Gli americani possiedono molte azioni in questo momento – e questo è un brutto segno

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Il “più grande predittore” del futuro del mercato azionario statunitense è più rialzista di quanto non fosse due anni fa, ma questo non dice molto. Questo indicatore, che vanta uno dei migliori track record di tutti nella previsione del mercato 10 – il rendimento dell’anno, sta ancora proiettando guadagni ben al di sotto della media.

Il più grande predittore è l’allocazione media del portafoglio che le famiglie statunitensi impegnano in azioni. È un indicatore contrario, con allocazioni elevate correlate a scarsi rendimenti successivi – e viceversa. L’ultima lettura, secondo Ned Davis Research, è 53. 8%, in calo rispetto a un massimo di 57. 5% alla fine di 2017.

Per apprezzare il significato di questo miglioramento per il mercato azionario in futuro, si consideri un semplice modello econometrico che ho costruito dall’allocazione trimestrale di equità delle famiglie dati dal 1951 e il successivo rendimento totale corretto per l’inflazione del mercato azionario ad ogni passo lungo la strada. Visto rispetto all’ultima allocazione delle famiglie, il rendimento previsto del modello nel prossimo decennio è di 1,6 punti percentuali annualizzati meglio di quanto non fosse alla fine di

Questa è la buona notizia. La cattiva notizia è che, anche con questo miglioramento, il modello prevede che i titoli statunitensi produrranno un rendimento superiore all’inflazione di appena l’1,9% annualizzato nel prossimo decennio. Questo è molto più basso della media da 1951 del 6,2% annualizzato – e appena migliore dell’1,4% proiettato annualizzato rendimento reale delle obbligazioni societarie a tripla A (basato sul rendimento di Aaa Corporate Bond di Moody’s e sulla stima della Cleveland Fed di 10 – inflazione prevista per l’anno).

In effetti, anche con il miglioramento di questo indicatore dalla fine dell’anno 2017, è ancora alto (e ribassista) come lo era sulle principali cime del mercato di 1968 e 2007, come puoi vedere dalla tabella allegata. L’unica altra volta da quando 1951 quando l’indicatore salì a livelli significativamente più alti (e divenne ancora più ribassista) era in il primo trimestre di 2000 – proprio come la bolla di Internet stava per scoppiare.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

Quindi quanto peso dovrebbe essere messo su questo indicatore? Chiaramente, se vale la pena prestare attenzione, dobbiamo ridurre le aspettative per i rendimenti delle borse statunitensi nel prossimo decennio.

Detto questo, l’analista che ha soprannominato questo indicatore “ Singolo più grande predittore di rendimenti futuri del mercato azionario ”- l’autore anonimo del blog di Philosophical Economics – in seguito ha notato che era un po ‘ironico, in parte perché ci sono Sono passati solo sette decenni da quando 1951 in cui è possibile calcolare il suo track record. Da un punto di vista statistico, avremmo bisogno di più di sette decenni non sovrapposti per avere la certezza che l’indicatore sia prezioso come sembra.

D’altra parte, come puoi vedere dal grafico, non si può negare che questo indicatore è stato fortemente correlato (inversamente) con il successivo mercato azionario 10 – ritorno anno. Si consideri una statistica nota come r-quadrato, che misura il grado in cui una serie di dati (in questo caso, l’allocazione di capitale proprio delle famiglie statunitensi) spiega o ne prevede un’altra (in questo caso, il successivo mercato azionario – ritorno anno). La lettura più alta possibile dell’r-quadrato è 1.0, mentre una lettura 0,0 significherebbe che l’indicatore non ha alcuna capacità esplicativa o predittiva.

Calcolo che l’r-quadrato nel caso di questo indicatore sia 0. 61, il che significa che spiegano i cambiamenti nell’allocazione del patrimonio familiare 61% delle variazioni nel successivo mercato azionario 10 – ritorno anno. Mentre sarebbe bello avere un indicatore che spieghi 100%, tale indicatore non esiste (o mai esisterà). La maggior parte degli indicatori che attirano l’attenzione su Wall Street hanno quadratini r che sono statisticamente equivalenti a zero.

Tra gli indicatori che hanno quadratini r statisticamente significativi quando si spiega 10 – ritorna l’anno, non sono riuscito a trovare nessuno che si avvicinava al indicatore di allocazione del patrimonio netto delle famiglie. Gli altri indicatori che ho studiato e i loro quadrati r secondo il pacchetto statistico del mio PC sono:

• Rapporto P / E: 0. 24

• Rapporto P / E rettificato ciclicamente (CAPE): 0. 35

• Prezzo da prenotare Rapporto: 0. 21

• Rapporto prezzo-vendita: 0. 44

• Rapporto Q: 0. 46

• Indicatore Buffett (rapporto tra valore di mercato di tutte le azioni / PIL): 0. 40

È abbastanza impressionante che l’allocazione azionaria delle famiglie abbia un r-quadrato molto più alto, ma c’è più supporto statistico per esso. Considera ciò che ho scoperto quando ho costruito una serie di ulteriori modelli econometrici in cui ho accoppiato i dati di Allocazione dell’equità domestica degli Stati Uniti con ciascuno di questi altri indicatori. In nessun caso questi altri indicatori hanno aggiunto potere esplicativo al di là di ciò che è stato fornito dai dati di allocazione.

In altre parole, una volta che ti stai concentrando sui dati di allocazione del patrimonio familiare, non ottieni ulteriori approfondimenti concentrandosi su una qualsiasi di queste altre misure di valutazione. Supponendo che il futuro sia come il passato, ciò suggerisce che, come minimo, i dati di allocazione delle famiglie hanno una forte pretesa di essere il “singolo più grande predittore di rendimenti futuri del mercato azionario”. Tori di borsa, prendere nota.

Mark Hulbert è un collaboratore regolare di MarketWatch. Le sue valutazioni Hulbert tengono traccia delle newsletter di investimento che pagano una commissione fissa per essere verificate. Può essere raggiunto a mark@hulbertratings.com

Di Più: L’uomo che chiamò Dow 20, 000 afferma che uno dei maggiori pericoli di borsa in 2020 è “le persone potrebbero gettare rischi per il vento”

Leggi anche: The S&P 500 è ora più sopravvalutato che mai, per questa misura

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       
Articolo originale di Marketwatch.com