domenica 01 novembre 2020

Gli Stati Uniti sono la principale potenza “soft” del mondo, ma Trump ha danneggiato la sua reputazione, secondo un sondaggio

Gli Stati Uniti sono visti come una forza globale in termini di “potere debole” e influenza, nonostante le polemiche sull’amministrazione del presidente Trump , che ha danneggiato il reputazione del paese, secondo una nuova ricerca.

Il Global Soft Power Index, di consulenza Brand Finance, ha esaminato più di 50, 000 consumatori in 87 paesi che classificano i paesi in termini di familiarità, reputazione e influenza, tra le altre misure.

Gli Stati Uniti sono arrivati ​​in cima, con Germania, Regno Unito, Giappone e Cina a seguire. Francia, Canada, Svizzera, Svezia e Russia compongono il resto della parte superiore 10.

Il termine “soft power” è stato coniato dal politologo Joseph Nye alla fine 1980 se si riferisce a un la capacità della nazione di attrarre o persuadere altre nazioni, piuttosto che forzare usando mezzi militari o economici.

Ma mentre gli Stati Uniti erano molto apprezzati dagli intervistati in termini di influenza su intrattenimento, media, sport e la scienza, la sua reputazione, governance e stabilità politica sono viste in modo meno positivo dalle persone di tutto il mondo.

“L’accoglienza internazionale mista di controversie che circondano l’amministrazione del presidente Trump è probabilmente la ragione dietro relativamente bassa voti per reputazione “, hanno osservato gli autori del rapporto.

Gli Stati Uniti arrivarono 13 th per reputazione, 13 th per gli standard etici, 19 th per standard politici e 44 th per le relazioni con altri paesi. Le persone lo hanno anche classificato in basso per l’azione per il clima (28 th ) e affidabilità (23 rd ), secondo lo studio, pubblicato martedì.

“Questo è forse comprensibile date le decisioni dell’America di ritirarsi unilateralmente dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e il Piano d’azione globale congiunto sulla politica nucleare iraniana , minando l’affidabilità della nazione come partner sulla scena mondiale “, il rapporto

Anche il processo di impeachment di Trump ha avuto un impatto, secondo David Haigh, presidente e CEO di Brand Finance , ma altre misure l’hanno aiutato al primo posto.

“Il soft power non può essere rapidamente raggiunto, né perso. Gli Stati Uniti lo hanno dimostrato alla fine, nonostante le sfide reputazionali di impeachment e imprevedibili stranieri politica, la sua posizione di autore di regole nel sistema internazionale … non ha rivali “, ha dichiarato Haigh in un comunicato e.

Un portavoce della Casa Bianca non è stato immediatamente disponibile per un commento quando contattato da CNBC.

Come gli Stati Uniti, la Cina e la Russia si posizionano più in alto per influenza che per reputazione. La Cina è classificata come la seconda nazione più influente al mondo, ma arriva al 24 th per reputazione. La Russia si classifica al 7 ° posto th per influenza e 26 th per reputazione.

“Cina e Russia sono il nesso del cambiamento per l’ordine mondiale politico, economico e sociale globale Le democrazie occidentali non possono più fare affidamento sul presupposto della fine della storia secondo cui i valori liberali hanno vinto a livello globale e devono adattarsi a un mondo condiviso con questi nuovi colossali attori del soft power “, afferma il rapporto.

Nonostante abbia lasciato l’Unione Europea, la reputazione del Regno Unito appare indenne, in parte a causa dell’importanza della Regina Elisabetta II, della sua posizione nei media (che il rapporto attribuisce alla reputazione della BBC) e della cultura.

Peter Fisk, professore di leadership e strategia presso la IE Business School di Madrid, ha affermato che è probabile che il soft power continui ad avere un impatto sulle nazioni, descrivendolo come “meta power”. “Il meta-potere non si tratta di avere il più grande esercito, si tratta di avere la migliore storia”, ha dichiarato nel rapporto.

Articolo originale di CNBC