martedì 22 giugno 2021

I nuovi dati mostrano che le morti per coronavirus nelle case di cura potrebbero essere molto peggiori di quelle registrate

                      

                                           

                  

           

Un pensionato tiene il suo bastone da passeggio a Walsall, in Inghilterra.

                   Getty Images                                               

         

Il numero di decessi nelle case di cura della Gran Bretagna a causa di sospetti COVID – 19 le infezioni sono superiori alle statistiche ufficiali, mostrano nuovi dati.

      

Il virus iniziò a diffondersi attraverso le case di cura e le strutture di residenza assistita in America mesi fa, ma le lezioni potrebbero essere tratte dal Regno Unito, che è qualche settimana più avanti degli Stati Uniti in termini di diffusione della malattia.

      

In molte case di cura non è noto se i pazienti malati soffrano di COVID – 19 a causa della carenza di test. Le loro morti, se le loro malattie si rivelano fatali, non vengono quindi registrate come correlate al coronavirus.

      

L’Ufficio britannico per le statistiche nazionali (ONS) ha pubblicato martedì dati che mostravano 237 le persone sono morte nelle case di cura in Inghilterra e Galles nelle due settimane che terminano il 3 aprile. Ma l’ONS registra solo ciò che è scritto sui certificati di morte piuttosto che casi sospetti.

             

I due maggiori operatori di case di cura della Gran Bretagna, HC-One e MHA, hanno stimato di aver visto un combinato 521 decessi di pazienti che avevano sospettato COVID – 19 sintomi nelle ultime settimane fino a lunedì sera.

      

Le figure di ONS hanno un 03 – ritardo di giorno, e differisce anche dal tasso di mortalità giornaliero fornito dal governo. La figura del governo quotidiano si riferisce esclusivamente a coloro che sono morti mentre erano sotto la cura del Servizio sanitario nazionale, perché ha in atto sistemi di raccolta dati per fornire dati in tempo reale. Non include le morti per case di cura di proprietà di diversi operatori e frammentate in tutto il paese.

      

Barron’s on MarketWatch: Com’è essere un operatore sanitario durante la crisi del coronavirus

      

HC-One è supportato da una società di private equity e MHA è un operatore di beneficenza.

      

La proprietà privata delle case di cura è stata recentemente sotto i riflettori, con un recente studio negli Stati Uniti che collega la proprietà di private equity delle case di cura in America a un declino generale degli standard.

      

Leggere: L’acquisizione da parte di fondi di private equity di case di cura ha ridotto la qualità dell’assistenza nei momenti critici, suggerisce la ricerca

       

Prima che la crisi aumentasse esponenzialmente il bilancio delle case di cura in tutto il mondo, il regolatore dei servizi di assistenza sociale in Inghilterra, la Commissione per la qualità della cura (CQC), aveva lanciato l’allarme per mancanza di igiene e altre gravi carenze in diversi catene di case di cura, comprese quelle sostenute da società di private equity, ha rivelato un rapporto di Private Equity News.

      

Almeno oggi 13 le società di acquisizione hanno partecipazioni in case di cura per adulti nel Regno Unito, rappresentando 13% del mercato, secondo la società di consulenza sanitaria LaingBuisson. Ispezioni condotte dal CQC negli ultimi quattro anni valutate 18% di HC-One 113 case in Inghilterra come inadeguate o che richiedono miglioramenti – le due valutazioni più basse su quattro. Allo stesso modo, il cane da guardia ha detto che 13% di Care UK’s 24 le case hanno richiesto miglioramenti.

      

Un portavoce di Care U.K. ha dichiarato: “Se una casa richiede miglioramenti, riceve maggiore attenzione e assistenza dal nostro team interno per la qualità e la governance delle cure. Le case sono regolarmente monitorate dal nostro team di governance e team operativo per garantire che vengano apportati rapidamente miglioramenti adeguati. ”

      

Hanno aggiunto che, “con la minaccia annuale dell’influenza e del coronavirus, i nostri colleghi di casa sono già esperti nel controllo delle infezioni e hanno chiari processi in atto per prevenire le infezioni tra residenti e membri del team.”       

Da 2017, il CQC ha valutato vicino a 15, 000 case di cura nel Regno Unito, con solo 14% di loro che ricevono un punteggio complessivo inadeguato o richiedono miglioramenti.

      

In uno dei rapporti su una struttura guidata da HC-One, ad esempio, il CQC ha affermato che “alcune aree della casa odoravano fortemente di urina durante il giorno e l’ambiente domestico non era sempre pulito”. L’ispezione ha anche scoperto che la dignità delle persone “non è stata sempre confermata”.

      

HC-One aveva affermato che la casa non era all’altezza degli standard elevati che i residenti si aspettano e meritano, ma che, a seguito dell’ispezione, “ha immediatamente implementato un piano d’azione globale per apportare i miglioramenti necessari”, che includeva l’assunzione di manager.

      

Sulla crisi del coronavirus aveva detto: “HC-One ha sempre messo in atto solide politiche sia per prepararsi che per prevenire la diffusione di qualsiasi infezione o virus, incluso il coronavirus. Alla luce dei recenti eventi abbiamo aggiornato queste politiche in linea con gli ultimi consigli del Regno Unito e dei governi devoluti, del SSN e degli enti di sanità pubblica in relazione a COVID – 19. Siamo fiduciosi che sono state prese tutte le misure ragionevoli per mitigare il rischio per residenti e colleghi e che abbiamo in atto solidi piani di emergenza. “

                                            
Articolo originale di Marketwatch.com