lunedì 18 gennaio 2021

I test sugli anticorpi potrebbero essere la chiave per riaprire l’economia di New York?

La stragrande maggioranza di coloro che si sono ripresi da COVID – 19 producono anticorpi in grado di neutralizzare il virus mortale, secondo una nuova ricerca di la Icahn School of Medicine al Mount Sinai di New York.

La ricerca, pubblicata martedì ma che non è ancora stata sottoposta a peer review, potrebbe dare nuova vita a test anticorpali diffusi, una volta annunciati come uno strumento per aiutare a riaprire L’economia di New York. Se affidabili, i test offrono informazioni su quale percentuale della popolazione è stata infettata, possono aiutare nel trattamento e possono dare tranquillità ai pazienti che hanno gli anticorpi, poiché un corpo di ricerca in crescita indica che potrebbero essere immuni alla reinfezione per almeno un po ‘di tempo.

“Ecco alcune buone notizie. La maggior parte delle persone che si riprendono da COVID – 19 hanno alti titoli di anticorpi “, ha affermato il dott. Arturo Casadevall, un immunologo che sta conducendo ricerche in trattamenti sperimentali con plasma convalescente alla Johns Hopkins University di Baltimora, durante un briefing di notizie giovedì. Il plasma convalescente o il plasma sanguigno di un paziente guarito potrebbero essere potenzialmente utilizzati per aiutare i pazienti infetti con sintomi gravi o potenzialmente letali.

      

Casadevall ha detto che i ricercatori dell’ospedale di Mount Sinai hanno sviluppato un test anticorpale estremamente accurato, che ha dimostrato che la maggior parte delle persone produce proteine ​​a livelli sufficientemente alti da neutralizzare la malattia.

             

“La maggior parte delle persone che si sono riprese hanno gli anticorpi, e tra queste persone la maggioranza ha anticorpi neutralizzanti”, ha detto Casadevall. “Significa che la maggior parte delle persone che sono guarite hanno nel sangue qualcosa che è associato all’immunità”.

      

Gov. Andrew Cuomo aveva inizialmente enfatizzato il test sugli anticorpi come fondamentale per riportare New York online, chiamando i test “i nuovi ventilatori” fino a quando le domande sulla loro affidabilità e sul fatto che i pazienti fossero veramente immuni dopo aver avuto il virus hanno fatto riconsiderare lo stato.

      

Vedi anche: La maggior parte dei nuovi ricoveri COVID – 19 a New York sono persone che sono rimaste a casa

      

Ma la ricerca pubblicata questa settimana rende le prospettive più probabili. Lo studio condotto dai ricercatori del Monte Sinai ha scoperto che tutte le persone tranne due 624 testate con diagnosi precedentemente confermate hanno prodotto anticorpi nelle settimane successive all’infezione, “potenzialmente fornendo immunità alla reinfezione”, hanno scritto i ricercatori in astratto.

      

Se i ricercatori sono in grado di determinare che le persone che hanno la malattia non riescono a prenderla di nuovo, i test sugli anticorpi potrebbero nuovamente essere una priorità assoluta.

      

Lo stato ha già avviato il processo di test. Lo stato di New York ha annunciato gli ultimi risultati del suo studio di test sugli anticorpi sabato. Ha testato un campionamento casuale di 15, 000 persone nei negozi di alimentari e nei centri comunitari a fine aprile. I risultati trovati 12. Il 3% della popolazione dello stato ha COVID – 19 anticorpi. A New York City, quasi il 20% della popolazione li aveva, secondo il dipartimento di salute dello stato.

       

I test per i lavoratori essenziali sono già disponibili negli ospedali e in altre località. Ma quando e se saranno disponibili test affidabili su larga scala, i funzionari della città dovranno ancora affrontare una sfida nell’amministrazione dei test in tutte le aree della città.

      

New York City’s Health + Hospitals Corp. ha lavorato con i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) per testare fino a 140, 000 operatori sanitari e soccorritori. Ma la città prevede di raddoppiare quel numero amministrando i test ad altri newyorkesi nelle prossime settimane, ha annunciato il sindaco Bill de Blasio giovedì.

      

Un ulteriore test 140, 000 sarà gestito da BioReference Laboratories con sede nel New Jersey, secondo de Blasio. Fino a 5, 000 le persone potevano ricevere il test gratuito ogni giorno, diceva de Blasio, o circa 70, 000 nelle prossime settimane. Inizialmente verranno istituiti cinque siti di collaudo, situati a Morrisania nel Bronx; Long Island City, Queens; Manhattan superiore; Brooklyn East New York e Concord a Staten Island.

      

Più di 1 milione di casi di virus sono stati segnalati nello stato di New York a partire da giovedì, con quasi 21, 000 vittime. A New York City, ci sono stati più di 180, 000 hanno riportato casi e 14, 248 morti.

      

Affidabilità e scalabilità

I test vengono forniti con grandi avvertenze.

      

Molti test sugli anticorpi commerciali sono sensibili solo dal 50 al 60%, alla dott.ssa Lydia Dugdale, professore associato di medicina e direttore del Columbia Center for Clinical Medical Ethics.

      

“Se il test è 50% sensibile al momento, non sta nemmeno rilevando le cose che vogliamo che rilevi”, ha detto. Test per gli anticorpi COVID – 19 possono anche rilevare inavvertitamente i coronavirus comuni che causano raffreddori meno gravi.

      

Se fosse disponibile un test anticorpale affidabile, ci sono ulteriori strozzature nella somministrazione dei test, ha spiegato Dugdale. Per cominciare, dovrebbe essere disponibile un reagente di prova sufficiente. E poi c’è la domanda su quanti e quanto velocemente i laboratori possono elaborare quei test una volta ottenuti i campioni di sangue.

      

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha pubblicato le linee guida rivedute per i test sugli anticorpi lunedì, ora richiedendo alle aziende che li richiedono di richiedere l’autorizzazione all’uso di emergenza entro 10 giorni lavorativi dei loro prodotti che colpiscono il mercato. Coloro i cui test non sono abbastanza sensibili o abbastanza specifici per il virus COVID – 19 saranno tenuti a sospendere la distribuzione, secondo l’organizzazione.

      

Altri usi del test

I test possono certamente essere utili in futuro, secondo il Dr. Arthur Caplan, capo della divisione di Etica medica presso la NYU Grossman School of Medicine.

      

Ciò è particolarmente vero se c’è un’altra ondata di virus in autunno o in inverno.

      

“Almeno sai chi devi veramente estrarre dalla forza lavoro, chi potresti dire può rientrare fintanto che indossano una maschera”, ha detto. “Penso che sarebbe di aiuto nel caso in cui la cosa rimbalzi e dovessimo affrontare un’altra tensione sulle risorse.”

      

Ma tenere traccia di chi ha avuto il virus e chi no non sarà un altro problema. I passaporti immunitari, che indicano la storia della salute di una persona, sono un’opzione. Queste certificazioni potrebbero aiutare le persone a spostarsi più liberamente in futuro, consentendo allo stesso tempo a coloro che hanno il passaporto di sapere che non stanno diffondendo il virus.

      

Anche altri paesi, come la Germania, stanno esaminando i passaporti di immunità. Questi potrebbero alla fine trasformarsi in certificazioni che dimostrano la vaccinazione, qualora uno fosse disponibile, ha aggiunto Caplan.

      

Alcuni indicano che questi passaporti sono potenzialmente invadenti, ma Caplan non è d’accordo.

      

“Non è che stai per essere stigmatizzato o penalizzato”, ha detto. “Quello che ottieni è una ricompensa. E se ti accorgi che non è immune, ciò non significa che non puoi uscire, ma significa che vogliamo tenerti d’occhio solo per assicurarti di non catturare il virus. “

      

Tuttavia, anche se le sanzioni non sono imposte a livello governativo, le imprese potrebbero richiedere un passaporto di immunità per i dipendenti, ha osservato Caplan. Così come luoghi come arene sportive, teatri e piste da bowling, ovunque attiri grandi raduni.

      

“Posso immaginare un cinema che dice:” Non hai questo, non entri “, o addirittura il tuo posto di lavoro dice,” Se non lo hai, non verrai al lavoro “, Ha spiegato Caplan.

      

Vedi anche: I medici delle malattie infettive chiedono al governo di spiegare come decide chi ottiene il remdesivir di Gilead

      

Ciò potrebbe creare una disparità tra coloro che hanno il passaporto e quelli che non lo hanno. Le persone senza immunità possono essere trasferite per lavoro, ma potrebbe essere necessario.

      

“Siamo in una piaga”, ha detto Caplan. “Non è lo stesso di avere una disabilità. È un po ‘più come dire: “Se vieni a lavorare qui e hai l’influenza, voglio che tu vada a casa.” “

              
Articolo originale di Marketwatch.com