giovedì 26 novembre 2020

Il dollaro si rafforza, potenziato dalle preoccupazioni sull’impatto del coronavirus

NOI. le banconote da un dollaro sono organizzate per una fotografia il 7 settembre 2017 a Hong Kong.

studioEAST | Getty Images

Il dollaro USA è salito contro un paniere di valute per un terzo giorno giovedì, poiché le preoccupazioni per le ricadute economiche del coronavirus hanno aumentato la domanda di dollari nonostante i recenti passi delle banche centrali mondiali volte ad alleviare lo stress del mercato.

l’indice del dollaro , che misura la forza del biglietto verde rispetto a un paniere di altre sei valute principali, è aumentato di circa l’1,0% a 101. 76, il più alto da gennaio 2017. L’indice è aumentato di circa il 3% per la settimana.

“La forza del dollaro è, in effetti, un potente rally a copertura breve”, ha dichiarato Marc Chandler, capo stratega del mercato di Bannockburn Global Forex.

“È stato utilizzato per finanziare gran parte del circuito globale del capitale. Il circuito del capitale è al contrario ora e la valuta di finanziamento viene riacquistata, “Chandler ha detto.

Il rally del dollaro ha ridotto diverse valute a minimi pluriennali. L’euro era dell’1. 31% inferiore a $ 1. 077 , il più debole da aprile 2017, poiché i trader si sono precipitati a scaricare posizioni in euro nonostante un nuovo round di stimolo da parte della Banca centrale europea.

Sebbene la Banca centrale europea abbia annunciato un’attività 750 miliardi di euro (704 miliardi di sterline) programma di acquisto in risposta allo scoppio del coronavirus, gli operatori di valuta non sono rimasti colpiti.

“Mentre l’annuncio della BCE ha aiutato il mercato obbligazionario, ha fatto ben poco per l’euro”, ha detto Chandler.

Il programma di acquisto della BCE, annunciato dopo una riunione di emergenza di mercoledì scorso, è arrivato meno di una settimana dopo che i politici hanno lanciato nuove misure di stimolo.

La caduta dell’euro ha rispecchiato un improvviso ampliamento dei tassi di cambio impliciti in costi di indebitamento per il dollaro USA, indicando che gli investitori si stavano affrettando a garantire i loro finanziamenti a breve termine.

” Ci sono ancora timori riguardo al rifinanziamento del debito europeo negli Stati Uniti d ollars “, ha dichiarato Ulrich Leuchtmann, responsabile FX e ricerca di materie prime.

” Le strutture di swap dovrebbero normalmente consentire l’accesso ai finanziamenti in euro. Ma penso che questo non stia calmando il mercato. Si presume in generale che ci siano molte esigenze di finanziamento statunitensi, non solo in Europa ma anche nel mondo nel suo insieme. “

Sebbene le banche centrali globali abbiano pompato miliardi di dollari in iniezioni di liquidità di emergenza negli ultimi giorni e rafforzato le linee di scambio con alcune banche centrali globali, le pressioni sui finanziamenti in dollari sono rimaste esacerbate su tutta la linea.

Gli investitori stanno vendendo ciò che possono per mantenere i loro soldi in dollari a causa della quantità senza precedenti di incertezza causata dalla pandemia di coronavirus, che minaccia di paralizzare l’economia globale.

La Federal Reserve americana ha aperto le prese per le banche centrali in 9 nuovi paesi accedere ai dollari nella speranza di evitare che l’epidemia di coronavirus causi una disfatta economica globale. Il dollaro ha guadagnato poco prima dell’annuncio della Fed.

La sterlina britannica ha recuperato l’1. 11% dopo che la Banca d’Inghilterra ha ridotto i tassi di interesse allo 0,1% e aumentato il suo programma di acquisto di obbligazioni.

Articolo originale di CNBC