martedì 20 ottobre 2020

Il ministro delle finanze australiano afferma di essere “fiducioso” che l’economia “riprenderà con forza”

Il ministro delle finanze australiano ha affermato di essere fiducioso che l’economia “si riprenderà fortemente” alla fine della crisi del coronavirus.

Parlando alla CNBC giovedì, Mathias Cormann ha affermato che i fondamenti dell’economia australiana “rimangono solidi”.

“Siamo abbastanza fiduciosi su dall’altra parte, una volta che saremo dall’altra parte di questa crisi indotta dal coronavirus, saremo in grado di riprenderci con forza “, ha detto Cormann a” Squawk Box “della CNBC.

I commenti di Cormann sono arrivati ​​dopo che S&P Global Ratings ha dichiarato che le prospettive per il rating del credito “AAA” in Australia sono state riviste in negative da stabili su rischi rispetto a coronavirus. L’agenzia di rating ha dichiarato che potrebbe abbassare il rating dell’Australia entro i prossimi due anni se il danno economico causato dalla pandemia è più grave o prolungato del previsto.

Chiesto se potrebbe esserci più e misure monetarie per evitare una possibile recessione, Cormann ha dichiarato: “La Reserve Bank of Australia ) e il governo stanno entrambi facendo tutto il possibile.”

“La politica monetaria e la politica fiscale stanno andando molto nella stessa direzione, sostenendo l’economia, sostenendo le imprese, sostenendo i posti di lavoro”, ha affermato. “Il nostro obiettivo, ovviamente, è quello di supportare gli australiani attraverso questa sfida temporanea … per garantire che abbiamo la più forte opportunità possibile per un grande rimbalzo, abbiamo una grande ripresa dall’altra parte.”

Stimolo maggiore

Australia ha promesso un imponente pacchetto di incentivi finanziari di 320 miliardi di dollari australiani (quasi $ 20 miliardi) per combattere l’impatto economico del coronavirus pandemia – “la più grande linfa vitale della storia australiana”, secondo il Primo Ministro Scott Morrison. In base al pacchetto, i salari di milioni nel paese saranno sovvenzionati dal governo.

È improbabile che il governo australiano introduca ulteriori importanti stimoli fiscali mentre il paese alle prese con le ricadute economiche di l’epidemia di coronavirus, secondo Cormann.

Stiamo fornendo supporto per sei milioni di lavoratori attraverso questo programma JobKeeper e che è circa la metà della forza lavoro australiana.

Mathias Cormann

Ministro delle finanze dell’Australia

“Ora abbiamo messo in atto misure che rappresentano 16 .4% del nostro PIL “, ha detto Cormann. “Mentre potrebbero esserci ancora degli aggiustamenti lungo la strada … in termini di misure importanti, è così.”

“Stiamo fornendo supporto per sei milioni di lavoratori attraverso questo programma JobKeeper e che è circa la metà della forza lavoro australiana “, ha detto Cormann.

Tuttavia, ha affermato che è necessario tracciare una linea quando si tratta di titolari di visti temporanei.

“L’aspettativa è sempre che siano in grado di sostenersi in Australia, mentre in Australia, sia per lavorare attraverso i loro risparmi o accedendo alla loro pensione “, ha detto Cormann. “Per coloro che non possono farlo, il nostro consiglio molto forte è che dovrebbero tornare a casa.”

La superannunziazione in Australia è il denaro messo da parte dal datore di lavoro di una persona sul corso della vita lavorativa dell’individuo in modo che continuino a vivere dopo la pensione.

Commentando la posizione del debito australiano, Cormann ha detto era “molto confortevole” su base internazionale. Ha aggiunto che l’attuale ingente spesa a sostegno dell’economia, delle imprese e dei posti di lavoro è temporanea.

“Non stiamo inserendo passività nella linea di fondo del bilancio, non stiamo facendo cambiamenti che imporranno oneri sul bilancio nel medio-lungo termine su base strutturale “, ha detto Cormann.

A partire dalle 15:00 ora locale l’8 aprile, l’Australia aveva riportato 6, 013 casi di coronavirus e 50 decessi, secondo il dipartimento della salute del governo.

Il ministro delle finanze ha detto che la situazione dovrebbe durare per circa sei mesi.

“Sarebbe bello se fosse meno, ma saremo interamente guidati dal consiglio medico qui”, ha detto. “Non vorremmo mai chiudere gratuitamente sezioni della nostra economia se non fosse necessario per motivi di salute per salvare vite umane.”

Articolo originale di CNBC